QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

No, le infezioni nasali non causano il morbo di Alzheimer

Questo fact check è stato effettuato sulla base delle informazioni disponibili alla data di pubblicazione. Leggi di più su come lavoriamo qui.

Secondo un articolo che circola su Internet, le lesioni al naso possono portare al morbo di Alzheimer. Sciocchezze, dicono gli esperti. Non ci sono prove a sostegno dell’ipotesi che il morbo di Alzheimer sia una malattia contagiosa. Inoltre, lo studio su cui si basa l’articolo è di dubbia qualità scientifica.

Il 3 novembre, sulla pagina Facebook “Science in the Picture”, che conta oltre 58.000 follower, è stato pubblicato quanto segue: Posta (quaggiù Archiviato).

I ricercatori hanno trovato un capro espiatorio, si legge nella didascalia che accompagna un link a un articolo apparso il 24 febbraio 2022 sul sito olandese Wittenschap in Bild dal titolo ‘Ricercatori: i batteri nasali possono causare il morbo di Alzheimer’.

La malattia di Alzheimer è la forma più comune di demenza, un termine collettivo per le malattie che colpiscono il cervello. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), più di 55 milioni di persone in tutto il mondo soffrono di malattia di Alzheimer.

L’articolo osserva che “batteri nasali molto comuni possono colpire il cervello in pochi giorni e aumentare il rischio di malattia di Alzheimer”. Basa questa affermazione su scoperte recenti Ricerca dalla Griffith University in Australia. Questo studio dimostrerà che i batteri del naso possono penetrare nel cervello e avviare una reazione a catena che porta alla malattia di Alzheimer.

Lo studio ha esaminato i batteri della clamidia, che causano varie infezioni respiratorie e possono viaggiare dalle mucose del naso oltre la barriera protettiva del cervello in sole 72 ore, almeno nei topi nello studio. In questo modo la proteina amiloide dei batteri si accumula nelle cellule cerebrali, ed è proprio questo accumulo che caratterizza la malattia di Alzheimer.

Senza senso

Esperti di malattia di Alzheimer che talento Non è influenzato dall’articolo o dallo studio su cui si basa. Il biologo molecolare e ricercatore sulla malattia di Alzheimer Bart de Strober (VIB-KU Leuven Center for Brain Research), che Istituto di ricerca sulla demenza A Londra, la metti in questo modo: “Questa è una totale assurdità. Non so cos’altro dire al riguardo. Puoi citarmi così”.

Anche il professore di neuroscienze Jan Versegpt (UZ Brussel), specializzato in disturbi cognitivi come la demenza, mette in prospettiva le conclusioni dello studio di cui sopra. Quanto avanzato nell’articolo fa parte dell’ipotesi che il morbo di Alzheimer sia una malattia infettiva. Tuttavia, questa non è un’ipotesi popolare tra gli scienziati. Ad esempio, se cerchi in letteratura un collegamento tra la malattia di Alzheimer e il batterio clamidia, troverai appena un centinaio di segnalazioni, il che è particolarmente scarso in questo contesto e illustra quanto poco sia l’ipotesi, anche se ci sono un sacco di rapporti. Il tempo e la ricerca sono già stati fatti. è stato speso per questo.

“Anche l’ipotesi dell’infezione non è coerente con l’epidemiologia”, continua Versegpt. Il singolo più grande fattore di rischio per la malattia di Alzheimer è l’età. Chi ha più di 90 anni, ad esempio, ha 1 possibilità su 3 di sviluppare la malattia.

Versijpt mette anche in discussione la suddetta ricerca. La proteina amiloide prodotta nell’infezione da clamidia è infatti una delle principali proteine ​​che si accumulano nella malattia di Alzheimer. Ma si discute se questa sia la causa del morbo di Alzheimer. Può anche essere un effetto collaterale, quando qualcos’altro sta causando la malattia. Inoltre, non sappiamo ancora perché un accumulo di questa proteina causi il morbo di Alzheimer in alcune persone ma non in altre. Sono necessarie ulteriori ricerche scientifiche per ottenere una risposta definitiva a questa domanda.

Invecchiamento cerebrale

Inoltre, Versegpt sottolinea che la ricerca sui topi non può essere semplicemente estrapolata agli esseri umani. Nello studio in questione, i topi non sono stati nemmeno testati cognitivamente, la conclusione basata esclusivamente sulla presenza di questa specifica proteina. Devi sempre tenere conto del fatto che un cervello invecchiato funziona in modo diverso rispetto a un cervello giovane e negli esperimenti sui topi vengono solitamente utilizzati animali giovani.

Anche il biologo delle cellule molecolari Wim Annert, che studia il morbo di Alzheimer presso il Center for Brain Research (VIB-KU Leuven), non approva le conclusioni della ricerca in questione. “Questa è chiaramente un’interpretazione esagerata in uno studio supportato da prove scientifiche deboli”, dice al telefono. Per lo studio, topi sani sono stati infettati da batteri della clamidia, dopodiché è stata esaminata l’entità dell’accumulo di proteine ​​amiloidi nei batteri. Ma nei topi sani, questa specifica proteina è difficile da rilevare. C’è il rischio che tu possa includere anche altre proteine. Inoltre, dovresti includere nello studio anche topi meno sani per vedere se le loro condizioni peggiorano. Pertanto, lo studio ha scarso valore scientifico.

Se puoi contrarre il morbo di Alzheimer da una tale infezione nasale, nelle statistiche vedremo anche più casi nei giovani, il che non è il caso: il morbo di Alzheimer è solitamente una malattia che si manifesta più tardi nella vita. Se la malattia è causata da un’infiammazione che colpisce il cervello entro pochi giorni, anche la malattia sarà acuta. “Non è così”, dice Annart.

conclusione

Secondo un articolo ampiamente diffuso che circola su Internet, la ricerca ha dimostrato che la rinite può portare al morbo di Alzheimer. Gli esperti dicono che questo è improbabile. Non ci sono praticamente prove a sostegno dell’ipotesi che la malattia di Alzheimer sia contagiosa. Inoltre, lo studio su cui si basa l’articolo presenta alcuni difetti. Quindi classifichiamo l’affermazione come Falso.

Fonti

Nell’articolo troverete i link a tutte le fonti utilizzate.

Inoltre, per verificare tale notizia sono state contattate le seguenti persone:

Traffico di posta con Bart D. Strooper Il 14 novembre 2022

Intervista telefonica con Jan Versept Il 14 novembre 2022

Intervista telefonica con Guglielmo Annaert Il 16 novembre 2022

Tutte le fonti sono state consultate l’ultima volta il 17 novembre 2022.

READ  Un paziente con corona che ha più di cinque sintomi nella prima settimana ha maggiori probabilità di contrarre il COVID nei polmoni