QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Dopo 262 giorni di ‘resta nella tua stanza’: la chiusura più lunga del mondo…

© ISOPIX

262 giorni “soggiorno in camera”. Nessuna città al mondo ha trascorso più giorni in isolamento di Melbourne dall’inizio della pandemia di coronavirus. Ma ora sta cambiando: nonostante l’aumento del numero di infezioni, le misure Corona saranno allentate nella capitale australiana la prossima settimana.

mtmFonte: Belga, Reuters

Sei diversi arresti che sono durati tutti per circa nove mesi. Con 262 giorni, Melbourne ha un “blocco da record mondiale” secondo i media australiani, seguita dalla capitale argentina, Buenos Aires (con 234 giorni).

Intanto continua ad aumentare il numero dei contagi a Victoria, lo stato australiano e capitale di Melbourne. Domenica ci sono stati ancora 1.838 nuovi contagi nello stato. All’inizio di questa settimana, erano 2.297, il numero più alto dallo scoppio dell’epidemia di Corona.

Tuttavia, Daniel Andrews, il primo ministro del Victoria, ha buone notizie per i residenti. La prossima settimana verrà raggiunto un tasso di vaccinazione del 70% e le procedure potranno essere allentate. “Possiamo essere molto orgogliosi di ciò che abbiamo raggiunto”, ha detto Andrews. “Possiamo riaprire”.

© ISOPIX

Andrews ha annunciato che le misure saranno allentate venerdì prossimo. Il settore della ristorazione e – alcuni – negozi potranno riaprire, anche se a condizioni rigorose come la capacità limitata. Una volta che Victoria raggiungerà un tasso di vaccinazione dell’80%, le procedure saranno più flessibili e, ad esempio, anche i locali notturni potranno riaprire. Si prevede che tale obiettivo venga raggiunto “al più tardi” entro il 5 novembre.

Il primo ministro australiano Scott Morrison ha annunciato il mese scorso che l’Australia ha cercato di tenere a bada il virus per più di un anno, ma ora sta imparando a convivere con il Covid-19.

© ISOPIX

READ  Putin si vanta dell'influenza della marina russa: ``Possiamo ...