QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il comunicato di Sales allarga il divario con gli attivisti

Il comunicato di Sales allarga il divario con gli attivisti

un report Israele

Quella che doveva essere una tranquilla tavola rotonda sul mondo accademico israeliano si è trasformata martedì sera in un’accesa protesta. Il preside dell'Università di Lovanio, Luc Sales, è stato costretto a lasciare l'aula da una porta sul retro mentre gli attivisti filo-palestinesi gli urlavano contro.

Luc Sils è stato invitato martedì sera come relatore di chiusura di una conferenza tenuta dal KU Leuven Metaforum dal titolo “La guerra a Gaza”. Qual è il ruolo dell'università? Il rettore dell'università ha annunciato che la KU Leuven non avvierà più nuove collaborazioni con le istituzioni governative israeliane e sostiene la richiesta di emettere un mandato di arresto contro il presidente israeliano Benjamin Netanyahu presso la Corte penale internazionale dell'Aia.

Un Sales visibilmente commosso ha lasciato l'edificio attraverso la porta sul retro, scortato dalla sicurezza

Tuttavia Sales ha anche espresso il suo scontento per le proteste contro i legami esistenti tra le università e le istituzioni israeliane e ha definito sorprendente l'occupazione delle università. «Le proteste prendono di mira le università. Basta provare a protestare contro la politica, o contro le aziende.

Ciò ha causato grande malcontento da parte del pubblico e gli studenti hanno lasciato la stanza. Gli attivisti hanno cantato “Palestina libera”, dopo di che il rettore dell’università ha interrotto il suo discorso, e ne è seguita un’accesa discussione con Samir Khaled, portavoce ufficiale e iniziatore dell’occupazione De Valk 3.

Principale interessato

Dopo la metafora, Khaled ha sottolineato che il divario tra l'amministrazione universitaria e gli studenti è ancora enorme: “Sono molto arrabbiato, e ho anche il diritto di esserlo”. “La mia gente viene uccisa, ma il rettore dell’università ci sminuisce”, ha osservato Khaled, riferendosi ai commenti di Sales sulle proteste. “Lui finge che sia facile, ma non è facile andare contro il tuo istituto scolastico che deve anche rilasciare la tua laurea.”

READ  L'uomo d'affari russo promette 1 milione di dollari a chiunque venga arrestato da Vladimir Putin come criminale di guerra

Khaled ha continuato: “Siamo lieti di sentire finalmente in termini chiari che non ci sarà alcuna futura cooperazione con le istituzioni governative israeliane, ma che questa non dovrebbe essere limitata alla durata del regime di Netanyahu. L’oppressione palestinese continua da molto più tempo.

Quando se ne andò, i manifestanti presenti salutarono il rettore dell’università con fischi e slogan come “Vergogna a Luke Sales”. Sells, visibilmente commosso, ha lasciato l'edificio dalla porta sul retro scortato dalla sicurezza e non ha voluto commentare ulteriormente.

Inizio tranquillo

La serata è iniziata tranquillamente. Maya Wind, un’antropologa ebreo-israeliana dell’Università della British Columbia, ha riassunto le principali scoperte nel suo libro costellazioni Avorio e acciaio. Ciò dimostrerebbe che tutte le università israeliane hanno un profondo legame storico e ideologico con “lo stesso regime che ha oppresso il popolo palestinese per decenni”.

Omar Al-Jabari Salamanca (Libera Università di Bruxelles) ha poi affrontato la terribile situazione a Gaza e nel resto della Palestina, su una scala che “non può essere compresa dalla sola ricerca scientifica”. Secondo Salamanca, ciò di cui i palestinesi hanno bisogno oggi non è la carità, ma “la nostra sincera e sincera solidarietà”.

Fu solo quando Sales spiegò la posizione dell'università sulla base di una serie di principi fondamentali che l'atmosfera si inaspriva

Dopo gli interventi di Brigitte Hermans (Università di Ghent) e Maurits Berger (Università di Leida), sono seguite diverse domande del pubblico, alle quali ha risposto il panel. Sills si è poi fatto avanti per concludere la serata. “Sono dalla tua parte”, iniziò scherzando, “anche se questo potrebbe essere una sorpresa per alcuni.”

READ  Boris Johnson ha perso di nuovo la sua credibilità, questa volta su un articolo miracolosamente scomparso dalla moglie

Sells ha elogiato il nuovo libro di Wind e lo ha addirittura consigliato al pubblico, anche se ha affermato di non essere sempre d'accordo con il contenuto e di non averlo ancora letto interamente da solo. Fu solo quando Sells spiegò la posizione dell'università sulla base di una serie di principi fondamentali che l'atmosfera si fece dura. Il rettore dell'università è rimasto in gran parte fedele all'approccio precedentemente pubblicizzato e ha criticato gli attivisti.

Protesta bruciante

Da diverse settimane cresce la protesta contro la cooperazione accademica con Israele. Dalla scorsa settimana gli studenti occupano l'edificio De Valk 3, l'edificio della Facoltà di Giurisprudenza. Gli studenti chiedono un boicottaggio accademico

Gli studenti protestano non solo a Lovanio, ma anche alla VUB e all'Università di Ghent. La VUB ha poi annunciato di voler interrompere la collaborazione con due istituzioni israeliane. L'Università di Gent terminerà anche la sua cooperazione con tre istituzioni.

Al KU Leuven non si è ancora arrivati ​​a questo. L'università ha detto in precedenza che adotterà un atteggiamento di “attenzione e moderazione” quando intraprenderà nuovi progetti con le istituzioni israeliane. Pertanto, non stabilirà alcuna nuova cooperazione con le istituzioni governative.