QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Corona non è paragonabile alla crisi attuale”

Le aziende devono ancora subire il colpo più grande e lo sentiremo tutti. Così afferma Johann Jeromes, direttore del rischio in Benelux presso Allianz Trade, la più grande compagnia di assicurazioni del credito al mondo.

Mentre molte persone bramano un barlume di speranza economica e sperano che il dolore finisca, la dura verità è che lo shock più grande deve ancora arrivare. ‘allacciare le cinture’ Johann Jeromes avverte. Ci sono molti fattori negativi invisibili combinati. Si rafforzano a vicenda e questo porta a un effetto domino negativo.

La crisi energetica ha causato un’impennata dell’inflazione che porta a aumenti salariali elevati, aziende ad alta intensità energetica in Europa che si mettono nei guai, un dollaro forte che rende le merci più costose che porta all’inflazione, le banche centrali che fanno soldi più costosi e le aziende che fatturano. Paga sempre più tardi, il che mette in difficoltà altre aziende, le banche che stanno rendendo più costosa la finanza aziendale e vedono aumentare le insolvenze. “Tutto si influenza a vicenda”, dice Jeromes. Finché la guerra continua e Corona crea incertezza, le cose non miglioreranno.

Dici che sarà peggio della crisi del Corona, molto peggio? È una crisi grave, come quella avvenuta durante la crisi finanziaria?

È davvero meglio confrontarlo con l’entità della crisi finanziaria. Durante Corona hai visto crollare la domanda perché non potevi più consumare. Di conseguenza, la capacità di risparmio delle famiglie è aumentata notevolmente. Tutti accumulavano soldi. Ora vedi le famiglie che lottano per pagare le bollette e la capacità di risparmiare diminuisce. Ma non sottovalutare quanto difficile possono permettersi le aziende europee.

READ  19 casi di ricovero all'ospedale belga per salmonella a Ferrero

L’Europa sanguina dalla guerra e gli Stati Uniti hanno interesse per una lunga guerra?

Gli Stati Uniti non hanno alcun interesse a fermare la guerra. Il settore energetico e la loro industria delle armi è in piena espansione. Il loro pool chimico è fiorente a Houston, mentre Anversa, la seconda più grande, è sottoposta a una pressione tremenda. Le aziende ad alta intensità energetica che possono produrre al di fuori dell’Europa lo fanno. L’Europa è stata colpita due volte da questa crisi. Un dollaro più forte rende anche il petrolio più costoso per gli europei. Il prezzo del gas è comunque un problema europeo. L’Europa ha solo pochi potenziali fornitori di gas, ad un certo punto ho visto che i prezzi del gas negli Stati Uniti erano solo un decimo di quelli in Europa.

Le aziende ad alta intensità energetica in Europa sono sotto forte pressione, ma anche le PMI sono nella zona di pericolo?

Molti lavoratori autonomi e piccole e medie imprese, come i proprietari di snack bar e fornai, scompariranno. Non possono bypassare completamente l’aumento dei prezzi degli input ei loro margini sono sotto pressione. Poi i fornai devono perdere il pane al supermercato. Chi non riesce a calcolare i propri costi ha un problema. Di norma, le grandi aziende hanno un potere di determinazione dei prezzi molto maggiore. Le piccole e medie imprese sono più vulnerabili e ne abbiamo molte in Belgio.

Dici che il vero shock deve ancora venire?

C’è un fattore di ritardo. I prezzi elevati dell’energia, ad esempio, vengono filtrati solo dopo un ritardo. Chiunque fosse ancora per metà coperto riceverà solo metà dello shock. Inoltre, lo shock da gas può peggiorare. Ad esempio, Gazprom potrebbe rispondere a un tetto massimo di prezzo chiudendo completamente il rubinetto. Le tensioni geopolitiche continuano a gravare sul mercato. Queste tensioni potrebbero ancora aumentare.

READ  Secondo 'Black Saturday' sulle strade europee a causa del traffico festivo: oltre 1.000 km di congestione del traffico in Francia questo pomeriggio viaggia

Energia più costosa e dollari più costosi significano che stiamo entrando anche nell’inflazione?

‘è un problema. Questo a sua volta porta a tassi di interesse più elevati. La Banca centrale europea è in ritardo rispetto agli Stati Uniti per quanto riguarda i tassi di interesse, il che significa che il capitale va in dollari. Se la Bce alza troppo i tassi di interesse, le banche italiane e francesi saranno in difficoltà. Puoi già vedere che i tassi di interesse del mercato monetario stanno aumentando e le banche stanno effettivamente facendo soldi più costosi, che è una cattiva notizia per le aziende che lottano per finanziare il proprio capitale circolante?

Aziende che aspettano il più a lungo possibile per pagare le bollette?

Poiché i costi sono elevati, mancano di capitale circolante, i loro margini di profitto sono sotto pressione e quindi aspettano il più a lungo possibile per pagare i conti da soli. Questo rende le aziende più in difficoltà l’una per l’altra. Questo crea un effetto domino. Durante Corona, i governi sono stati ancora in grado di aiutare collettivamente le imprese e le famiglie, ma c’è un problema in Belgio. Il debito pubblico torna alle condizioni italiane. Molti soldi del governo sono già stati spesi per Corona ed energia. Belgio ai suoi confini.

anche le aziende?

Molte aziende hanno ancora debiti fiscali a causa del rinvio dei pagamenti durante il Corona. Si teme che le aziende accumulino debiti, compreso il crescente onere degli interessi. Questo può essere conservato solo per un certo periodo di tempo.

Prevedi un aumento dei fallimenti?

“Stiamo già assistendo a un aumento dei fallimenti in Belgio del 39% quest’anno, ma è ancora al di sotto del livello pre-corona. Fino a poco tempo, pensavamo che il numero di fallimenti sarebbe aumentato di un quarto l’anno prossimo, ma il mese prossimo elaboreremo nuove stime che saranno ancora più elevate. Il problema è che la crisi arriva in un brutto momento. Molte aziende si stavano ancora riprendendo dalla crisi del Corona.

READ  I prezzi di Bitcoin, Ethereum e Cardano stanno recuperando un po ', ma quale criptovaluta si sta riprendendo più velocemente? Insider sulla crittografia

Sei una compagnia di assicurazione del credito che assicura le aziende contro il default. Cosa vedi nel sito?

“L’ultimo trimestre abbiamo visto i reclami aumentare dal 60 al 70 percento a causa di grandi biglietti. Prendi ad esempio un file come Makro Metro. Quella società è stata rilevata e tre mesi dopo è entrata in Concordat. Questo è qualcosa che nessuno si aspettava subito dopo l’acquisizione. ” Il mio consiglio alle aziende è di assicurarsi che siano il più diffusi possibile in relazione ai clienti. Le inadempienze dei clienti sono la principale causa di fallimento. Attualmente, i tassi di copertura delle insolvenze non sono ancora aumentati, ma mi aspetto che salgano.

Quando pensi che varcheremo la soglia del dolore?

“Il quarto trimestre di quest’anno e il primo dell’anno prossimo saranno davvero pessimi. L’industria tedesca è sotto forte pressione e anche noi lo sentiremo. Basta aggrapparsi ai rami degli alberi”.