QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Joseph Blackmore è all'altezza del suo status di favorito nell'emozionante torneo Liegi-Bastogne-Liegi U23

Joseph Blackmore è all'altezza del suo status di favorito nell'emozionante torneo Liegi-Bastogne-Liegi U23

Sabato 13 aprile 2024 alle 16:37

Tre giorni dopo la sua impressionante prestazione al Brabantse Beagle, Joseph Blackmore ha vinto l'edizione Promise di Liegi-Bastogne-Liegi. Il britannico della Premier Tech Academy israeliana si è staccato dal gruppo d'élite negli ultimi 10 chilometri e ha resistito (per poco). Ruben Ourense (Lotto Dstny) era molto vicino, ma si è dovuto accontentare del secondo posto. Al terzo posto si è piazzato Jürgen Nordhagen (Visma | noleggio biciclette).

Il percorso Liegi-Bastogne-Liegi U23 non è cambiato molto rispetto allo scorso anno e quindi conteneva ancora una volta alcune delle piste conosciute dalla versione professionale. Ad esempio, i più piccoli dovevano attraversare la Côte de Stoco, la Côte de la Haute-Levi e la Côte de la Ridoute. Tuttavia, alla fine della corsa di 175 km, sono stati esplorati altri percorsi: salite meno conosciute come la Côte de Nicenefou e la Côte de Boulande, l'ultimo ostacolo della giornata, sono state lo sbocco principale. Anche se l'ultimo chilometro a Blegny è stato anche molto in salita.

Flauto e Vanneckhout sul volo mattutino
Il volo di oggi era composto da quattro passeggeri. Ciò include l'olandese Mies Flot (DSM PostNL) e il belga Victor Vanekhout (Lotto Dstny Development). A loro si sono uniti il ​​danese Anders Vos Sørensen (ColoQuick) e il norvegese Mikael Grimstad Oglehus (Uno-X Mobility Development). I quattro hanno trascorso ben cinque minuti ai piedi della Côte des Vanes, a una novantina di chilometri dal traguardo. Float ha dovuto lasciare i suoi tre colleghi fuggiti su questo pendio.

Successivamente, sulla Côte de la Haute-Levée, Vaneeckhoutte lanciò un attacco e anche Grimstad Uglehus e Vos Sørensen furono collegati. E così il belga si è ritrovato solo davanti. Dietro di lui si è formato un gruppo di tredici corridori, tra cui Huub Artz (Wanty-ReUz-Technord) e Jorgen Nordhagen (Visma | Lease a Bike Development). Tuttavia, non sono rimasti a lungo fuori dalle mani del gruppo, che lentamente ma inesorabilmente si è avvicinato a Vaneeckhoutte. L'avventura del belga si è conclusa a soli cinquanta chilometri dal traguardo.

READ  Finalmente una ricompensa per Niewiadoma: dopo 5 anni di siccità, ha scalato il Muro di Huy per ottenere una vittoria liberatrice

Nordhagen va da solo
Verso la Côte de la Redoute è emerso un nuovo gruppo dirigente. Per primi sono partiti Camille Eymann (Lotto Dstny Development), Milano Lahnhoff (Bingoal WB Devo) e Tim Rix (Wanty ReUz-Technord), poi Matteo Ambrosini (MBH Bank Colpack Ballan), Kasper Andersen e Maxence Bliss (entrambi Hagens Biermann) Gaiko ) Alcuni rinforzi. L'ultimo, Bliss, ha messo una bomba su Redout. Si allontanò dai compagni e partì da solo.

Tuttavia, questo singolo ebbe vita breve. Si torna a dieci inseguitori, tra cui il favorito da tutti Joseph Blackmore (Israel-Premier Tech), il crossista Emil Verstring (Alpecin-Deceuninck Development), il già citato Artz e tre corridori della Visma | Noleggiare una bicicletta: Tijmen Grat, Tomos Pattinson e ancora Nordhagen. Poi quest'ultimo è andato all'avventura con Blackmore e… ha tolto il volante dal britannico.

Ancora Blackmore
Tuttavia, Blackmore è riuscito a tornare. Non da solo, ma insieme a Graat, Verstring, Artz, Camille Ehmann, Robin Orens (Lotto-Destiny) e Briouk Rolland (Groupama-FDJ Continental). E così otto di noi sono entrati negli ultimi quindici chilometri. Abbiamo assistito a diversi attacchi, compreso l'attacco di Jarat, ma nessuno è scappato. Fino a quando Blackmore non spazzò via i suoi rivali nella Côte de Bouland.

Blackmore ha aperto un buon divario e sembrava essere sulla buona strada per la vittoria, ma nell'ultimo chilometro Robin Ourense si stava avvicinando pericolosamente. Tuttavia, il britannico, che mercoledì scorso è arrivato quarto nella gara Brabantse Beagle, è riuscito a malapena a resistere e ha tagliato il traguardo vittorioso. Oren è arrivato secondo e Nordhagen al terzo. Con Graat (sesto) e Artz (settimo), i due olandesi hanno chiuso nella top ten.