QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Uno studio olandese mostra che l’efficacia del vaccino Johnson & Johnson contro la variante delta è aumentata dopo 3 mesi | Corona virus quello che c’è da sapere

Leggi tutte le notizie sul corona virus in questa vita.

Il vaccino in questione è efficace al 50% contro l’infezione da virus quattro settimane dopo l’iniezione nelle persone di età compresa tra 50 e 69 anni. Tre mesi dopo, quella percentuale era salita a circa il 75%, secondo RIVM.

L’efficacia contro l’infezione da variante delta diminuisce effettivamente per i vaccini mRNA (Pfizer e Moderna) nel tempo dall’ultima vaccinazione. Due settimane dopo la seconda iniezione, i vaccini proteggono tra il 75 e il 90 percento delle infezioni. Che scende al 70-80% in sei mesi. Le percentuali sono più basse per le persone con più di 70 anni.

RIVM ha esaminato i dati dall’inizio di luglio all’inizio di dicembre. L’istituto ha selezionato le persone che si sono sottoposte al test a causa di reclami o perché hanno dovuto trovare la fonte e il contatto. Fino a dicembre, la variante delta era dominante nei Paesi Bassi. Il tipo di virus omikron è ora in aumento e si prevede che prenda il sopravvento.

RIVM non è in grado di determinare l’efficacia del vaccino Johnson & Johnson nei primi mesi dopo l’iniezione. “Il meccanismo non è stato ancora del tutto chiarito”, ha detto un portavoce. Secondo l’istituto, è “in linea con ciò che vediamo immunologicamente”.

READ  L'ex consigliere di Trump avvia una causa contro l'assalto al Campidoglio per indagare