QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Muore l’imprenditore austriaco e fondatore della Red Bull Dietrich Mateschitz | Altre notizie

Dietrich Mateschitz ha co-fondato la Red Bull con l’uomo d’affari thailandese Shaliu Yuvidhya a metà degli anni ’80. La società austriaca non è stata danneggiata. Grazie alla famosa bevanda energetica, il patrimonio netto di Mitchitz è stimato in oltre $ 25 miliardi.

Mitchitz ha avuto anche un enorme impatto sul mondo dello sport con la Red Bull. Negli anni ’90 entra in Formula 1 con la Sauber come sponsor. Ha guidato il team Jaguar per quasi 20 anni. La scuderia è stata ribattezzata Red Bull, la squadra dell’attuale campione del mondo Max Verstappen.

Red Bull è presente come sponsor anche in altri sport motoristici. Ad esempio, l’azienda è lo sponsor principale del team MXGP Red Bull KTM Factory Racing e anche lo sponsor principale del team MotoGP Repsol Honda.

Dal 2005 la Red Bull si è concentrata anche sul mondo del calcio. RB Salisburgo e RB Lipsia, tra gli altri, vivono della grazia della Red Bull e hanno potuto fare un passo verso il vertice (sub)europeo grazie all’investimento di Mateschitz.

Inoltre, Red Bull sponsorizza anche diversi atleti individuali, tra i quali il ciclista Wout van Aert è forse uno dei più famosi.

Mateschitz, il fondatore della Red Bull, non va bene da un po’. Si è spento sabato all’età di 78 anni.

La notizia della morte di Mateschitz ha causato scompiglio anche nel mondo di Formula 1 durante il Gran Premio di Formula 1 negli Stati Uniti sabato. Il capo della squadra Christian Horner si è rivolto alla stampa dopo l’annuncio della notizia.

READ  Reazioni dopo la conferenza di campionato: 'RSCA-Gand rinviata nell'interesse del calcio belga' | Lega della conferenza

“Dietrich è sempre stato così entusiasta e di supporto. Grazie a lui siamo qui. Ci ha mostrato che nulla è impossibile. Era un uomo molto stimolante”, è stata la prima reazione di Horner.

“È senza precedenti ciò che ha ottenuto e ciò che ha significato per così tante persone nel mondo, in così tanti sport diversi”.