QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Vaccini meno efficaci? L’aumento degli infortuni non racconta tutta la storia

Il Corona virus non è scomparso in poche settimane. Il numero degli infortuni è in aumento, così come il numero dei ricoveri ospedalieri. Cresce la pressione sulla sanità. Venerdì l’Ospedale VieCuri di Venlo è stato ampliato Prenditi cura di lui A causa del “massiccio afflusso di pazienti con corona”, la “parte più grande” non è stata vaccinata.

Un po’ più avanti nel Limburgo, presso il Maastricht University Medical Center (MUMC), è anche molto frequentato. Ma in media, otto pazienti su dieci con COVID-19 hanno ammesso di essere stati vaccinati, come si è scoperto questa settimana. Essendo messaggi inquietanti Il che porta a domande sulla protezione dei vaccini. Sta cadendo più velocemente del previsto?

C’è dell’altro a Maastricht, come spiega il MUMC sul suo sito web: “Si tratta di un’istantanea di un piccolo gruppo di pazienti nel normale reparto corona, quindi non nel reparto IC”. Nel reparto di terapia intensiva, il sito rileva che oltre alle persone che non volevano essere vaccinate, ci sono molte persone che hanno problemi con il loro sistema immunitario. A volte il vaccino non funziona, a volte no. Complessivamente, il 90% non è vaccinato.

Leggi anche: Ottimismo e sopravvalutazione: ecco come sono finiti i Paesi Bassi nell’ondata autunnale in poche settimane

Secondo l’ospedale, il fatto che molte persone vaccinate siano finite nel reparto di cura ha a che fare con l’età dei pazienti ricoverati. Nove su dieci è maggiore di settanta e sei su dieci è maggiore di ottanta. È noto che i vaccini funzionano meno efficacemente negli anziani e che la loro efficacia diminuisce più rapidamente che negli adulti più giovani. “Con una copertura vaccinale così elevata, i giovani non sono così malati da finire in ospedale, dove gli anziani vengono vaccinati con malattie sottostanti”, afferma Paul Savellkull, microbiologo molecolare medico al MUMC.

READ  “Chi è stato vaccinato passa attraverso una variante delta proprio come…

Il quadro nazionale non indica ancora un calo significativo della protezione vaccinale dall’ospedalizzazione. Da un’analisi dei ricoveri ospedalieri del Royal Institute of Public Health (RIVM) tra il 1 settembre e il 3 ottobre pallido Quattro su cinque pazienti con corona in terapia intensiva non hanno ricevuto la vaccinazione. “Otto mesi dopo l’inizio del programma di vaccinazione nei Paesi Bassi, non ci sono ancora prove che la protezione sia diminuita nel tempo dalla vaccinazione”, Libri RIVM.

Il 44% è stato vaccinato

Anche la percentuale di test positivi tra le persone completamente vaccinate è in aumento. Ad agosto, un quarto del numero di test positivi al coronavirus proveniva da persone completamente vaccinate, a settembre circa un terzo. Nel frattempo, a partire da lunedì 25 ottobre, le persone vaccinate rappresentano quasi la metà (44%) del numero di nuove infezioni, Secondo i dati RIVM.

Si è tentati di trarre conclusioni di vasta portata sulla base di questi numeri, sullo sfondo di una serie di studi che dimostrano che l’efficacia del vaccino contro le infezioni sta diminuendo. Tuttavia, è difficile dirlo in base a questi numeri. Innanzitutto, ad agosto c’era ancora molta vaccinazione: dall’inizio di agosto sono state effettuate 2,5 milioni di seconde vaccinazioni. Se aumenta il numero di persone vaccinate, ci si può aspettare anche un aumento del numero di test positivi in ​​quel gruppo: dopotutto, il vaccino non protegge al 100%.

Quasi l’82% delle persone di età superiore ai 12 anni è ora completamente vaccinato. Quindi un gruppo è molto più grande dell’altro: se vengono vaccinate un numero sufficiente di persone, provocano automaticamente più della metà dei test positivi.

READ  Contaminazione da PFOS: "Niente panico" (tossiologi) - Belgio

area di prova

Inoltre, con le statistiche del test, dipendi fortemente dalla prontezza del test: chi viene alla linea di test in caso di reclamo? Questa predisposizione è maggiore tra i vaccinati che tra i non vaccinati, come precedentemente mostrato Sondaggio di I&O Research. Nelle precedenti ondate di contaminazione, anche la preparazione per i test è aumentata man mano che la situazione diventava più urgente, ad esempio quando sono emersi resoconti dei media sui problemi di capacità negli ospedali. Questa volta sembra essere il caso: il numero di test eseguiti è quasi raddoppiato in un mese. Un quarto di coloro che non sono stati vaccinati I&O Research ha dichiarato di non voler più essere testato, rispetto al 2% di quelli vaccinati.

Leggi anche: Quali misure possiamo aspettarci? Un maggiore uso di Corona Corridor è ovvio

RIVM spera di poter rilasciare presto dichiarazioni sulla misura in cui i vaccini proteggono ancora dalle infezioni. Il RIVM prende poi in considerazione il numero di persone vaccinate che si sono presentate al test street e la percentuale di quei test che sono risultati positivi. Queste informazioni non sono ancora pubbliche.

In generale, l’efficacia del vaccino contro le infezioni sembra in lieve calo, mentre la protezione contro il ricovero resta elevata. Nonostante ciò, il numero dei ricoveri è in rapido aumento: la scorsa settimana sono stati ricoverati nel reparto di cura una media di 115 pazienti Covid al giorno. per me Primo da giugno Ci sono più di mille persone contagiate da corona negli ospedali.

Il governo ha spostato la prevista conferenza stampa sul coronavirus dalla prossima settimana a martedì prossimo, tre giorni prima del previsto. Da allora sono circolate potenziali nuove misure come l’obbligo di coprire la bocca e l’ampliamento della tessera d’ingresso Corona. I ministri più importanti si sono incontrati venerdì scorso a Catshuis, ma lì non sono ancora state prese decisioni.

READ  Terrorizzato dagli aghi: è importante uscire