QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le truppe bielorusse potrebbero aver aiutato gli emigranti in …

Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha ammesso in un’intervista alla BBC che era “abbastanza possibile” che le sue forze avrebbero aiutato i migranti a entrare in Polonia.

Siamo slavi. Abbiamo un cuore. “Le nostre forze sanno che i migranti stanno andando in Germania”, ha detto Lukashenko. BBC. “Forse qualcuno li ha aiutati, ma non indagherò nemmeno.

Migliaia di migranti, per lo più dal Medio Oriente, stanno in Bielorussia al confine con la Polonia, sperando di entrare nell’Unione Europea. Secondo i paesi dell’Unione europea, la colpa di questa situazione è la Bielorussia. Si dice che il paese aiuti i migranti ad attraversare il confine polacco per fare pressione su Bruxelles per allentare le sanzioni.

Nell’intervista, Lukashenko nega di invitare gli immigrati in Bielorussia. “Ho detto all’Unione europea che non tratterò i migranti alla frontiera perché non verranno nel mio paese, ma nell’Unione europea”, ha detto Lukashenko. “Ma non li ho invitati qui. Ad essere onesti, non voglio che passino attraverso la Bielorussia.

Lukashenko è al potere dal 1994, ma la sua rielezione a presidente l’anno scorso è stata accolta con grande scetticismo dall’Occidente e non riconosciuta dall’Unione europea. Dopo il risultato elettorale grandi proteste.

Nell’intervista, Lukashenko ha ammesso che i suoi servizi di sicurezza hanno picchiato le persone scese in piazza contro il suo regime carcerario. “Okay, beh, lo ammetto, lo ammetto. Le persone sono state picchiate nella prigione di Okristina. Ma anche i poliziotti sono stati picchiati e non lo dimostri. “

uccidere

Le guardie di frontiera polacche hanno appreso della morte di almeno sette persone al confine. Almeno dieci persone sono state uccise, secondo un’organizzazione per i diritti umani.

READ  Arancio dal paradiso all'inferno e ritorno dopo un finale pazzesco contro l'Ucraina | Campionato Europeo 2020

Jens Stoltenberg, segretario generale della Nato, continua a descrivere la situazione al confine molto preoccupante. “L’uso da parte del regime di Lukashenko di persone vulnerabili per fare pressione su altri paesi è ridicolo e disumano”.