QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il “debole” Boris Johnson rimane primo ministro, ma… “dovrà lottare ogni giorno per la sopravvivenza politica”

Boris Johnson non è l’unico leader britannico conservatore che ha dovuto affrontare un voto di fiducia ed è sopravvissuto in primo luogo.

Il predecessore di Johnson, Theresa May, ha affrontato un voto di fiducia nel dicembre 2018 dopo che non è riuscita a ottenere il suo accordo sulla Brexit attraverso il Parlamento. Ha vinto il 63 percento (Boris Johnson ora ha il 59 percento). Cinque mesi dopo, sta ancora gettando la spugna, a causa del fallito accordo sulla Brexit e dello scarso risultato alle elezioni europee.

Nel 1989 anche Margaret Thatcher dovette fare i conti con un voto di fiducia. Ha vinto in modo convincente con l’84% dei voti. Tuttavia, questo risultato indicava che c’era un certo malcontento all’interno del suo partito nei confronti della Thatcher, che era allora Primo Ministro del Regno Unito per un decennio.

Il risentimento crebbe l’anno successivo. Ancora una volta è andato al voto e la Thatcher ha vinto ancora, ma il margine non era abbastanza grande quindi è stato necessario organizzare un secondo turno secondo le regole allora. La combattiva Thatcher inizialmente voleva partecipare, ma si ritirò due giorni dopo, ponendo fine alla sua leggendaria premier.

READ  Il Partito Verde tedesco accetta di avviare i negoziati del governo di coalizione | All'estero