QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La vita dopo il cancro è la più difficile per Lillian: “Voglio essere di nuovo normale”.

La vita dopo il cancro è la più difficile per Lillian: “Voglio essere di nuovo normale”.

1/3 Ellen Drezens (a sinistra) e Mariette van Hove con la massa di lacrime (Foto: Alice van der Plas).

Una bottiglia di schiuma doccia caduta mentre faceva la doccia ha cambiato la vita della 51enne Lillian Spanz di Helmond. Mentre prendeva la bottiglia, sentì qualcosa in un lato del petto. Si è scoperto che era un cancro. Lillian è stata dichiarata guarita per il momento, ma le conseguenze non dovrebbero mancare. Ora è emerso un blocco lacrimale per supportare i pazienti.

Foto del profilo del membro Alice van der Plas

Il crack block è un’iniziativa di Mariette van Hove di Helmond e Elaine Drezens di ‘Hertogenbosch. Mariette è supervisore presso il centro di accoglienza per persone malate di cancro a Helmond. Ma non sempre le persone possono andarci, quindi Mariette ha voluto fornire una fonte di supporto accessibile. Ad esempio, se ti preoccupi alle 2 del mattino. Il blocco sembra un calendario da strappare ed è pieno di illustrazioni colorate, parole e pensieri incoraggianti.

Mariette sente spesso dire che il periodo post-cancro è il più difficile. “Nel momento in cui i tuoi capelli tornano, tutti pensano che sei tornato.” Ma in pratica è spesso deludente. Lillian non si riconosceva più. Ha perso per sempre i suoi lunghi capelli biondi. “Adesso mi sono tinta i capelli di blu. Volevo anche essere pazza, ma ancora non conosco me stessa. ” È difficile per Liliane. “Vuoi davvero partecipare di nuovo ed essere normale”, dice Mariette.

“Non ho affatto un fusibile.”

Ellen Drezins è un’allenatrice del dolore. “Se hai il cancro, hai perso molte cose di seguito. Te stessa, la tua salute, le tue relazioni, il tuo lavoro. Lillian deve prendere farmaci che la mettono immediatamente in menopausa. “È molto intenso. A volte li chiamo “medicinali per reclami”. Non ho la miccia corta. Non ho alcun fusibile. Lillian soffriva di una pelle così secca che le sue mani e i suoi piedi si rompevano. “Era così brutto che non potevo più camminare.”

READ  Si scopre che l'organo meno conosciuto del tuo corpo è importante: è la ghiandola del timo

Per quanto Lillian possa essere arrabbiata adesso, era molto umile quando le fu diagnosticata la malattia cinque anni fa. “Non sono scoppiata in lacrime. L’infermiera pensava che non stavo gestendo bene la malattia, ma ero sollevata dal fatto che potesse essere curata. Penso che bisogna capire che ognuno la affronta a modo suo. Il blocco lacrimale fornisce supporto all’ambiente debole e talvolta incompetente di una persona colpita.” Con il cancro.

“Il cancro è la roulette russa e sono fortunato.”

In una pagina c’è un barattolo di Nivea. “Non sostituire qualcun altro”, afferma Mariette. “Non dare per scontato che il cancro si sviluppi sempre in un certo modo. A volte le persone che hanno vissuto la stessa cosa dicono a qualcun altro come dovrebbero sentirsi. Anche le parole “combattere” o “combattere il cancro” spesso non sono accolte bene. “Non litigare per Launch.” “Il cancro è la roulette russa e sono fortunato.”

Attraverso la massa di lacrime, Mariette ed Elaine vogliono anche rompere i tabù che circondano il cancro e le sue conseguenze. Lillian ha perso il lavoro dopo due anni di congedo per malattia. “Sono preoccupato per i miei soldi. Le persone sono anche molto veloci nel giudicare. Ma solo una volta, sento quello che provo in una brutta giornata. Le persone spesso si sentono meno attraenti dopo il cancro o non hanno voglia di fare sesso a causa dei farmaci. ” Spesso le persone si sentono meno attraenti dopo il cancro o non hanno voglia di fare sesso a causa dei farmaci”, afferma Mariette. Ottieni tutte queste cose intense. “

Mariette van Hove ed Elaine Drezens sperano che la loro massa di lacrime incoraggi le persone colpite dal cancro e il loro ambiente. “Non sempre il cervello è pronto a leggere un intero libro sull’argomento. Ecco quindi 100 cose che non superano le 150 parole. La messa strappalacrime verrà trasmessa il 3 ottobre ed è disponibile online, tra l’altro. .”

READ  Monkeypox sembra essere in arrivo: quattro domande sul virus | Attualmente