QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I carlini soffrono di così tanti problemi di salute che non possono più essere considerati un cane tipico

I ricercatori del Royal Veterinary College hanno incluso le 40 condizioni più comuni nei due gruppi e hanno confrontato quanto fossero comuni nei carlini e in altri cani.

Ha scoperto che nel corso di quell’anno, era più probabile che il carlino finisse dal veterinario con casi di uno o più altri cani nel corso di quell’anno.

Per 23 delle 40 condizioni comuni (57%), i Carlini erano a rischio significativamente più elevato. Le condizioni che molto probabilmente includevano la sindrome da ostruzione delle vie aeree omerali – una condizione causata da un naso corto che può causare problemi respiratori acuti e spesso cronici – restringimento delle narici, infiammazione degli occhi e infezioni delle pieghe cutanee.

D’altra parte, avevano meno probabilità di sviluppare altre 7 delle 40 condizioni comuni (17%) rispetto ad altri cani. Questi includevano soffi cardiaci, globuli di grasso, aggressività e ferite.

I ricercatori sostengono che le differenze significative tra i profili di salute dei cuccioli e di altri cani indicano che il carlino è ora così diverso dalle razze canine tradizionali che non può più essere considerato un cane tipico dal punto di vista della salute.

“Finché persisteranno questi gravi tratti malsani, continueremo a consigliare vivamente ai potenziali acquirenti di non acquistare razze brachicefale come il Carlino”, ha detto alla BBC Justin Shutton, presidente della British Veterinary Association. Un invito a cui si è unito il professor Dan O’Neill, Study Leader presso il Royal Veterinary College.

READ  La guerra in Ucraina accresce le tensioni sulla Brexit tra Bruxelles e Londra