QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Verso un trattamento personalizzato per le donne con carcinoma ovarico


Immagine: National Cancer Institute

Per migliorare il trattamento del cancro, è importante capire come si formano i tumori. La ricercatrice Phyllis van der Ploeg ha condotto una ricerca presso il Katharina Hospital sui processi alla base dello sviluppo del cancro ovarico. Un tipo di cancro le cui possibilità di sopravvivenza sono appena migliorate negli ultimi 30 anni.

Con i risultati della sua ricerca, un nuovo studio ha recentemente iniziato a selezionare meglio le donne in anticipo per la terapia mirata. In tale trattamento, vengono affrontate le caratteristiche molecolari specifiche del tumore. Invece della chemioterapia o delle radiazioni, che colpiscono anche le cellule sane del corpo, le terapie mirate prendono di mira specifici percorsi molecolari coinvolti nella formazione e nel comportamento delle cellule tumorali. Sono proprio questi percorsi molecolari che van der Ploeg ha studiato.

Crescita cellulare incontrollata

Tutte le cellule del corpo sono controllate da catene di interazioni proteiche che, tra le altre cose, assicurano la divisione cellulare. Quando qualcosa “va storto” in una di queste catene – il cosiddetto percorso – questo porta a una crescita cellulare incontrollata e alla fine può svilupparsi un tumore. Abbiamo usato una nuova tecnica per cercare catene proteiche interrotte nel cancro ovarico. Confrontalo con il motore di un’auto. Se il tubo non è collegato, il motore si arenerà, ma dovresti sapere quale tubo è quale. “Ho anche esaminato i tumori in modo molto dettagliato”, spiega van der Ploeg.

“Con lo studio di follow-up lanciato di recente, vogliamo utilizzare farmaci mirati per creare un ‘blocco’ nella catena proteica, in modo da arrestare la crescita del tumore. Questo ‘blocco’ può essere diverso per ogni paziente. Con i risultati del mio ricerca, riteniamo di aver trovato un modo migliore per trattare le donne con farmaci in modo mirato. Scegliendo in anticipo, le donne vengono prontamente trattate con farmaci appropriati e hanno meno probabilità di sperimentare effetti collaterali non necessari”.

READ  È saggio combinare diversi integratori alimentari?

Manipolazione pesante

Quest’ultimo è particolarmente importante, perché il processo di trattamento per le donne con carcinoma ovarico è difficile. Van der Ploeg: “I pazienti ricevono la chemioterapia e si sottopongono a un intervento chirurgico importante per rimuovere l’utero, le ovaie e le tube di Falloppio”.

Con il nuovo studio – il cosiddetto studio Stappover – i ricercatori sperano di migliorare le possibilità di sopravvivenza dei pazienti senza comprometterne la qualità della vita.

Donna assassina silenziosa

Il cancro alle ovaie è uno dei tipi più letali di cancro che una donna possa contrarre. Questa malattia non è chiamata “killer silenzioso delle donne” per niente. Le ovaie e le tube di Falloppio si trovano in profondità nella cavità addominale. Le cellule tumorali possono crescere rapidamente senza intaccare la donna. Van der Ploeg: “Nelle prime fasi, il tumore spesso non preme su altri organi. I reclami di solito compaiono quando il cancro si è già diffuso nella cavità addominale.

Il tasso di sopravvivenza a 5 anni per le donne con diagnosi di carcinoma ovarico è di circa il 38%; Negli anni ’90, il tasso di sopravvivenza era di circa il 33%. Delle 1.400 donne diagnosticate ogni anno, 1.100 muoiono a causa della malattia ogni anno. Dieci anni dopo la diagnosi, circa il 30% dei pazienti è ancora vivo.

Fonte: comunicato stampa dell’ospedale Katharina