QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ricercatori: dare plasma ai pazienti con corona non ha…

Foto: Dutch Rising/ANP XTRA

Non ha senso somministrare plasma sanguigno da pazienti guariti da COVID-19 a persone appena infette che stanno appena iniziando a mostrare i primi sintomi di COVID-19.

Il plasma non riesce a fermare la malattia e quindi “non porta grandi benefici”. Questa è la conclusione del National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti, un’agenzia governativa.

Leggi anche: Sanquin invita le aziende del Limburgo a consentire ai dipendenti di donare il sangue durante il loro impiego

Il National Institutes of Health ha interrotto una sperimentazione del cosiddetto plasma convalescente. Quel plasma contiene gli anticorpi di persone che hanno sperimentato la corona e si sono riprese da essa. È stato dato a diverse centinaia di persone provenienti da tutti gli Stati Uniti. Erano appena risultati positivi al coronavirus e appartenevano tutti a un gruppo a rischio, ad esempio perché sovrappeso, ipertensione o diabete. Circa una persona su tre che ha ricevuto il plasma ha sviluppato disturbi peggiori del corona. Ad un altro gruppo è stato somministrato un placebo per controllare i risultati, e c’erano anche disturbi in peggioramento in una persona su tre.

I ricercatori hanno concluso: “I risultati mostrano che il plasma convalescente non sembra fornire alcun beneficio a questo particolare gruppo”. Non sanno ancora perché il plasma non funziona. Forse la dose di plasma era troppo bassa, è stata somministrata al momento sbagliato o il ricevente non ha assorbito il plasma correttamente. Ulteriori ricerche dovrebbero chiarire questo.

READ  La fiducia nella scienza è aumentata ai tempi di Corona