QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli Stati Uniti fanno causa a Huawei CFO: consentire a una donna di tornare in Cina | All’estero

Meng Wanzhou, direttore finanziario del Huawei Telecom and Technology Group cinese, ha firmato un accordo con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti. Questo rimuoverà le accuse di frode e cospirazione contro il CEO. Finché Meng non violerà i termini dell’accordo, non sarà citata in giudizio.




Il governo degli Stati Uniti venerdì ha proposto a un tribunale di New York di “ritardare” il processo del chief financial officer del colosso cinese delle telecomunicazioni Huawei, Meng Wanzhou, fino alla fine del 2022. Il regista è stato processato in tribunale per tre anni, tra cui frode bancaria. Il pubblico ministero si impegna quindi a non perseguire se l’imputato accetta di soddisfare determinati requisiti. Il governo ha già denunciato uno dei sospetti, ma non ha fatto nulla al riguardo. L’accordo scade il 1 dicembre 2022 e ha una durata di quattro anni.

Se la corte federale di Brooklyn conferma i termini dell’accordo proposto da un rappresentante del dipartimento di giustizia degli Stati Uniti, Meng Wanzhou potrebbe tornare in Cina. Il regista è apparso alla sessione in video dal Canada venerdì. È agli arresti domiciliari in Canada. Meng ha detto che si è dichiarato non colpevole in tribunale.

Meng Wanzhou, figlia del fondatore di Huawei Ren Zhengfei, potrà tornare in Cina dopo quasi tre anni grazie all’accordo. Questo porrà fine alla lunga battaglia legale e alle tensioni tra Cina, Stati Uniti e Canada.

Arresto

L’imprenditrice di 49 anni è stata detenuta all’aeroporto canadese di Vancouver il 1° dicembre 2018, su richiesta degli Stati Uniti. Le autorità statunitensi volevano che fosse processata per frode bancaria. Secondo i tribunali statunitensi, il n. 2 ha mentito a Huawei sui collegamenti tra il gruppo di telecomunicazioni e Skycom durante un incontro del 2013 a Hong Kong con un dirigente di HSBC. Quella sussidiaria ha venduto attrezzature all’Iran, il che sarebbe una violazione delle sanzioni commerciali statunitensi contro Teheran.

READ  Le città cinesi sequestrano i soldi di Evergrande | Economia

Tensioni tra Cina, Stati Uniti e Canada

Meng è stato costretto a rimanere a Vancouver, in Canada, in attesa della sua estradizione negli Stati Uniti. Il Wall Street Journal ha riferito che i pubblici ministeri statunitensi stanno ora permettendo a Meng di tornare nella sua nativa Cina.

L’arresto di Meng ha messo a dura prova le relazioni tra la Cina da un lato e gli Stati Uniti e il Canada dall’altro. Subito dopo l’arresto, la Cina ha arrestato due canadesi. Uno di loro, Michael Spavor, è stato condannato ad agosto a 11 anni di carcere per spionaggio.

Fonti informate hanno riferito all’agenzia di stampa Reuters che Huawei non farà parte dell’accordo tra Wenzhou e la magistratura e continua a combattere le accuse contro il gruppo. Huawei e il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti devono ancora commentare il caso, ha scritto il Wall Street Journal.

Colpisci e indebolisci Huawei

Il governo cinese ha sempre affermato che il governo degli Stati Uniti, sotto il presidente Donald Trump, voleva principalmente colpire e indebolire Huawei. Nelle ultime settimane, gli avvocati di Wing hanno sostenuto che gli Stati Uniti sono principalmente colpevoli di abuso del codice di procedura.

Imprenditore canadese in Cina condannato a 11 anni di carcere

I documenti mostrano che Huawei ha fornito l’attrezzatura all’Iran

Huawei è in cima alla lista delle donne con la borsa Hermès, le scarpe Jimmy Choo e… il braccialetto alla caviglia