QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Monitoraggio domiciliare: ‘Investire diversamente nel rapporto con il paziente’

In Erasmus MC, i pazienti vulnerabili con immunodeficienza primaria hanno potuto optare per il monitoraggio domiciliare dall’inizio di quest’anno. Questi sono i pazienti che di solito vengono in studio ogni tre o sei mesi. Insieme ai suoi colleghi, Dalm monitora i pazienti con L’app Lusci sulla distanza. I questionari vengono inviati a intervalli regolari e in base al risultato – verde, arancione o rosso – l’azione sarà intrapresa dall’ospedale o meno.

“Speriamo di essere in grado di fornire un’assistenza personalizzata migliore con questo”, dice dalm Nella prossima edizione ICT and Health n. 3. “Ci affidavamo alle convenzioni: un paziente con una certa comorbidità visita automaticamente l’ambulatorio con una certa frequenza. Ma se i pazienti si stanno adattando bene al trattamento, hanno pochi reclami e non sono malati , potrebbero essere in grado di saltarlo. Questo crea uno spazio per vedere le persone che spesso non fanno un buon lavoro. “

Primi miglioramenti al monitoraggio domiciliare

I primi mesi del pilota sono positivi. I primi miglioramenti sono già stati apportati. “Alcune persone sembravano avere la sensazione che stessero compilando il questionario per noi”, dice Dalm. “Sono usati per cercare i questionari. Poi si compila anche qualcosa e subito non si sente nulla. In questo caso è diverso: se vediamo che il segnale è diventato verde dopo che il paziente ha completato le domande, sappiamo che la comunicazione non è necessaria, ma il paziente ha ancora bisogno di un feedback, anche se vede nell’applicazione che il risultato è buono. “

Motivo per aggiungere altre risposte pronte per l’app ora. “Solo per farti sapere che abbiamo ricevuto il sondaggio e che abbiamo stabilito che non è necessaria alcuna azione”, afferma Dalem. “Può essere una piccola cosa, ma è importante. Uno dei rischi del monitoraggio domiciliare è che i pazienti alla fine abbandoneranno gli studi. Quindi dobbiamo continuare a investire nella relazione con il paziente in un modo diverso rispetto a prima”.

READ  GGD IJsselland ha ricevuto ulteriori vaccinazioni da Pfizer e invita i giovani a fissare un appuntamento

Leggi l’intervista completa a Virgil Dalm su ICT & Health 3, che sarà pubblicata il 17 giugno. L’intervista fa parte dell’argomento Telecare, che comprende anche le esperienze del Bovening Hospital, dell’Albert Schweitzer Hospital e del St. Anthony’s Hospital.