QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Studio: l’infezione da Corona può aumentare significativamente il rischio di sviluppare un’embolia polmonare | all’estero

Era già noto che l’infezione da corona porta a una maggiore possibilità di coagulazione del sangue, ma mancavano i dettagli sulla durata del pericolo e sulla possibilità di infezione nelle persone che non si ammalavano con difficoltà. Uno studio svedese condotto dall’Università di Umeå su oltre un milione di pazienti con corona fornisce nuove informazioni.

Gli scienziati hanno confrontato i dati dei pazienti affetti da coronavirus tra febbraio 2020 e maggio 2021 con un gruppo di quattro milioni di persone che non erano risultate positive al virus. È stato riscontrato che il rischio di embolia polmonare aumenta fino a sei mesi dopo l’infortunio e per la TVP, questo viene applicato per un massimo di tre mesi.

I ricercatori hanno riferito che anche le persone che non si sono ammalate a causa dell’infezione da corona e non sono state ricoverate in ospedale avevano maggiori probabilità di sviluppare coaguli di sangue. Tuttavia, con il progredire dell’epidemia, è meno probabile che ciò accada, probabilmente a causa dell’efficacia dei vaccini.

Secondo gli scienziati, la ricerca mostra che dovrebbe essere prestata maggiore attenzione al trattamento dei coaguli di sangue nei pazienti con corona. I ricercatori dell’Università di Glasgow, che non sono stati coinvolti nello studio, hanno riferito che i risultati mostrano “che anche infezioni lievi possono portare a complicazioni”.

READ  Più giovani hanno usato antidepressivi durante il secondo lockdown