QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Come stanno le economie italiane e degli altri ‘paesi problematici’?

AFP

Notizia NO

  • Cranio magro

    Insegnante di economia

  • Cranio magro

    Insegnante di economia

Nei giorni scorsi sono aumentate le preoccupazioni sui mercati finanziari per l’Italia dopo le dimissioni del premier Draghi. Questo ricorda dieci anni fa, quando c’erano molte preoccupazioni per gli alti debiti dell’Italia e di altri paesi.

Ma come sono progrediti questi paesi da allora? Ora guardiamo alla tanto chiacchierata Italia. Per Grecia e Irlanda, entrambe hanno dovuto rivolgersi all’UE per gli aiuti di emergenza.

Ecco le statistiche sulla disoccupazione e sul debito pubblico in questi tre paesi dal 2005:

  • NOS

  • NOS

Italia: ‘Mud On’

L’Italia non ha mai ricevuto un pacchetto di aiuti di emergenza dall’Unione Europea e dal Fondo Monetario Internazionale durante la crisi. Di conseguenza, non potevano avanzare richieste di riforma in cambio di miliardi, cosa che è accaduta in Grecia e in Irlanda.

“È principalmente confuso in Italia”, afferma l’economista di ING dell’eurozona Bert Kolijn. “Devi concludere che molti progetti di riforma sono morti in bellezza”.

Dopo la crisi, l’Italia ha avuto un nuovo presidente del Consiglio ogni due anni. Il Paese è entrato in crisi con Silvio Berlusconi, che ha dovuto dimettersi nel 2011, perché i mercati finanziari si fidavano meno di lui e i rendimenti dei titoli di Stato sono aumentati. Poi sono arrivati ​​Mario Monti, Enrico Letta, Matteo Renzi, Paolo Gentiloni, Giuseppe Conte e Mario Draghi.

Le riforme si sono ritorte contro

Mario Draghi, l’ex capo della Banca Centrale Europea, ha goduto delle speranze dei mercati di riformare strutturalmente l’economia italiana. Ma la sua premiership si è conclusa questa settimana. “Ad esempio, ha lavorato per modernizzare il sistema legale e garantire una maggiore concorrenza tra le aziende. La domanda ora è se il prossimo governo continuerà in questo modo”, afferma Kolijn.

Come risultato di questo caos, il debito pubblico italiano e la disoccupazione sono ancora elevati rispetto agli altri paesi dell’euro.

Grecia: “Non del tutto recuperata”

L’economia greca è stata duramente colpita durante la crisi dell’euro. In pochi anni, la disoccupazione è passata da meno del 10 per cento a più del 25 per cento. Ma da allora, è sceso costantemente al 13%.

“Sebbene l’economia stia ora andando sorprendentemente bene dopo la corona, la Grecia non si è ancora completamente ripresa dalla crisi”, afferma Bert Kolijn di ING.

Secondo l’UE, anche la Grecia ha formalmente attuato le riforme necessarie in cambio del sostegno. Secondo l’Unione Europea, questi includono modifiche alle tasse sugli immobili, allo stato di diritto e alla gestione delle finanze pubbliche. Ecco perché il Paese è soggetto a un’intensa sorveglianza da parte dell’Unione Europea, Fine mese prossimo.

La Grecia ha ancora un debito pubblico di circa il 200 per cento del PIL, mentre l’UE mira ad avere un massimo del 60 per cento del PIL tra tutti gli Stati membri. “Sarà molto difficile riportarlo a un livello normale nel prossimo futuro”, afferma Kolijn. “I creditori che cancellano i loro debiti sono un ostacolo all’interno dell’UE, ma non può essere evitato se si vuole affrontare strutturalmente questo alto livello di debito”.

READ  L'Italia vuole riconoscere il suo espresso come Patrimonio dell'Umanità

Irlanda: ‘Tutti insieme’

L’Irlanda ha dovuto rivolgersi all’UE e al FMI per decine di miliardi di aiuti nel 2010 a causa di un problema specifico: una crisi immobiliare ha minacciato di rompere le banche, che sono state poi salvate dal governo irlandese, lasciando il governo profondamente indebitato e perdere la fiducia. Nei mercati finanziari.

Ma a parte quella crisi bancaria, l’economia irlandese era strutturalmente in una forma migliore di quella di Italia e Grecia. “Ha più dinamiche, ad esempio, sono attive più multinazionali”, afferma Bert Kolijn di ING. “L’Irlanda ha avuto una profonda depressione, ma da allora ne è uscita più forte. Questo perché il paese è così attraente in termini di tasse”.

L’economia irlandese era cresciuta molto prima della crisi bancaria, con la disoccupazione a un 5% relativamente basso e il debito pubblico al 56%, quindi al di sotto della soglia dell’UE e leggermente superiore al 52% dei Paesi Bassi.