QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ineos alle prese con il lusso: “Ho 4 piloti che possono ambire alla maglia gialla” | Viaggio

Jumbo Visma prende la UAE Roglic Card Poojacar. Ineos manda in campo 4 contendenti per la vittoria assoluta: Thomas, Carapaz, Porte e Geoghegan Hart. “Sia vantaggi che svantaggi”, afferma l’esperto di esperienza Gerant Thomas.

Chi è ora il leader dei Granatieri Ineos? Questa era la domanda che bruciava le labbra di tutti. Quindi la conferenza stampa è stata attivamente ricercata per indizi.

Geraint Thomas è stato il primo a parlare alla stampa, davanti a Richard Carapaz e Richie Porte. Indicazione di gerarchia all’interno del team? “Si!” Tommaso ride. “Non si sapeva già”, risponde Borte con una battuta.

Se la squadra comunica bene, abbiamo buone possibilità di vincere.

Geraint Thomas

Geraint Thomas può consegnare le carte migliori. Il 35enne gallese ha vinto il Tour 2018 ed è già lì per l’undicesima volta.

Thomas sa “ci sono 4 giocatori in squadra che possono ripartire in vetta alla classifica. Questo è un vantaggio e uno svantaggio allo stesso tempo”. “Ci offre molte opzioni, ma non puoi continuare a lavorare per quattro leader”.

“Se vai al Tour con un capitano, deve fare i conti con molta pressione. Possiamo diffonderla tra pochi corridori. La cosa buona è che non c’è ego nella squadra. Abbiamo solo i migliori piloti in buona forma.”

La mano esperta di Ineos al momento non è preoccupata per la gerarchia. “Dopo la prima settimana vedremo di più, succede sempre qualcosa a qualcuno – ha detto Geraint Thomas -. Se la squadra comunica bene, ci darò una buona possibilità di vincere”.

Thomas ha vinto il suo tour nel 2018.

Porte: “Pogacar non può seguirci tutti”

Richie Porte vede anche la forza della squadra come la componente più importante contro i migliori candidati Pogacar e Roglic.

“Pujacar è l’uomo da battere”, dice l’australiano. “Dobbiamo combatterlo come una squadra, perché abbiamo un gruppo più numeroso di cavalieri anziani. Non può seguirci tutti”.

Se una squadra isola l’opposizione, il piano è. Ma solo un passeggero può salire sul patibolo più alto di Parigi. Questo è un porto?

“Al momento tutti devono guidare da soli. Abbiamo 4 ragazzi che possono ottenere la maglia gialla. Lo guarderemo giorno dopo giorno”.

Il modo in cui Thomas ha guidato la mia Dauphiné è un debito che sono felice di ripagare.

Richie Porte

Porte sa che non può tirare fuori le migliori credenziali all’interno della squadra. “Thomas in realtà ha vinto il Tour, Carabaz e Geogegan Hart hanno vinto il Giro. Non ho ancora vinto una grande corsa”.

Tuttavia, non è preoccupato. “I risultati nelle prossime settimane determineranno la gerarchia, poi sapremo chi resterà come leader”, conclude il 36enne.

Richie Porte è d’accordo con Thomas che non c’è ego nella squadra. “Graint è un compagno di squadra meraviglioso, un ragazzo molto ordinario e una gioia da guidare per il servizio”.

Porte ha vinto il Dauphiné all’inizio di questo mese, grazie al suo compagno di squadra gallese. Si cancellerà per Thomas durante il tour? “Il modo in cui mi ha guidato sull’ultima tappa del Dauphiné è un debito che sarei felice di pagargli!” ride l’australiano.

READ  Il Villarreal scrive la storia del club con la finale europea dopo uno spettacolo poco brillante | UEFA European League 2020/2021