QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Germania è la migliore guida alla corona dai Paesi Bassi

Dopo 500 giorni dall’epidemia, nonostante la vaccinazione avanzata, c’è di nuovo grande pressione per un aumento dei contagi in Europa. L’estate non è ancora in pericolo se non siamo così selvaggi. O come la Germania ha battuto l’Olanda.

Discreto Deltavariante Sembra rovinare il divertimento dell’estate della libertà. Dopo che i ministri nei Paesi Bassi hanno letteralmente gettato le loro maschere oltre il recinto per annunciare la fine delle regole di Corona, il governo di Rutte ha dovuto frenare di nuovo lo scorso venerdì. Le discoteche devono chiudere di nuovo e il settore della ristorazione ha di nuovo un’ora di chiusura da mezzanotte.

Il motivo è un’esplosione del numero di contagi, ogni 10mila di ieri e di oggi. In molti altri Paesi – come Regno Unito, Francia e Portogallo – la circolazione del virus è in aumento, anche se meno pronunciata rispetto ai Paesi Bassi. Da noi c’è anche un aumento, anche se il numero di nuovi casi è ancora limitato al momento. Ora ci sono una media di 774 casi al giorno in Belgio. È quasi il doppio in una settimana, ma sicuramente una birra piccola rispetto alle oltre 20.000 casse al giorno alla fine di ottobre dello scorso anno.

Perché c’è pressione?

La variabile delta è sottovalutata. Facilitando i contatti sociali e gli spostamenti durante le vacanze estive, è stato calcolato che il numero dei contagi aumenterà ancora. Ma nessuno si aspettava che accadesse così rapidamente come è successo nei Paesi Bassi. Sono in corso ulteriori test, il che spiega in parte l’aumento. Ma tutti gli esperti concordano sul fatto che la variante delta sia un pericoloso acceleratore di fuoco.

7

R. valore

Esperti olandesi affermano che questa variante, originaria dell’India, ha un valore R di 7 in libera pratica. Ciò significa che una persona infetta in media altre sette persone con il coronavirus durante il corso dell’infezione.

Esperti olandesi affermano che questa variante, originaria dell’India, ha un valore R di 7 in libera pratica. Ciò significa che una persona infetta in media altre sette persone con il coronavirus durante il corso dell’infezione. Con il virus originale che ha avuto origine in Cina, il valore R variava approssimativamente tra 2,5 e 3. Conclusione: la variante delta è di nuovo molto più contagiosa della variante alfa – che proveniva dal Regno Unito ed è stata prevalente nel nostro paese per molto tempo .

READ  Ai pazienti a rischio over 65 può essere somministrata una seconda dose di AstraZeneca grazie a 700.000 vaccini consegnati: ecco come si fa | interni

Ma ci nutriamo ancora collettivamente. qual è il problema?

In Belgio, 8 adulti su 10 hanno ricevuto la prima iniezione. La metà di loro è già stata completamente vaccinata. Nelle Fiandre, quasi 9 persone su 10 di età superiore ai 18 anni hanno ricevuto il primo colpo. Questa massiccia vaccinazione ha interrotto la classica catena del coronavirus: l’aumento delle infezioni porta a più ricoveri poco dopo due settimane e a un rapido aumento dei decessi dopo due settimane.

Abbiamo ancora una media di 18 prelievi al giorno, un numero che sembra aumentare di nuovo dopo un lungo periodo di declino. Il numero dei decessi è sceso a meno di tre al giorno. Ci sono ancora 240 persone in ospedale e 93 in terapia intensiva. Gli ospedali avevano 1.500 pazienti con infezione da virus in terapia intensiva nel periodo peggiore della crisi.

563

Registrazioni nel Regno Unito

Nel Regno Unito corrisponde un aumento del numero di contagi per diluizione (32.367 al giorno), un modesto aumento dei ricoveri (563 al giorno) e dei decessi (34 al giorno).

La stessa immagine appare anche all’estero. È interessante guardare ai paesi che sono più avanzati nella vaccinazione perché forniscono uno sguardo al nostro futuro immediato. Il Regno Unito ha ricevuto l’87 per cento dei suoi primi colpi e ha vaccinato completamente due su tre della sua popolazione adulta. A fronte di un numero crescente di infortuni dovuti al rilassamento (32.367 al giorno), si registra un modesto aumento dei ricoveri (563 al giorno) e dei decessi (34 al giorno). Il numero di ricoveri è aumentato del 57 percento nell’ultima settimana (3.081 in totale) e il numero di decessi del 63 percento (192 in totale).

Israele ha ora completamente vaccinato otto persone su dieci di età superiore ai vent’anni. Dopo l’intervento dovuto alla reinfezione, la situazione sembra essere tornata sotto controllo. Secondo il Corona Dashboard del governo israeliano, il 10 luglio ci sono stati 261 nuovi casi di corona. Sono 44 i pazienti ricoverati in gravi condizioni.

La condizione è ben controllata anche negli ospedali in Portogallo, Francia e Paesi Bassi. Sopra Moerdijk, ci sono 118 persone in ospedale, un quinto in meno rispetto a sabato, e 88 pazienti in terapia intensiva, un aumento di 6. E oh sì, non sono stati segnalati decessi.

Perché ci sono così tante folle?

Perché sono ancora pochissime le persone vaccinate per sentirsi a proprio agio. La buona notizia è che gli studi – non solo esperimenti di laboratorio con anticorpi nel nostro sangue, ma una vera protezione nel mondo fisico – mostrano che i vaccini proteggono quasi completamente le persone dal ricovero in ospedale. È stata fornita una vaccinazione completa, poiché la ricerca ha dimostrato che il vaccino Astra-Zeneca fornisce una protezione inferiore contro l’assorbimento dopo una singola dose. La sfumatura è che molte meno persone sono state testate con Astra rispetto, ad esempio, al Regno Unito.

READ  Il vaccino di Johnson legato a un raro Guillain-Bar...

È una notizia meno comune che i vaccini proteggano leggermente meno dalle infezioni sintomatiche. Ciò significa che, nonostante la vaccinazione, possiamo ancora contrarre un’infezione e sviluppare sintomi. Questo è sconvolgente contenere un’epidemia perché le persone che sono state vaccinate possono ancora contrarre e trasmettere il virus.

Qui è dove la scarpa pizzica. Il commissario anti-coronavirus, Pedro Facon, ha avvertito che il 40% delle persone con malattie sottostanti, o 600.000 persone, non sono ancora state completamente vaccinate. Anche tra le persone con più di 65 anni, il 20 percento o 440.000 persone non sono state ancora completamente vaccinate. Sono più di un milione le persone più vulnerabili al virus.

È vero che i giovani in particolare sono ancora contagiati. La possibilità che finiscano in ospedale è molto ridotta, sebbene gli esperti siano preoccupati per l’impatto sulla salute a lungo termine dell’infezione da corona.

Il problema è che con 10.000 infezioni al giorno, alcune di queste persone finiranno in ospedale. Le persone giovani colpite possono anche infettare di nuovo le persone anziane e fragili, quindi una grande percentuale di loro non è ancora adeguatamente protetta dalla variante delta. Inoltre, questi giovani vagano in aree urbane come Bruxelles. Lì, il tasso di vaccinazione in alcuni quartieri è ancora molto basso e quindi c’è il rischio di incendi locali.

L’inquinamento di massa minaccia ancora di aumentare l’accettazione al momento. Gli ospedali stanno ancora recuperando le cure ritardate dalle precedenti ondate di coronavirus.

Ci sono anche soluzioni?

Non c’è bisogno di andare in panico. La variante delta potrebbe essere più contagiosa, ma al momento non ci sono prove che ti faccia stare più male. Quello che è certo è che l’ultimo coronavirus continuerà a mutare ed evolversi in un innocuo virus del raffreddore nel lungo periodo. Ma non è chiaro come si svilupperà a breve termine.

È intelligente non lasciare che il virus faccia il suo corso così liberamente. Perché ogni infezione – dove il virus si copia – significa anche una nuova opportunità per una nuova variante. Sembra potente che ci sarà improvvisamente una variante che sfugge completamente ai vaccini, ma le nuove varianti possono minare a poco a poco la nostra protezione. Questo è il motivo per cui i produttori aggiornano anche i vaccini esistenti.

Forse la Germania aprirà la strada per battere l’estate. Il paese ha attualmente meno di 1.000 casi di corona al giorno. La Germania ha scelto di rilassarsi gradualmente piuttosto che aprire tutto, come hanno fatto un po’ i Paesi Bassi. L’esempio olandese – così come l’esperienza dei giovani belgi in Spagna – dimostra ancora una volta la potenza del coronavirus. In luoghi scarsamente ventilati in cui le persone si affollano, una persona infetta può infettare quasi tutti diffondendosi. L’uso di test rapidi nei Paesi Bassi ha dimostrato che le persone infette non vengono sempre rilevate. C’è molto che è possibile in Germania in questi giorni, ma non si comportano da pazzi.

Cosa significa questo per rilassarsi con noi?

Venerdì prossimo si terrà un comitato consultivo tra i ministri federali e regionali. L’intenzione era inizialmente quella di incontrarsi un’ultima volta per concordare i tempi di scarico delle ultime misure Corona. Il primo ministro fiammingo Jan Jambon (N-VA) si è impegnato a tornare alla normalità entro settembre. I ministri federali Frank Vandenbroek (Forweet) e Annelies Verlinden (CD&V) sono più attenti alla loro formulazione.

Hanno già annunciato restrizioni più severe per i viaggiatori di ritorno, ma non sono sicuri se venerdì ci saranno regole più severe o se il relax verrà posticipato.

Pedro Facon dice che sta guardando cosa sta succedendo in paesi come il Regno Unito, Israele e Portogallo e come le vaccinazioni influiscono sul rapporto tra infezione e ospedalizzazione. Continua inoltre a insistere su regole di base come indossare maschere per la bocca, allontanarsi di un metro e mezzo e rafforzare le barriere protettive contro il virus. Serve per consigliare il comitato consultivo.