QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Non sapevamo questo del coronavirus un anno fa – e ora lo sappiamo

Da oltre un anno si discute molto sulla maschera per la bocca. RIVM si sentiva poco favorevole all’obbligo di indossare perché farebbe poco per prevenire la diffusione del virus. Inoltre, dà un falso senso di sicurezza e rende le persone più disattente.

Il professor Hockerd dell’Università di Groningen afferma che le persone ora la pensano diversamente, anche grazie alla variabile delta.

Scorri veloce

“La variante delta del coronavirus è un virus completamente diverso da quello che abbiamo avuto l’anno scorso. Questa variante si diffonde molto più velocemente. Questo perché il virus si replica molto rapidamente nel tratto respiratorio di una persona infetta. Questo assicura che una persona infetta porti 1.000 particelle virali in più rispetto alla variante precedente”. Questo rende molto più facile la trasmissione. Il risultato è che una mascherina per la bocca è ancora più importante per prevenire la diffusione del virus”.

Huckriede sottolinea che è difficile conoscere l’esito di un’azione, come l’adesione a una maschera. “Molte misure come il distanziamento sociale e il lavaggio delle mani hanno contribuito a ridurre la trasmissione”.

Il professore di Groningen paragona l’effetto di una singola misura a una fetta di formaggio Leerdamer Hall. “Tutti i buchi sono su una fetta. Se fai molte azioni diverse, quindi tutte le diverse fette di formaggio, e le metti una sopra l’altra, non vedrai più nessun buco.” Ecco come funzionano tutte queste diverse misurazioni.

L’indicatore dell’aura che sembra essere scomparso ora sta pulendo cose che altri hanno toccato, come carrelli della spesa e cestini.

“Comprendiamo che la trasmissione del virus avviene raramente attraverso gli oggetti. La sua trasmissione attraverso l’aria gioca un ruolo molto più importante. Espirando o sputando goccioline grandi e piccole – non lo sappiamo esattamente – il virus viene trasmesso. Quindi la ventilazione delle stanze è molto più importante di quanto pensassimo un anno fa. Da Aprendo finestre e porte, puoi spostare l’aria, e questo è importante per consentire alle particelle di virus di “scendere”.

READ  Modifiche ai consigli RIVM: vaccinare le donne incinte con Moderna e Pfizer

ventilazione

Anche il virologo di Wageningen Gürben Bigelmann è convinto dell’importanza della ventilazione. “Quando gli infortuni sono aumentati drammaticamente qui dopo il disastro di ‘Ballando con Janssen’, è diventato chiaro. Perché è quello che è successo davvero la prima volta nei Paesi Bassi: in tutti i bar après-ski affollatissimi, le persone si sono infettate durante gli sport invernali. con corona e l’ha portato al Qui. E ha trasportato molto bene in quei binari scarsamente ventilati “, afferma Biglman.

Consentire a molte persone di entrare in discoteche e locali notturni non era una buona idea per Biglman all’epoca. “Ma non pensavo che sarebbe andato così veloce.” Il virologo dell’Università di Wageningen sottolinea che ora dovrebbe essere ripresa la ventilazione, come si faceva in passato a causa del fumo. “Ora è contro le malattie infettive”.

covid lungo

Nell’ultimo anno si sapeva poco del COVID-19. Il termine “polmone covid” si riferisce alle conseguenze persistenti di un’infezione da corona che alcuni pazienti sperimentano ancora mesi dopo, come l’estrema stanchezza. “Abbiamo visto molti casi tra ora e l’anno scorso”, dice Huckriede.

Il Covid sta colpendo anche i giovani, un gruppo che in precedenza sembrava non avere nulla di cui preoccuparsi per le terribili conseguenze del Corona. Bigelman lo vede molto anche nel suo ambiente. “Attraverso il mio lavoro all’università, conosco molte persone di età compresa tra 20 e 30 anni che hanno COVID-19. A volte hanno problemi mentali e fisici per più di un anno, mentre non si sono ammalati molto a causa del corona .”

In questo video, la 22enne Mikey afferma di aver combattuto le conseguenze del contagio del coronavirus per un anno e mezzo:

READ  Prima terapia genica per la SMA: uno sviluppo promettente

predisposizione genetica

Bigelman si chiede come si svilupperà in futuro. “Sappiamo che i vaccini ora aiutano a prevenire malattie gravi e morte, ma per quanto riguarda il virus polmonare? Aiuta anche a prevenire questo? Sembra di sì”.

“Non ne sappiamo ancora molto”, dice Huckriede. “Vorremmo sapere se le persone che ce l’hanno, ad esempio, avranno una predisposizione genetica o se altri fattori giocano un ruolo”.

Come dimostra il numero di articoli scientifici apparsi da quando è stato scoperto che si tratta di un campo di ricerca in cui stanno accadendo parecchie. “Sono apparsi quasi 102.000 articoli dall’inizio dell’epidemia di coronavirus”, afferma Huckriede.

donne incinte

Ciò che è chiaro ora sono i gruppi a rischio aggiuntivo di gravi conseguenze dell’infezione da corona. Nell’ultimo anno era già chiaro che è pericoloso per gli anziani, specialmente quelli in cattive condizioni di salute.

“Anche le persone in sovrappeso sono più sensibili ad esso. Quello che sappiamo ora, ma non lo sapevamo l’anno scorso, è che le donne in gravidanza sono sensibili al virus. Le donne in gravidanza non vaccinate spesso finiscono in ospedale e in terapia intensiva. Il tasso di mortalità lì è un po’ più alto». Forse, ma non sappiamo con certezza, che questo abbia a che fare con la resistenza delle future mamme, che è un po’ più bassa, altrimenti rifiuterà anche il bambino. Ma questo non lo sappiamo ancora.”

Altri gruppi a rischio

Fanno parte dei gruppi a rischio anche le persone con un sistema immunitario indebolito, a causa di malattie o dell’uso di farmaci immunosoppressori, ad esempio in caso di reumatismi o a causa di trapianti di organi”.

Inoltre, sembra che le “persone in condizioni di vita meno fortunate” rappresentino un gruppo a più alto rischio. “Le persone che vivono in aree svantaggiate, a basso reddito, che hanno uno stile di vita malsano attraverso il fumo, ad esempio, e che vivono in piccole case con molte persone, sono anche le più colpite”.

READ  Non c'è influenza aviaria negli allevamenti di pollame intorno all'azienda infetta di Heeten

Secondo Bigelman, le informazioni sul virus e sulla vaccinazione possono essere più impegnative. “Potrebbe essere necessario leggere un po’ il giornale o guardare il telegiornale”.

buoni vaccini

Qual è la motivazione, lo sappiamo ora, dice Huckriede, è che i vaccini stanno funzionando davvero bene. “Proteggono molto bene dai peggiori sintomi di infezione.”

Biglman è anche molto entusiasta dei vaccini che sembrano funzionare così bene. “Questo è il punto di svolta più importante”, afferma Biglman. “All’inizio ero molto aggressivo. Ci sono anche coronavirus tra animali come i polli e i vaccini sono molto meno efficaci contro di loro. Anni di ricerche scientifiche dallo scoppio della SARS nel 2003 hanno reso possibile questo”.

Secondo Pijlman, in futuro potrebbero essere presi in considerazione i cosiddetti colpi di richiamo, ad esempio per le persone che hanno ricevuto una sola iniezione del vaccino Janssen. “O anche un terzo per le persone che hanno altri vaccini. È preferibile che questi vaccini vengano leggermente modificati, in modo che funzionino bene contro la variante delta. I vaccini ora sono stati sviluppati sulla base della prima variante, la variante Wuhan. Ma questo è parente. ‘È facile da fare.'”

Inoltre, secondo il professor Hackrid, resta importante che le persone rimangano impegnate nelle procedure. Quindi ancora non ci diamo l’un l’altro, manteniamo una distanza di 1,5 metri e laviamo le mani regolarmente.