QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un anno dopo che i talebani hanno preso il controllo dell’Afghanistan: ritorno al punto di partenza per ragazze e donne | All’estero

A un anno dalla presa di potere dei talebani islamici radicali, la situazione appare particolarmente cupa, soprattutto per le ragazze e le donne. Gli esperti avvertono che l’Afghanistan è tornato ad essere un rifugio per il terrorismo. La presa del potere è avvenuta poco dopo il ritiro degli Stati Uniti e di altre forze internazionali dal paese ed è stata seguita da caos e panico. Le immagini degli afgani che si precipitano su aerei che stavano già decollando all’aeroporto di Kabul per fuggire dalla loro patria bruciano ancora nella mia mente.

L’Afghanistan è stato afflitto da conflitti e guerre per più di quattro decenni. Dopo gli attentati terroristici dell’11 settembre 2011, gli Stati Uniti hanno invaso il Paese nell’ambito della cosiddetta “Guerra al terrorismo”, ovvero la guerra internazionale contro il terrorismo. L’operazione militare, “Operazione Enduring Freedom”, che sarebbe durata per anni, aveva lo scopo di eliminare il leader di al-Qaeda Osama bin Laden e altri membri del gruppo terroristico. I talebani – sebbene non fossero coinvolti negli eventi dell’11 settembre – sono stati menzionati da Washington contemporaneamente ad al-Qaeda e sono stati quindi presi di mira.

Poco dopo l’inizio dell’invasione statunitense, i talebani sono stati estromessi dal potere nell’autunno del 2001. Con l’aiuto degli Stati Uniti è stato insediato un nuovo regime guidato da Hamid Karzai. Il paese si è aperto grazie alla presenza militare internazionale. Sono stati promossi anche i diritti delle donne e sono stati compiuti progressi nell’area della parità di genere.

Discesa per donne e bambini

Ora che i talebani hanno tirato di nuovo i fili, sembra che siano tornati al punto di partenza in molti modi. L’Afghanistan soffre di una catastrofe umanitaria, quasi la metà della popolazione è minacciata di fame e le organizzazioni si lamentano regolarmente delle violazioni dei diritti umani e dell’esclusione di ragazze e donne dalla vita pubblica.

READ  'L'ex presidente georgiano Saakashvili colpisce la fame deve andare in ospedale' | All'estero


citazioni

Ogni attività quotidiana per donne e ragazze è controllata e ridotta

Agnes Callamard, AI

“Le politiche brutali dei talebani stanno negando a milioni di donne e ragazze il diritto di vivere una vita sicura e libera”, ha affermato alla fine di luglio Agnes Callamard, segretario generale per i diritti umani di Amnesty International. “Andare a scuola e al lavoro e uscire di casa: ogni attività quotidiana è sotto controllo e limitata”. A migliaia di ragazze delle superiori è stato ordinato di restare a casa.

Inoltre, un rapporto di Save the Children Afghanistan ha mostrato che quasi l’80% di tutti i bambini afferma di essere andato a letto affamato nell’ultimo mese. Per le ragazze, la possibilità è quasi il doppio. Ciò ha conseguenze sulla salute mentale di quest’ultimo: un quarto mostra segni di depressione. Amnesty International vede anche aumentare il numero di matrimoni infantili e forzati.

Quasi la metà degli afgani sta morendo di fame. Gli ospedali del paese hanno reparti per la malnutrizione dove viene servito cibo ai pazienti. © AFP

Il nuovo governo talebano vede gli ultimi dodici mesi come una liberazione dalle “forze di occupazione”. Prima di quella cosiddetta “liberazione”, la situazione nel Paese stava già peggiorando. La corruzione è dilagante all’interno dell’élite politica e dei più alti ranghi militari, e il morale dell’esercito afgano è andato di male in peggio.

Errori da entrambe le parti

Secondo l’esperto Tamim Asi, che è stato anche viceministro della difesa per un periodo sotto il presidente Ashraf Ghani, la più grande sconfitta morale è stata il trattato di pace del febbraio 2021 tra Stati Uniti e talebani. Fai la pace, perché dovremmo combattere? ”

Asi ritiene che l’Occidente sia diventato troppo affascinato dai talebani. “Hanno consegnato un intero paese a un gruppo terroristico partendo dal presupposto che i talebani fossero cambiati e si sarebbero trasformati in un governo responsabile in stile occidentale, cosa che non sono riusciti a fare”. Ultimo esempio? Il leader di al-Qaeda Ayman al-Zawahiri è stato ucciso in un attacco di droni statunitensi Fine luglio nel cuore di Kabul. La morale è che i talebani forniscono ancora rifugio ai terroristi.

Asi dà anche uno sguardo più da vicino all’ultimo governo afghano. La fuga del presidente Ghani poco prima che i talebani prendessero il potere ha finalmente segnato il suo destino. “Non poteva unire il Paese e l’élite. Conosceva la lingua dell’Occidente, ma non era la lingua del suo popolo e la sua fuga è stata una disgrazia”. Secondo Asi le cose sarebbero potute andare diversamente. Ad esempio, se il presidente avesse negoziato un accordo con i talebani e si fosse dimesso per far posto a un governo di transizione.

paradiso del terrorismo

La storia si ripete agli occhi dell’ex viceministro della Difesa. Dopotutto, il motivo dell’operazione militare nel 2001 è stata la caccia a Osama bin Laden, che ha trovato rifugio nel Paese durante il governo dei talebani. L’Afghanistan è tornato ad essere un rifugio sicuro dal terrorismo. Ci sono molte prove per questo. Solo l’organizzazione terroristica ISIS, che è attiva con le cellule terroristiche nel Paese, viene combattuta dai talebani. “Sembra che gli Stati Uniti e l’Occidente non stiano imparando nulla dalla storia”.

I talebani sono ovunque per le strade, ad aspettare qui in un quartiere sciita.

I talebani sono ovunque per le strade, ad aspettare qui in un quartiere sciita. © AP

I talebani negano le accuse. Dopo la morte di al-Zawahiri, il governo ha annunciato di non essere a conoscenza della sua residenza. I governanti in Afghanistan stanno lavorando per il riconoscimento internazionale, ma non vogliono sentire parlare di interferenze. Appelli della comunità internazionale a riaprire le scuole alle ragazze e considerazione dei talebani come parte del dibattito interno. “Nessuno ha il diritto di discutere con noi gli affari interni del nostro Paese o di dirci che abbiamo bisogno di una sorta di ordine”, ha detto il portavoce talebano Karimi.

riconsiderando. I talebani non sapevano che al-Zawahiri si trovava a Kabul

Nazioni Unite: più di 120 morti e feriti in Afghanistan nei giorni scorsi

Almeno due persone sono rimaste uccise nell’esplosione di una bomba in un quartiere sciita a Kabul