QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il critico di Putin Navalny rilascia la sua prima intervista da quando è stato imprigionato

Il leader dell’opposizione Alexei Navalny ha dichiarato a un quotidiano statunitense che i prigionieri politici in Russia affrontano ore e ore davanti alla televisione di stato e ai film di propaganda quotidiana. New York Times. È vietato leggere, scrivere o fare altro. “Bisogna sedersi su una sedia e guardare la TV”, ha detto Navalny, che lamenta anche sorveglianza costante, telecamere ovunque e violenza psicologica.

Secondo il quotidiano americano, il critico del Cremlino ha rilasciato la sua prima intervista (scritta) dalla sua prigionia in Russia all’inizio di quest’anno. In vista delle elezioni parlamentari del prossimo mese, il regime del presidente Vladimir Putin ha imbavagliato l’opposizione e la stampa indipendente.

Incidente storico

Il regime di Putin è un incidente storico Navalny scrive in 54 pagine manoscritte per il giornale. Prima o poi, questo errore verrà corretto e la Russia intraprenderà un percorso europeo democratico. Semplicemente perché la gente lo vuole. Navalny sottolinea ancora una volta che le sanzioni dovrebbero colpire solo le figure più importanti intorno a Putin. Le sanzioni occidentali prendono di mira alcuni di questi numeri, ma colpiscono anche l’economia in generale. Tuttavia, secondo Navalny, questi colpiscono i russi comuni, mentre la ricca élite, secondo lui, riesce a eludere le sanzioni con un “esercito di avvocati, lobbisti e banchieri”.

Navalny, 45 anni, si trova in un campo criminale a est di Mosca da marzo dopo essere tornato dalla Germania, dove è stato curato per avvelenamento in Russia. Deve scontare una condanna a 2,5 anni per frode, perché non ha fatto rapporto in patria a causa di quella transazione. nuova spedizione Contro Alexei Navalny potrebbe portare alla condanna dell’avversario russo ad altri tre anni di carcere.

READ  Il licenziamento di un ministro: un invito alla vaccinazione “spontaneo” provoca grande caos in Tunisia | all'estero