QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Uber ha schierato investigatori privati ​​e sabotato perquisizioni domiciliari

Una violazione dei dati nel servizio taxi Uber mostra che la compagnia statunitense non ha esitato a conquistare il mercato. Anche in Belgio.

Informazioni fornite dal quotidiano britannico Guardiano L’adesione di Uber alla Federazione internazionale dei giornalisti mostra che tra il 2013 e il 2017, Uber ha compiuto grandi sforzi in tutto il mondo per raggiungere l’espansione desiderata. Non è stato fermato da leggi e regolamenti.

Le informazioni dell’ICIJ spiegherebbero i 124.000 documenti trapelati. Si riferisce a un’ampia gamma di documenti, inclusi messaggi WhatsApp e calendari del periodo compreso tra il 2013 e il 2017.

Dalla parte belga della ricerca, dai membri dell’International Consortium of Investigative Journalists talento del tempo E il il braccialettoSembra anche che quando Uber è diventata attiva in Belgio nel 2014, abbia immediatamente assunto un’agenzia di intelligence per apprendere i segreti della cucina dei suoi rivali di Bruxelles: Taxis Bleus e Taxis Verts. Quest’ultimo è passato nelle mani del proprietario Belron D’Ieteren all’inizio di quest’anno.

Uber aveva anche un piano per hackerare un’agenzia governativa di Bruxelles che voleva utilizzare “mystery shopper” per verificare se Uber stesse seguendo le regole.

kill switch

L’azienda ha anche sviluppato una cosiddetta “chiave di blocco”, che aveva lo scopo di garantire che i dati fossero crittografati istantaneamente in caso di ricerca.

Ma quando il tribunale di Bruxelles ha condotto una perquisizione domiciliare nel marzo 2015, il personale presente ha ritardato per premere il “kill switch”.

A livello internazionale, i documenti trapelati mostrano che Uber ha cercato di fare lobby ad alto livello, anche contro Joe Biden nel 2016, quando era ancora vicepresidente, e un certo numero di oligarchi russi.

READ  Omikron batte i record di inquinamento | Standard

Si dice anche che il presidente francese Emmanuel Macron abbia avuto contatti con Uber nel 2014, quando era ancora ministro dell’Economia.

Uber non nega le accuse, ma dice a ICIJ tramite la sua portavoce Jill Hazelbecker che l’abuso è anteriore al 2017. Secondo Hazelbecker, la politica aziendale è cambiata drasticamente dopo che il CEO di Uber Travis Kalanick è stato costretto a dimettersi nel 2017. scuse per comportamenti passati chiaramente incoerenti con i nostri valori attuali”.