QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Si prevede che i mercati azionari europei aprano in rosso

Si prevede che i mercati azionari europei aprano in rosso

(ABM FN-Dow Jones) I mercati azionari europei dovrebbero aprire in rosso martedì, dopo un inizio di ottobre deludente lunedì.

IG prevede una perdita iniziale di 95 punti per il DAX tedesco e di meno 47 punti per il CAC 40 francese. Il FTSE britannico sembra destinato ad aprire in ribasso di 14 punti.

Lunedì i mercati azionari europei hanno chiuso in ribasso, mentre i rendimenti obbligazionari sono nuovamente aumentati.

“L’inizio del nuovo trimestre e della settimana è stato deludente per i mercati europei, con una debolezza diffusa su tutta la linea, con un accordo concordato per evitare uno shutdown del governo statunitense che avrebbe fatto salire i rendimenti statunitensi, insieme al dollaro USA”, ha affermato. L’analista di mercato Michael Hewson di CMC Markets.

Lunedì sono stati pubblicati gli indici dei direttori degli acquisti del Giappone, della zona euro e degli Stati Uniti. Ciò ha mostrato un quadro diviso dell’industria globale il mese scorso. In Giappone la contrazione del settore è stata più rapida, mentre nel Regno Unito i miglioramenti sono stati scarsi. Negli Stati Uniti, il settore si è ridotto molto meno rapidamente.

Il PMI manifatturiero della zona euro è sceso a 43,4 a settembre, in calo rispetto a 43,5 di agosto.

“Il PMI è stato ben al di sotto di 50 durante l’intero terzo trimestre, quindi siamo abbastanza fiduciosi che la stagnazione industriale sia continuata durante questo periodo”, ha affermato Cyrus de la Rubia della Hamburg Commercial Bank. “Probabilmente vedremo la situazione migliorare nuovamente solo nel nuovo anno”, dice l’economista, che ritiene che sia arrivata la recessione.

Alla fine della scorsa settimana, i dati sugli acquisti di Caixin hanno mostrato che il settore industriale e dei servizi cinese è cresciuto meno rapidamente a settembre. I dati ufficiali di Pechino hanno mostrato una crescita a settembre, dopo mesi di declino del settore.

Novità aziendali

A Francoforte Zalando lunedì era in vantaggio di oltre il 2%. L’indice continentale è cresciuto di oltre il mezzo punto percentuale. Il titolo Fresenius è stato il perdente più forte, poiché ha perso oltre il 3,5%. Le azioni della Deutsche Bank sono scese di oltre il 3%.

A Parigi ci furono solo pochi vincitori. Le azioni di Dassault Systèmes sono aumentate di oltre l’1%. La società di servizi finanziari Edenred si è classificata all’ultimo posto nell’indice CAC 40, con una perdita dell’11%. Anche Sodexo ha perso oltre il 3%. Le due società temono che le autorità francesi conducano un’indagine sul possibile abuso delle loro posizioni sul mercato.

In ogni caso, la Francia sta indagando sull’amministratore delegato di LVMH, il miliardario Bernard Arnault, in relazione ad un possibile riciclaggio di denaro nell’ambito di un accordo con un uomo d’affari russo. Le azioni LVMH sono leggermente scese.

READ  La decisione di vietare Bitcoin in Cina è stata la decisione giusta "Cryptocurrency Insiders"

Gli analisti di Berenberg rimangono positivi sui titoli della difesa europei. Budget per la difesa più ampi porteranno a una maggiore crescita dei ricavi. Rheinmetall sarebbe il miglior investimento in questa luce. Questa quota continua a diminuire di circa il 2%.

A Londra le azioni BAE Systems sono aumentate di oltre l’1%. La società si è aggiudicata un contratto per un sottomarino nucleare da parte del governo britannico del valore di 3,95 miliardi di sterline.

La compagnia assicurativa Allianz Claire ha nominato Marie Coste Lepotre nuovo direttore finanziario, in sostituzione di Julie Tersariol. Oliver Payet rimarrà amministratore delegato fino al 2028. La quota ha perso più dell’1%.

Nonostante un buon terzo trimestre per le case automobilistiche europee, il quarto trimestre sta diventando più impegnativo e le prospettive fino al 2024 sono nebulose a causa del rallentamento della domanda sottostante, secondo gli analisti di Bernstein. Hanno notato che Stellantis e Volkswagen hanno ridotto la produzione. Lunedì questi titoli sono stati messi sotto pressione.

Euro Stoxx 50 4.138,07 (-0,9%)
STOXX Europa 600 445,59 (-1,0%)
DAX 15.247,21 (-0,9%)
CAC 40 7.068,16 (-0,9%)
FTSE 100 7.510,72 (-1,3%)
SMI 10.863,65 (-0,9%)
IEX 724,18 (-0,6%)
Bolletta 20 3.509,67 (-1,2%)
FTSE MIB 27.849,65 (-1,4%)
IBEX 35 9.319,00 (-1,2%)

Azioni statunitensi

Martedì Wall Street si troverà ad affrontare un’apertura in rosso, dopo che lunedì i mercati azionari statunitensi hanno terminato la divisione.

Alla fine della scorsa settimana, il Congresso degli Stati Uniti ha raggiunto un accordo temporaneo sul bilancio. Tuttavia, il bilancio definitivo dovrà essere presentato entro il 17 novembre per evitare una chiusura.

“È solo una sospensione fino a metà novembre, quando l’intero circo potrà ricominciare.” Per il presidente della Camera McCarthy, l’accordo è arrivato a caro prezzo: ottenere l’aiuto dei democratici ha scatenato un tentativo da parte dei repubblicani intransigenti di ucciderlo. “È chiaro che da qui alle elezioni del prossimo anno, la politica negli Stati Uniti rimarrà un disastro”, ha detto Frank Franken della Edmond de Rothschild Bank.

Ciò potrebbe avere un prezzo, secondo Franken, “vale a dire, un premio di rischio più elevato per il debito americano. Il fatto che ci sia così tanta incertezza ha già allarmato le agenzie di rating del credito, e il risultato netto dovrebbe essere un aumento dei rendimenti obbligazionari a lungo termine”. .” Secondo un esperto di mercato.

Lunedì i rendimenti obbligazionari sono nuovamente aumentati. Il rendimento delle obbligazioni a 10 anni negli Stati Uniti ha raggiunto il 4,68% alla chiusura della campana di New York, leggermente al di sotto del picco di oltre il 4,7% di inizio giornata. Un mese fa il rendimento dei board era ancora del 4,11%.

READ  Coucke vende la sua società "mini-Omega Pharma" al fondo di investimento francese

A livello macroeconomico, lunedì è stato annunciato che l’industria statunitense ha subito una contrazione meno marcata nel mese di settembre. I dati di S&P Global mostrano che la crescita è in arrivo.

“Le notizie sulle aspettative di inflazione sono state meno incoraggianti, con i costi alla produzione in aumento al ritmo più rapido in cinque mesi, in gran parte a causa dell’aumento dei prezzi del petrolio. Questi costi più elevati sono già stati trasferiti su prezzi più alti per i clienti, che inevitabilmente porteranno a una rinnovata inflazione. ” L’economista Chris Williamson di Standard & Poor’s Global ha messo in guardia dalle pressioni al rialzo sull’inflazione.

Il PMI è passato da 47,9 di agosto a 49,8 del mese scorso. Questo numero era molto migliore del 48,9 riportato nel rapporto iniziale.

I dati sugli acquisti dell’ISM hanno mostrato un miglioramento da 47,6 di agosto a 49,0 di settembre. Il mercato si aspettava che l’indice raggiungesse 48,0.

I dati sugli appalti per il settore dei servizi statunitense saranno pubblicati entro questa settimana. All’ordine del giorno ci sono anche due rapporti sull’occupazione. Il processore dei voucher di pagamento ADP verrà rilasciato mercoledì e il rapporto ufficiale venerdì.

Lunedì sera il prezzo del WTI era inferiore a 89 dollari, ovvero il 2% in meno rispetto a prima del fine settimana. Nel terzo trimestre, i prezzi del petrolio sono aumentati di oltre il 25%, toccando i record annuali, a causa della contrazione dell’offerta.

I prezzi del petrolio potrebbero registrare qualche movimento nel corso di questa settimana, quando si riunirà il Comitato di monitoraggio ministeriale congiunto dell’OPEC+, o JMMC. Mercoledì è prevista una riunione del comitato tecnico che valuterà la politica dell’OPEC+. Il JMMC ha l’autorità di convocare una riunione completa dell’OPEC+, se necessario.

“Il mercato sarà curioso di vedere se ci saranno segnali di cambiamento nella politica produttiva del gruppo”, scrivono gli analisti di ING. “Non crediamo che il gruppo cambierà la sua politica di produzione”, ha detto la banca.

Novità aziendali

Tesla ha prodotto e consegnato meno automobili nell’ultimo trimestre rispetto al trimestre precedente. Nell’ultimo trimestre il produttore di auto elettriche ha prodotto 430.488 veicoli, mentre sono state consegnate 435.059 unità.

Nel secondo trimestre Tesla ha prodotto 479.700 veicoli, mentre ne sono stati consegnati 466.140. Secondo Tesla, i cali trimestrali sarebbero il risultato di un temporaneo arresto della produzione volto a modernizzare le fabbriche, come era stato anche annunciato. “Il nostro obiettivo di volume per il 2023 di circa 1,8 milioni di unità rimane invariato”, ha dichiarato Tesla lunedì. Secondo l’analista di Wedbush Dan Ives, il quarto trimestre e il 2024 dovrebbero essere migliori per Tesla. La quota è aumentata di circa mezzo punto percentuale.

READ  La Francia si prepara a una settimana piena di proteste contro la riforma delle pensioni: potenziali battute d'arresto da stasera | al di fuori

Anche il rivale del settore Rivian ha pubblicato lunedì i dati sulla produzione, battendo le aspettative. La quota continua a scendere di oltre il 2%.

Le azioni di Coinbase sono aumentate leggermente dopo che l’exchange di criptovalute ha annunciato di aver ottenuto una licenza per i principali istituti di pagamento dall’organismo di regolamentazione di Singapore.

Nvidia potrebbe dover temere l’indagine sulla concorrenza della Commissione Europea. In questo modo si esamina se è possibile abusare delle posizioni di mercato nel mercato dell’intelligenza artificiale. Il nome Nvidia avrebbe potuto essere menzionato. La scorsa settimana gli uffici della società francese sono stati perquisiti. Lunedì le azioni sono aumentate di quasi il 3%.

S&P 500 4.288,39 (+0,01%)
Dow Jones 33.433,35 (-0,2%)
Nasdaq Composito 13.307,77 (+0,7%)

Asia

Le borse asiatiche erano in zona rossa, mentre quella cinese resterà chiusa per tutta la settimana.

Nikkei 225 31.248,57 (-1,6%)
Shanghai Composite 3.110,48 (risultato chiuso il 28 settembre)
Hang Seng 17.278,37 (-3,0%)

Valute

Questa mattina la coppia EUR/USD veniva scambiata a 1,0463. Lunedì sera la coppia EUR/USD veniva scambiata al di sotto del livello di 1,05. L’aumento dei rendimenti sul mercato obbligazionario fa presagire un dollaro forte anche a lungo termine e un euro più basso per un periodo più lungo, ha detto lunedì Teo Meifangen, analista di mercato della Rabobank.

Secondo Myfangen, la Rabobank ha ora rivisto la sua visione sulla coppia EUR/USD portandola ad un “basso più a lungo”. Ciò significa che la banca prevede che il tasso sarà intorno a 1,02 tra tre e sei mesi e intorno a 1,015 tra un anno.

USD/JPY 149,87 yen
EUR/USD 1,0463 EUR
EUR/JPY 156,82

Programma generale:
00:00 Chiusi i mercati azionari cinesi
06:30 Reserve Bank of Australia – Decisione sul tasso di interesse (Australia)
Lavori 16:00 – Agosto (Stati Uniti)

Notizie dall’azienda:
– Non ci sono punti all’ordine del giorno

Fonte: Notizie finanziarie ABM

ABM Financial News è una risorsa per notizie, video e dati sul mercato azionario, sia per piattaforme e sale di negoziazione in tempo reale che per pubblicazioni multimediali online e offline. Le informazioni contenute in questo articolo non intendono fornire una consulenza professionale in materia di investimenti o una raccomandazione per effettuare investimenti particolari.

Direzione comunitaria

Il titolo aumenterà o diminuirà dopo questa notizia?