QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Per favore, Israele, non perderti nei tunnel di Hamas

Per favore, Israele, non perderti nei tunnel di Hamas

Guardo la guerra tra Israele e Hamas e ricordo uno dei leader mondiali che ammiro di più: Manmohan Singh. Era il primo ministro indiano alla fine del 2008, quando dieci jihadisti pakistani del gruppo Lashkar-e-Taiba, ampiamente ritenuti legati all’intelligence militare pakistana, si infiltrarono in India e uccisero 160 persone a Mumbai, di cui 61 in due hotel di lusso.

Qual è stata la risposta di Singh alla versione indiana dell’11 settembre?

Non ha fatto nulla.

Singh non ha mai compiuto ritorsioni militarmente contro il Pakistan o i campi di Lashkar-e-Taiba in Pakistan. È stato un notevole atto di autocontrollo. Qual è la logica dietro tutto ciò? Nel suo libro Scelte: all’interno della politica estera dell’India L’allora consigliere per la sicurezza nazionale dell’India, Shivshankar Menon, sottolineò le seguenti cose importanti.

“Io stesso in quel momento ho chiesto ritorsioni immediate e chiare” contro le basi jihadiste o contro i servizi segreti militari del Pakistan, “che erano chiaramente complici”, ha scritto Menon. “Fare qualcosa del genere sarebbe stato emotivamente soddisfacente e avrebbe rimosso parte dell’imbarazzo causato dalle scarse prestazioni della polizia e delle forze di sicurezza indiane”.

Ma ha aggiunto: “Su una base giusta e con il senno di poi, credo che la decisione di non rispondere militarmente e di concentrarsi su mezzi diplomatici invisibili sia stata la scelta giusta in quel momento”.

Uno dei motivi principali di ciò, spiega Menon, è che la risposta militare ha rapidamente nascosto quanto atroce e orribile fosse l’attacco ai civili e ai turisti indiani. “Il concetto di attacco terroristico lanciato dal Pakistan contro l’India con la partecipazione ufficiale della parte pakistana” andrà perduto. Se l’India reagisse, il mondo si troverebbe immediatamente di fronte a quella che Menon definisce una reazione “ok”: solo un altro scontro tra Pakistan e India – e niente di grave.

Inoltre, scrive Menon, “un attacco indiano al Pakistan avrebbe unito quel paese dietro l’esercito pakistano, che era sempre più sotto il fuoco interno” e “un attacco al Pakistan avrebbe anche indebolito il governo civile del Pakistan”. ma farlo.” Era appena salito al potere ed era favorevole a un rapporto con l’India molto migliore di quanto l’esercito pakistano considerasse desiderabile. “La paura della guerra, e forse della guerra stessa, era esattamente ciò che l’esercito pakistano voleva per rafforzare la sua posizione interna”.

Scrive anche che “la guerra, anche se avesse avuto successo, avrebbe comportato costi che avrebbero ostacolato lo slancio dell’economia indiana in un momento in cui l’economia globale è stata colpita da una crisi finanziaria senza precedenti nel novembre 2008”.

Menon conclude: “Non attaccando il Pakistan, l’India ha creato l’opportunità di utilizzare tutti i mezzi legali e segreti per perseguire gli autori di questi attacchi, incoraggiare la comunità internazionale a imporre sanzioni al Pakistan e ridurre le possibilità che tali attacchi si verifichino in futuro”.

READ  De Croo e Lahbib sono a Kiev e hanno stretto un accordo con l'Ucraina

Capisco che Israele non è l’India, un paese enorme con una popolazione di 1,4 miliardi di persone. La perdita di oltre 160 persone a Mumbai, compresi i turisti, non è stata avvertita in ogni casa e villaggio, così come l’uccisione, la mutilazione e il rapimento di quasi 1.400 israeliani da parte di Hamas. Il Pakistan possiede armi nucleari per scoraggiare qualsiasi ritorsione.

La narrazione è cambiata

Tuttavia è utile considerare il contrasto tra la risposta dell’India agli attacchi terroristici di Mumbai e la risposta di Israele al massacro commesso da Hamas.

Cosa è successo dopo l’orrore iniziale del barbaro attacco di Hamas contro i bambini, gli anziani e una festa da ballo israeliani? La narrazione è cambiata rapidamente dopo il violento contrattacco di Israele contro i civili palestinesi a Gaza, dove ha sede Hamas. Il massiccio contrattacco israeliano ha nascosto il terrorismo di Hamas e per alcuni li ha trasformati in eroi. I nuovi alleati arabi di Israele furono costretti dagli Accordi di Abraham a prendere le distanze dallo Stato ebraico.

Nel frattempo sono stati richiamati 360.000 riservisti, e l’economia israeliana ne soffrirà sicuramente se Israele impiegherà mesi per espellere Hamas da Gaza, come previsto. Si prevede già che l’economia subirà una contrazione di oltre il 10% su base annua negli ultimi tre mesi dell’anno L’economista Israele si è classificata al quarto posto tra le economie con i migliori risultati tra i paesi OCSE nel 2022.

A livello personale, sono rimasto stupito dalla risposta degli studenti e dei progressisti che si sono schierati con Hamas contro Israele, a volte anche prima che esso rispondesse. È come se il popolo ebraico non avesse il diritto all’autodeterminazione o all’autodifesa in alcune parti della sua patria storica.

Questa risposta inoltre non tiene conto del fatto che Israele, nonostante i suoi difetti, è una società multiculturale in cui quasi la metà dei suoi laureati in medicina sono arabi o drusi. O che Hamas è un’organizzazione armata che non tollera contraddizioni né omosessuali ed è determinata a distruggere lo Stato ebraico.

Opzioni fantastiche

Sono solidale con le terribili scelte affrontate dal governo israeliano dopo il peggior massacro di ebrei dai tempi dell’Olocausto. Ma poiché avevo seguito da vicino la risposta unica di Singh agli attacchi terroristici di Mumbai, ho immediatamente chiesto una risposta più mirata e più ponderata da parte di Israele. Aveva questo La nostra operazione di salvataggio degli ostaggi Concentrarsi sull’arresto e sull’eliminazione dei rapitori di bambini e nonni. Ogni genitore lo ha capito.

Invece, il governo di Netanyahu ha immediatamente lanciato un piano volto a “cancellare Hamas dalla faccia della terra”, secondo le parole del ministro della Difesa Yoav Galant.

Nel giro di tre settimane, Israele ha facilmente causato a Gaza un numero di vittime civili e distruzioni tre volte superiore a quello subito da Israele stesso. D’altro canto, gli Stati Uniti vogliono imporre il controllo militare su Gaza – un processo che, rapportato alla popolazione della Striscia, è più o meno equivalente al voler occupare metà del Messico da un giorno all’altro.

Netanyahu ha affermato che il piano israeliano costituirà una “battaglia lunga e difficile” per distruggere il potere militare e amministrativo di Hamas e riportare a casa gli ostaggi.

Come abbiamo accennato, Israele non è l’India. Porgere l’altra guancia non è un’opzione, non in quell’area. Ma qual è il piano di Netanyahu? I funzionari israeliani con cui parlo mi dicono che sono certi di due cose. Hamas non governerà mai più Gaza, e Israele non governerà mai la Gaza post-Hamas. Indicano che metteranno in atto un accordo come quello visto oggi in alcune parti della Cisgiordania, con i palestinesi di Gaza responsabili dell’amministrazione quotidiana, e l’esercito israeliano e le squadre di sicurezza dello Shin Bet che agiscono come dietro le quinte. -forza della scena.

tiepido

Questo è un piano poco convinto. Chi sono i palestinesi incaricati di governare Gaza per conto di Israele? Cosa succede la mattina dopo che un palestinese che lavora per Israele a Gaza viene trovato assassinato in un vicolo con un messaggio appuntato sul petto: “Traditore”, firmato dal “movimento clandestino di Hamas”?

Chi pagherà i costi del controllo, dell’assistenza sanitaria e dell’istruzione da parte di Israele per i 2,2 milioni di residenti di Gaza? Per favore, alzi la mano chi pensa che l’Unione Europea, gli stati arabi del Golfo e la fazione progressista del Partito Democratico nella Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti finanzieranno il controllo israeliano di Gaza a tempo indeterminato – mentre Netanyahu e la sua banda di razzisti ebrei lavorano per ottenere l’annessione. La Cisgiordania non ha uguali diritti per i palestinesi. I costi dell’occupazione di Gaza potrebbero danneggiare l’IDF e l’economia israeliana negli anni a venire.

E soprattutto: come gestirà Israele un’operazione così complessa se c’è così poca fiducia in Netanyahu? Sabato scorso ha accusato i capi dell’intelligence militare e il “prigioniero Pete” di non aver previsto gli attacchi a sorpresa di Hamas, e lui stesso si è dichiarato non colpevole. Il giorno successivo, l’infuriata opinione pubblica israeliana ha costretto il Primo Ministro a ritirare le accuse contro i suoi colleghi. Ma il danno era stato fatto.

Netanyahu non ha una squadra di rivali che lo sostengono. Ha una squadra di persone a cui viene chiesto di fare scelte devastanti a lungo termine, sapendo benissimo che il loro Primo Ministro è un essere umano così discutibile che li incolperà per tutto ciò che va storto e si prenderà tutto il merito se le cose andranno bene. . Bene.

In breve, caro lettore, capisco perché Israele crede di dover distruggere Hamas, inviando così segnali ad altri nella regione che non dovrebbero provare a fare qualcosa di simile a Hamas. Ma dal punto di vista di Washington, l’impressione è che i leader israeliani non abbiano né un piano realizzabile per la vittoria, né un leader in grado di affrontare le pressioni e le complessità poste da questa crisi. Israele deve rendersi conto che il suo alleato, gli Stati Uniti, la tolleranza nei confronti di un gran numero di vittime civili a Gaza in un’operazione militare aperta non è illimitata. Inoltre, il limite potrebbe essere presto raggiunto.

Israele dovrebbe lasciare la porta aperta a un cessate il fuoco umanitario e allo scambio di prigionieri, che darebbe anche a Israele il tempo di pensare a cosa vuole da questa frettolosa operazione militare a Gaza – e al prezzo che potrebbe pagare a lungo termine.

Ecco perché cito anche l’esempio indiano. Questo perché l’uso mirato della forza con obiettivi limitati e raggiungibili potrebbe essere migliore per la sicurezza e la prosperità a lungo termine rispetto a una guerra aperta per distruggere Hamas. Israele deve almeno porsi questa domanda.

Una tale pausa darebbe anche alla popolazione di Gaza l’opportunità di valutare ciò che l’attacco di Hamas contro Israele – e la reazione completamente attesa di Israele – ha fatto alle loro vite, alle loro famiglie, alle loro case e ai loro affari. Cosa pensava di ottenere Hamas per il popolo di Gaza con questa guerra? Solo poche settimane fa, migliaia di loro andavano a lavorare in Israele ogni giorno, o esportavano prodotti agricoli e altri beni attraverso il confine tra Gaza e Israele. Hamas ha ricevuto troppa comprensione e poche domande difficili.

Voglio che i leader di Hamas escano dai loro tunnel sotto gli ospedali e guardino negli occhi la loro stessa gente e i media mondiali e dicano loro perché pensavano che questa orribile mutilazione e il rapimento di bambini e nonne israeliani fosse una buona idea. La risposta si rivolge ai bambini e alle nonne dei loro vicini di Gaza.

Ho sempre pensato che il conflitto israelo-palestinese dell’inizio del XX secolo potesse essere riassunto in una canzone: lotta, stop, lotta, stop, lotta, stop, lotta, stop, lotta, stop. La differenza principale tra i due partiti è ciò che fanno durante i periodi di riposo.

Israele ha costruito una società e un’economia impressionanti, con tutti i suoi difetti. Hamas ha riversato quasi tutte le sue risorse nei tunnel di attacco.

Per favore, Israele, non perderti nei tunnel.

©New York Times