QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Compromessi del governo federale sulla vaccinazione obbligatoria nell’assistenza sanitaria

In effetti, c’era già un accordo lunedì, ma i socialisti francofoni si sono poi ritirati dalla parola data dopo le critiche dei sindacati sulla punizione prevista per coloro che ancora rifiutano il vaccino: il licenziamento. I partiti del governo federale hanno ora raggiunto un compromesso in base al quale dal prossimo anno sarà una pugnalata corona obbligatoria per i dipendenti nel settore dell’assistenza.

In concreto: ci sarà un periodo di transizione dal 1 gennaio al 1 aprile. Chiunque non sia stato vaccinato nel settore sanitario durante tale periodo deve sottoporsi a un test corona ogni 72 ore. Chi si rifiuta lavorerà in disoccupazione temporanea. Se la persona è stata vaccinata prima della fine di marzo, il periodo di disoccupazione temporanea viene prolungato di 6 settimane fino a quando non può ricevere la seconda iniezione.

Ma a chi non è stato ancora vaccinato il 1° aprile verrà automaticamente risolto il contratto di lavoro e tornerà subito alla piena indennità di disoccupazione. Si tratta pur sempre di una forma di licenziamento, a meno che – e questa è una novità rispetto a lunedì – il dipendente non abbia chiesto di mantenere il contratto di lavoro entro il 31 marzo. In questo caso la comunicazione viene sospesa e il lavoratore non percepisce alcuna retribuzione o beneficio, ma viene preservato il rapporto con il datore di lavoro. Quindi il dipendente può ancora cambiare idea ed eventualmente lavorare altrove nel frattempo.

READ  La caduta della più grande statua confederata negli Stati Uniti | All'estero