QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Van Aert spera di ottenere una maglia gialla al Tour: “Every Rider’s Dream” Journey

Secondo l’eroe belga, i suoi interessi si possono conciliare anche con quelli del suo leader Primoz Roglic, che punta al giallo a Parigi. “Capisco che possono esserci ‘problemi’, ma posso cogliere l’occasione nella prima settimana e puntare alla vittoria di tappa”, afferma Van Aert.

“Avrò la libertà di andare a vincere. Negli ultimi anni abbiamo già dimostrato che entrambi gli obiettivi possono essere uniti”.

“Sto lavorando anche sul giallo. È da qualche parte nella mia testa. Questa maglia gialla è il sogno di ogni pilota. Sono curioso di sapere come appare. Il mio compagno di squadra Mike (Tunison) ne ha avuto un assaggio nel 2019 e mi ha detto cosa è tutto. Questo è sicuro. Qualcosa che non vedo l’ora di fare anch’io.”

Dopo l’appendicite, Van Aart ha saltato gli allenamenti per alcune settimane ed era un po’ preoccupato per le sue condizioni in vista del campionato belga. “Ma ero meglio del previsto e andava bene”, ha detto,

“Ora sono un campione belga, il che è davvero un grande traguardo. Non mi aspettavo di indossare questa maglia quest’anno. I tre colori mi motivano ancora di più a mostrarmi in Francia, nella corsa più divertente dell’anno”.

Van Aert ha subito occasioni nel suo weekend di apertura con due tappe e un accesso delle sue dimensioni in Bretagna. Il quinto giorno, segue la cronometro, che offre nuove opportunità per prendere un cartellino giallo. “Ho visto la corsa solo online.”

“Oggi o domani esploreremo la tappa di apertura, ma da quello che ho capito sarà una tappa ‘difficile’. Dovrai stare attento tutto il giorno su strade strette e tortuose e pendii ripidi”.

READ  La strada è stata spianata per Divock Origi per unirsi all'intero club belga | Calcio 24

“Quelle fasi iniziali sono per i giocatori e per i ragazzi della classifica, e anche loro saranno in corsa per la vittoria. Il ritmo sarà subito alto, sarà teso e il tempismo sarà importante in finale”.

“Alla fine sarà la sopravvivenza del più forte. Ma di solito quell’accesso funziona per me, spero di avere un po’ di energia nel serbatoio alla fine.”

Il tour inizia sabato a Brest.