QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Panoramica | Vent’anni in Afghanistan, quattro presidenti

Dall’11 settembre 2001 all’11 settembre 2021: da George W. Bush, tre presidenti degli Stati Uniti, due repubblicani e due democratici, hanno lottato per affrontare la situazione militare in Afghanistan.

George W. Bush (2001-2009)

Il repubblicano George W. Bush è Presidente degli Stati Uniti quando – l’11 settembre 2001 – 9/11 I terroristi islamici di Al-Qaeda con aerei dirottati fanno irruzione nelle torri del World Trade Center a New York e si schiantano contro il Pentagono a Washington, DC. Circa 3.000 persone sono state uccise.

quasi dritto Bush annuncia il cosiddetto “Guerra al terrore” in un. La Casa Bianca considera il leader di al-Qaeda Osama bin Laden la mente dietro gli attacchi. L’Afghanistan è attualmente una base per il gruppo terroristico islamico. Bush chiede al regime estremista talebano di consegnare bin Laden, ma i talebani – oppositori di al-Qaeda – rifiutano. Appena una settimana dopo l’11 settembre, Bush ha firmato una legge che autorizza l’uso della forza contro gli autori di attacchi terroristici. Il 7 ottobre 2001, Stati Uniti e Regno Unito lanciarono attacchi aerei su obiettivi in ​​Afghanistan. Ben presto guadagnano terreno contro i talebani e bin Laden fugge in Pakistan. Con il sostegno degli Stati Uniti e delle Nazioni Unite, Hamid Karzai è diventato il leader del governo ad interim dell’Afghanistan poco più di tre mesi dopo l’11 settembre, il 22 dicembre 2001.

Nell’aprile 2002, Bush ha chiesto Ricostruzione In Afghanistan, simile al Piano Marshall con cui gli Stati Uniti hanno accompagnato la ricostruzione dell’Europa nel secondo dopoguerra. Nel 2003, la NATO, su mandato del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, si è recata in Afghanistan per lavorare alla ricostruzione. Durante l’amministrazione Bush, dal 2001 al 2009, gli Stati Uniti Più di 38 miliardi di dollari su Aiuti umanitari e alla ricostruzione dell’Afghanistan.

READ  "Il coronavirus potrebbe uccidere altre 236.000 persone in Europa entro il 1 dicembre" | All'estero

Il segretario alla Difesa americano Donald Rumsfeld ha annunciato a Kabul nel maggio 2003 che le principali operazioni di combattimento in Afghanistan erano terminate, ma la guerra in Afghanistan era tutt’altro che finita. Resta la minaccia delle milizie armate. Nel 2006 ci sono stati 139 attentati suicidi in Afghanistan, cinque volte di più rispetto all’anno precedente.

Barack Obama (2009-2017)

Il successore democratico di George W. Bush ha annunciato nel 2009 il cosiddetto “si precipita forzaEscalation dell’offensiva militare in Afghanistan in risposta ai continui attacchi dei talebani e di altre milizie armate. Obama ha inviato altre 30.000 truppe nel paese e nel 2010 ci sono più di 100.000 truppe americane attive. Il vicepresidente all’epoca era Joe Biden veementemente contrari a tale “aumento”.

Per la prima volta dal 2001, Obama ha anche delineato un orizzonte per porre fine alla presenza statunitense in Afghanistan: a partire da luglio 2011, le truppe devono lasciare il Paese, a cominciare dalle truppe aggiuntive inviate nel 2009, e gli stessi afgani saranno ritenuti responsabili. Deve essere fatto per motivi di sicurezza nel proprio paese. La NATO ha fissato la fine del 2014 come data per Consegna completa delle operazioni di sicurezza per l’esercito afghano.

Il 2 maggio 2011, quasi dieci anni dopo l’11 settembre, Obama ha completato ciò che il suo predecessore non era riuscito a fare: l’America… Le forze speciali uccidono il cervello di Osama Bin Laden Nel suo nascondiglio in Pakistan. Nel 2013, l’esercito afghano ha preso il comando delle operazioni militari e di sicurezza della NATO, ha annunciato Obama Programma dell’esodo delle forze americane. Dopo il 31 dicembre 2014, rimarranno poco meno di 10.000 soldati statunitensi, i principali responsabili dell’addestramento dei soldati afgani e delle operazioni contro gli ultimi resti di al-Qaeda.

READ  Un morto e 12 dispersi dopo che una nave si è capovolta al largo della costa di Loewe ...

• Programma | Dalla presenza internazionale al recesso

Donald Trump (2017-2021)

Una promessa elettorale Il repubblicano Donald Trump era che avrebbe ritirato definitivamente tutte le truppe americane dalla guerra impopolare in Afghanistan. Ma nell’agosto 2017, ha affermato di voler continuare a concentrarsi sulla presenza militare degli Stati Uniti per evitare un vuoto di potere nei potenziali movimenti terroristici. A differenza del suo predecessore, Trump voleva Nessun “programma arbitrario”per la migrazione di massa, ma tutte le decisioni devono essere basate sulle condizioni sul campo.

Trump ha iniziato nel 2018 negoziare con i talebanisenza il coinvolgimento del governo afghano. A dicembre 2018 ha annunciato che Ci vorranno 7000 soldati americani del paese, anche se la prima metà di quell’anno fu il periodo più sanguinoso dell’intera guerra, secondo le Nazioni Unite, con 1.692 civili uccisi. La condizione per questa migrazione era che i talebani rilasciassero i prigionieri, tagliassero i legami con al-Qaeda e ISIS e portassero a termine un minor numero di attacchi.

Nel febbraio 2020, gli Stati Uniti e i talebani hanno firmato il cosiddetto “La via della pace”, che ha aperto la strada a una seria riduzione del numero delle forze statunitensi in Afghanistan, con i talebani che hanno affermato che non avrebbero permesso che l’Afghanistan fosse utilizzato come base per attività terroristiche. In base a questo accordo, tutte le forze statunitensi devono lasciare l’Afghanistan entro il 1 maggio 2021.

Il governo afghano non ha avviato negoziati con i talebani a Doha, in Qatar, fino a settembre 2020.

Joe Biden (2021-)

La scadenza del 1 maggio di Trump si sta rivelando molto lontana, ma il suo successore democratico, Joe Biden, è determinato a completare l’uscita dell’esercito americano dall’Afghanistan entro il primo anno della sua presidenza. lui è Mette al primo posto la data simbolica dell’11 settembre 2021Esattamente 20 anni dopo gli attentati terroristici che hanno costituito il punto di partenza della guerra in Afghanistan. A differenza di Trump, Biden non ha condizioni per il ritiro.

READ  L'assassino di Robert F. potrebbe essere rilasciato. Kennedy

A quel tempo, ci sono ancora 2.500 militari statunitensi in Afghanistan e 7.000 alleati della NATO dovrebbero sparire entro l’11 settembre. Devono andarsene, indipendentemente dalla situazione sul campo o dallo stato dei negoziati con i talebani. Biden vuole mettere fine aguerra eterna nell’Afghanistan.

Da luglio i talebani È iniziata una vera guerra lampo, nel frattempo hanno Afghanistan Di nuovo nelle sue mani. Quanto a Biden, che voleva che la guerra in Afghanistan finisse durante la sua presidenza, essere costoso. Giusto o sbagliato che sia, il presidente Biden passerà alla storia come il presidente che ha supervisionato un ultimo atto umiliante nell’esperienza degli Stati Uniti in Afghanistan. New York Times.