QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il giudice ordina agli Stati Uniti di smettere di espellere le famiglie di immigrati |  All’estero

Il giudice ordina agli Stati Uniti di smettere di espellere le famiglie di immigrati | All’estero

Giovedì un giudice federale ha ordinato al governo degli Stati Uniti di sospendere l’espulsione immediata delle famiglie di immigrati con il pretesto di combattere il COVID-19. Il giudice Emmett Sullivan ha affermato che ci sono molte misure alternative per frenare la diffusione del virus.




“Data l’ampia disponibilità di test, vaccini e altre misure sanitarie, la Corte non è convinta che la trasmissione di Covid-19 non possa essere interrotta durante le procedure di frontiera”, ha scritto nella sua sentenza di 50 pagine.

Allo scoppio della pandemia, l’allora presidente Donald Trump decise di chiudere temporaneamente le frontiere agli immigrati. Tutte le persone entrate illegalmente nel Paese sono state immediatamente espulse. Il successore di Trump, Joe Biden, ha deciso di smettere di espellere i minori, ma alle famiglie e agli adulti è ancora vietato l’ingresso nel Paese.

Le organizzazioni per i diritti umani sono soddisfatte della sentenza del giudice. “Il presidente Biden avrebbe dovuto fermare questa politica crudele e illegale molto tempo fa”, ha affermato Omar Gadout del gruppo per i diritti umani dell’American Civil Liberties Union.

È probabile che il governo riprenda, soprattutto perché il paese deve affrontare un grande afflusso di migranti al confine con il Messico. Più di 200.000 sono stati nuovamente arrestati alla frontiera ad agosto. Questo è il numero più alto in quasi 20 anni.

Più di 200.000 immigrati arrestati al confine meridionale degli Stati Uniti per la prima volta in 20 anni