QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Let’s Go Urban ha un calo di € 220.000

Entro un mese, il tribunale aziendale si pronuncerà su un possibile fallimento di vzw Let’s Go Urban (LGU). Siham Al Kawakibi, un’organizzazione senza scopo di lucro, ha attualmente un debito di 220.000 euro. Il debito potrebbe aumentare se i governi riguadagnassero il sostegno del governo locale.

Qualche settimana fa, Anime Moines non solo ha ottenuto un’estensione del suo mandato come amministratore ad interim, ma ha anche dovuto determinare se la LGU fosse ancora finanziariamente sostenibile. Poiché le possibili soluzioni per la continuazione del processo si sono scontrate con il rifiuto del consiglio comunale di Anversa, il funzionario ha dichiarato bancarotta.

Il caso è stato ascoltato oggi in tribunale aziendale. Non c’era opposizione alla dichiarazione di fallimento dell’organizzazione senza scopo di lucro e fondatore della LGU Al Kawakibi. La decisione verrà presa tra un mese, e forse la prossima settimana, ed è probabile che il giudice seguirà la domanda del funzionario.

La no profit ha poco più di 600 euro di conto e 220mila euro di debiti. Ciò potrebbe aumentare ulteriormente se, ad esempio, la città di Anversa e le Fiandre ritirassero i sussidi della LGU. Il sindaco di Anversa Bart de Weaver (N-VA) ha già chiarito che questa è l’intenzione. Un audit della città di Anversa ha mostrato che 258.000 euro in sussidi agli investimenti e 120.000 euro in sussidi operativi potrebbero essere stati utilizzati in modo errato.

Il funzionario ha lasciato Moens la scorsa settimana Mobili LGU rimossi dal centro urbano e Tesla confiscata da A Woman’s View Company. Insieme, questo andrebbe bene per circa 50.000 euro. In caso di fallimento, i dipendenti delle autorità locali saranno prima risarciti, in quanto creditori prioritari.

READ  5,2 milioni di ETH stabili ora in attesa di un importante aggiornamento » Crypto Insiders

Intanto è ancora in corso un’indagine giudiziaria sul caso del parlamentare fiammingo Al-Kawakibi e dell’autorità locale.