QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Hajar Hajji, riempitrice di scaffali diventa una donna d’azione

Hajar Hajji, 41 anni, sarà il nuovo CEO di Action. Ha iniziato la sua carriera con la serie all’età di 17 anni, come riempitrice di scaffali.

La catena di vendita al dettaglio olandese in rapida crescita Action ha un nuovo leader. Sander van der Laan (53), che ha aumentato il volume di vendita della catena da 2 a 5,6 miliardi di euro negli ultimi sei anni, passerà il timone a gennaio al direttore commerciale Hajar Hajji (41). Dovrebbe portare la catena al dettaglio a un fatturato di 10 miliardi di euro entro quattro anni. Il numero di negozi dovrebbe aumentare dagli oltre 1.700 di oggi a 3.000.

l’essenza

  • Action acquisisce un nuovo CEO: Hajar Hajji.
  • Ha iniziato la sua carriera in Action 24 anni fa, all’età di 17 anni, come riempitrice di rack.
  • Ha scalato i ranghi e ha ricoperto la carica di Direttore commerciale negli ultimi tre anni.
  • Ho provato l’e-commerce, tra le altre cose. Le vendite digitali diventeranno una priorità per la catena di negozi nei prossimi anni.

È scritto nelle stelle che Action viaggerà in più paesi sotto il dominio dell’Hajj. I primi punti vendita apriranno in Spagna il prossimo anno. L’anno scorso Action è andato in Italia e nella Repubblica Ceca. La catena è ora attiva in nove paesi in Europa. Dal 2005 anche in Belgio, dove lo scorso anno si sono aggiunti dodici negozi. Ora ci sono 200 negozi belgi.

Servito in pasticceria

Nata e cresciuta ad Amsterdam, Hajji conosce bene la catena di negozi, avendo lavorato lì da quando aveva 17 anni. Negli ultimi tre anni è stata responsabile commerciale. In precedenza, è stata per sette anni responsabile di Action Stores al di fuori dei Paesi Bassi.

Al-Hajji potrebbe non aver pensato che sarebbe diventata la donna più alta della catena quando stava cercando un lavoro temporaneo. Aveva interrotto i suoi studi in scienze sociali dell’educazione e voleva guadagnare un po’ di soldi prima di iniziarne uno nuovo. Ha fatto domanda per un lavoro in una panetteria, in un supermercato e in Action, ha detto al quotidiano di settore Het Financieele Dagblad un anno fa. L’opera è stata la prima a rispondere.

L’unica donna dell’azienda si è evoluta in 14 anni da riempitrice di scaffali a membro del consiglio di amministrazione. Il mondo esterno ha saputo di lei all’inizio della pandemia di Corona, quando ha messo un coltello alla gola dei fornitori di Action. L’azione ha visto un forte calo delle sue vendite perché molti negozi sono stati costretti a chiudere per ordine del governo. Al-Hajj ha informato i fornitori in una lettera che non avrebbero ricevuto i loro soldi fino a dopo 90 giorni invece del già generoso periodo di 60 giorni. In seguito mi sono scusato per questo.

negozio online

L’azienda ha sofferto molto a causa della crisi, ma ha tenuto. L’anno scorso, per la prima volta nella storia, le vendite dei negozi sono diminuite dell’1,4%. Il margine operativo lordo (EBITDA) è aumentato dell’1% a 616 milioni di euro, grazie a decine di nuovi negozi che hanno aperto i battenti.


L’azione è pronta per la prossima fase dell’agenda di crescita, con una maggiore attenzione alla crescita digitale e sostenibile. Due parti di cui Hajar è attualmente responsabile.

Anche il progetto Hajj ha fornito un po’ di supporto. Ho iniziato a sperimentare con un negozio online: ad alcuni negozi belgi e francesi è stato assegnato un punto di raccolta.

Prima di Corona, Action ignorava completamente il boom dell’e-commerce, perché la catena non aveva affatto bisogno di un negozio online. I prezzi bassi hanno attirato abbastanza persone nei negozi. Inoltre, prezzi così bassi renderanno impossibile rendere redditizio un negozio online. Per questo motivo, altre famose catene di vendita al dettaglio economiche, come Primark, non dispongono di un negozio online.

Durante l’aura, è apparso il rovescio della medaglia. A causa delle chiusure dei negozi, in alcuni paesi non ci sono state entrate, mentre altre catene di vendita al dettaglio possono ancora fare affidamento sui loro negozi digitali. L’esperimento di Hajj sembra aver ottenuto l’approvazione del Major Shareholder 3i, un fondo di investimento. L’azione è pronta per la prossima fase dell’agenda di crescita, con una maggiore attenzione alla crescita digitale e sostenibile. Due parti di cui Hajar è attualmente responsabile.

READ  L'Orient Express si ferma brevemente ad Essen: gli appassionati aspettano per ore... (Essen)