QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli allevatori di pollame intorno a Heeten sperano che le conseguenze del divieto di influenza aviaria non siano così gravi

“Spero, perché è un hobbista, che non sia così male e che le azioni siano di breve durata”. L’allevatore di pollame Peters of Lettele è molto deluso dal divieto di trasporto ora in vigore a seguito di una diagnosi di influenza aviaria a Heeten. Peters ha un’attività di cova di uova, che di solito vengono raccolte due volte a settimana per l’esportazione. Quindi questo non è possibile al momento a causa del divieto di trasferimento.

L’influenza aviaria è stata diagnosticata martedì in allevamenti privati ​​di pollame a Hettin. In seguito furono uccisi più di seicento animali di questa fattoria, inclusi cigni e anatre. La NVWA ha immediatamente imposto un divieto di trasporto a tutti gli allevamenti di pollame entro un raggio di dieci chilometri dalla contaminazione. Entro un raggio di tre chilometri intorno a questo sito, tutti gli allevamenti di pollame vengono controllati per l’influenza aviaria. Anche Peters e la sua compagnia si trovano entro quei tre chilometri.

a scapito della qualità

“La NVWA mi ha chiamato martedì mattina per la contaminazione. Hanno detto che il divieto di trasporto si applica in ogni caso per quattordici giorni. Quindi devo conservare le uova da solo per così tanto tempo, e questo va a scapito della qualità”. Non può ancora dire quanto gli costerà finanziariamente, ma più a lungo vengono applicate le misure, maggiore è la perdita finanziaria. “Tutti i disordini hanno conseguenze”.

Peters ora spera principalmente che il virus non venga rilevato in nessuno degli allevamenti di pollame esaminati dalla NVWA. Perché si aspetta che le procedure richiederanno molto più tempo. Quindi anche le conseguenze per il suo mestiere sono maggiori. Il commercio di uova nel suo paese non è davvero un’opzione per lui. “Posso vendere qui solo su una base molto limitata.”

READ  La Summer School all'Erasmus University è un buon indicatore del successo dello studio

Tanta gestione aggiuntiva

A pochi chilometri a Raalte, fuori dall’area dei tre chilometri ma all’interno dell’area dei dieci chilometri, Robert Nijkamp lavora nella sua azienda con pollame e mucche. “Ora ho molta gestione in più a causa del divieto di trasferimento. Ma al momento non ho alcun danno in termini di polli da carne. Saranno qui per le prossime settimane, prima che vengano raccolti”. Se il divieto di trasferimento dovesse durare più a lungo, anche per lui la storia sarebbe diversa. Come differiscono non è ancora noto.

Il divieto di delocalizzazione non ha alcuna conseguenza per la parte dell’azienda in cui alleva le mucche, perché le due parti dell’azienda sono ben separate l’una dall’altra. Nijkamp sta ora prestando particolare attenzione al suo pollame. “Ora starai guardando attentamente per qualsiasi perdita nel tuo pollame. Se non sei abituato a qualcosa, ora è importante suonare immediatamente il campanello”.

Il sindacato non si aspetta ulteriori infortuni

Bart Jan Oblatt, presidente dell’Associazione olandese degli allevatori di pollame, non si aspetta che ci saranno più infezioni entro un raggio di tre chilometri così come infezioni negli allevamenti hobby. “Mi aspetto che rimanga così. La cautela con cui abbiamo a che fare ora è davvero interessante. Abbiamo sviluppato molti protocolli di igiene a seguito del 2003, quando l’influenza aviaria è passata di fattoria in fattoria. non lo vedo più davvero.'”