QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

‘Vai in un club di lettura, a un concerto o visita altri’: i medici avvertono gli anziani fragili che sono ancora a casa

Anziani vulnerabili che sono stati completamente vaccinati, ma ancora non osano uscire di casa. Nemmeno nelle piccole gite: i medici li vedono spesso. Sebbene sia importante per gli anziani farlo, avverte il geriatra Arend Arends.

I medici anziani lanciano l’allarme. Vedono che ci sono ancora tanti anziani fragili che non osano riprendere le normali attività quotidiane per paura del Corona.

Anziani che vivono in casa

Ma l’isolamento in casa fa sì che la loro salute si deteriori rapidamente. Ci sono mezzo milione di anziani vulnerabili nei Paesi Bassi che vivono a casa. Una grande percentuale di loro non osa più fare cose fuori casa.

Arend Arends, presidente della Society of Clinical Geriatrics, ha rivolto un appello a tutte le persone anziane vulnerabili: “Scegli il club di lettura, il concerto o visita di nuovo gli altri!”

sentirsi in pericolo

Nella sua pratica, Arends vede persone anziane che vivono ancora a casa, ma vengono curate in ospedale e non possono tornare a casa dopo. “Divengono meno mobili e, ad esempio, hanno una frattura dell’anca. Oppure ci sono persone anziane che hanno una demenza precoce ma si deteriorano più velocemente e poi finiscono in un istituto di cura”, dice.

Nella sua pratica, Arends ha notato che le persone non credono ancora pienamente nel messaggio che possono uscire di nuovo in sicurezza. Si sentono vulnerabili, ci sono notizie di nuove varianti e non hanno ancora il coraggio di uscire. Arends osserva che ciò causa problemi.

Guarda anche

Sentimenti di depressione e cibo cattivo

Gli anziani che stanno molto a casa fanno meno esercizio fisico e quindi hanno più cadute. Arends dice che sono tutti processi dannosi. Vedete che i sentimenti di solitudine e depressione sono aumentati in un gruppo di persone. La dieta si sta deteriorando e questo rende le persone più suscettibili alle malattie.

READ  I farmaci per dormire non hanno un effetto duraturo

Molte persone con demenza allo stadio iniziale vivono a casa, ma hanno già i problemi causati dalla demenza. Questo gruppo tende comunque a isolarsi, poiché ora vede molti problemi comportamentali (ansia, agitazione, agitazione, litigi) che possono essere prevenuti dai visitatori regolari, afferma Arends.

Guarda anche

Il rischio corona è inferiore al danno causato dallo stare a casa

Un’indagine tra i geriatri clinici mostra che il quadro è lo stesso in molte pratiche: gli anziani fragili hanno ancora troppa paura di riprendere le loro attività quotidiane. I geriatri chiedono comunque agli anziani di farlo, perché il rischio di ammalarsi gravemente di corona è ora inferiore al rischio di danneggiare la salute restando a casa.

“Penso davvero che sia responsabile ora fare di più. Essere più coinvolti in attività in piccoli gruppi, interagire di più con gli altri. Ad esempio, prendere una tazza di caffè con qualcuno sul balcone, va bene”.

Ascolta la conversazione con Arendos Arends a EenVandaag qui