QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I dottori Jurgen e Mark aiutano pazienti come Henry V. Emmen a liberarsi da forti mal di testa con il Botox.  “Non ne ero sicuro, ma ho riavuto indietro la mia vita.”

I dottori Jurgen e Mark aiutano pazienti come Henry V. Emmen a liberarsi da forti mal di testa con il Botox. “Non ne ero sicuro, ma ho riavuto indietro la mia vita.”

Il botox aiuta sicuramente ad avere una fronte ferma. Ma è efficace anche nei pazienti con forti mal di testa, credono due medici di Emmen. “I nostri risultati non mentono.”

Il botox è popolare da anni tra uomini e donne che vogliono liberarsi delle zampe di gallina e della fronte rugosa. Ciò che è meno noto è che i trattamenti con neurotossine sono in aumento anche in un gruppo molto diverso: le persone con forti mal di testa. Ogni mese una cinquantina di loro vengono alla clinica JC di Emmen. Sono convinti che per molte persone che soffrono di emicrania, cefalea tensiva e cefalea a grappolo, iniezioni opportunamente localizzate possano essere la soluzione.

Giusto per essere chiari, Jorgen Schortinghuis (chirurgo MKA) e Mark Contini (medico primario) affermano di eseguire anche interventi cosmetici. Ma una parte crescente della loro agenda è occupata da pazienti con mal di testa. “È fantastico”, afferma Schortinghuis. “Aiutare le persone a liberarsi dal dolore. In definitiva, è per questo che sono diventato medico.”

Macinazione e contrazione

Contini cura da anni le rughe effettuando iniezioni nei punti giusti, soprattutto sul viso. Il botox agisce rilassando i muscoli e bloccando gli impulsi nervosi, impedendo la contrazione dei muscoli. Ecco perché funziona anche per risolvere problemi non estetici come il forte digrignamento dei denti e il serraggio delle mascelle. Questo ti dà l'ipertrofia dei muscoli della mascella. “Se qualcuno ce l'ha, lo vediamo subito dalla forma della mascella”, dice Contini.

Alcuni anni fa aveva un paziente del genere sulla sedia. Alcune settimane dopo l'iniezione, lo informai. “Non aveva più le mascelle serrate, ma sorprendentemente anche i suoi mal di testa cronici sono scomparsi”, dice Contini.

“L'ho visto spesso e ho iniziato a riconoscere lo schema e questo mi ha fatto riflettere. Funzionerebbe anche al contrario: iniezioni contro il mal di testa? In molti casi la risposta è: sì. Oserei dirlo dopo centinaia di casi di successo.”

La sua ipotesi è che molti forti mal di testa siano il risultato di un'eccessiva tensione dei muscoli facciali, spesso causata dallo stress. “Se rimuovi quella tensione con Botox, anche il mal di testa scomparirà.”

READ  Vaccinato o curato solo al pub: secondo Ab Osterhaus il modello 2G è la soluzione per aumentare la copertura vaccinale

Mancano ancora prove scientifiche per questa affermazione. Ciò contraddice anche l’idea che il mal di testa a grappolo e l’emicrania siano visti come problemi neurologici. “Anche noi eravamo scettici”, dice Schortinghuis. “Ma i nostri risultati non mentono.”

Nel 2022, i medici osservano da tempo gli effetti del loro trattamento. “Dei primi 150 pazienti affetti da mal di testa quell'anno, la metà era senza dolore dopo tre mesi. Circa il 30% di loro era 'quasi senza dolore' e non disponiamo di dati sufficienti per l'ultimo 20%. Questi sono molto buoni numeri per persone che avevano molto dolore da prima.

Botox in pazienti con emicrania cronica

La JC Clinic non è certamente l'unico luogo nei Paesi Bassi in cui il Botox viene utilizzato per curare il mal di testa. I neurologi usano il Botox anche in alcuni pazienti affetti da emicrania cronica, ma secondo un protocollo rigoroso, le iniezioni vengono effettuate principalmente nella parte superiore del cranio e nel collo.

Scetticismo tra i neurologi

Il neurologo Mark van Huizen van Trent, che è anche direttore della clinica per il mal di testa dell'ospedale di Emmen, afferma che il Botox può essere molto efficace contro il mal di testa.

Ma per lui e altri neurologi, il Botox aiuta solo un sottogruppo specifico di pazienti con emicrania cronica. “Ipotizziamo un meccanismo diverso rispetto all'arresto muscolare”, afferma van Huizen. “Perché c'è molto scetticismo su questo metodo nella nostra professione e tra gli altri antidolorifici.”

Il neurologo si concentra sui neurotrasmettitori con il Botox: con esso vengono bloccati i segnali del dolore. Sarà sicuramente un successo, dice Van Heusen. “Tra un gruppo specifico di pazienti con emicrania che hanno iniziato il trattamento con Botox da un neurologo, circa il 40% di loro è tornato perché soddisfatto dei risultati. Questo non è il caso per gli altri, e poi diventano idonei per il farmaco.”

Per altri soggetti che soffrono di mal di testa, Van Huizen non crede che l'iniezione di Botox nei muscoli facciali possa essere la prima soluzione. “Non ha senso per il mal di testa a grappolo. Ma se qualcuno soffre di emicrania e tensione nei muscoli della mascella, può ovviamente aiutare con quella tensione muscolare.

READ  Le arti marziali cinesi possono ridurre i sintomi e possibilmente rallentare la malattia

Sebbene i loro metodi di lavoro e le loro idee non siano esattamente identici, i neurologi di Triant tornano talvolta alla clinica JC di Schortinghuis e Continy.

Van Heusen: “È bene ricordare che nelle cure regolari lavoriamo con diagnosi e indicatori associati per determinare con cosa ha a che fare il paziente. Se ciò significa che qualcuno non è idoneo per il trattamento regolare, puoi: Pensa alle alternative. Chissà, potrebbe tornare utile”.

Contini e Schortinghuis ritengono di essere più avanzati rispetto ad altre cliniche cosmetiche, grazie alle conoscenze anatomiche che Schortinghuis ha come chirurgo dentale.

“Molti colleghi fanno iniezioni dove c'è dolore, ma i muscoli non funzionano in questo modo”, dice il chirurgo. Mostra un'immagine del fascio muscolare della testa e muove il dito dalla mascella ben sopra l'orecchio. “A volte devi colpire qui per ottenere l'effetto fino in fondo.”

“La causa del dolore non è scomparsa.”

Entrambi i medici affermano che sapere dove perforare è una parte molto importante del loro approccio. Si rendono conto che tratta i sintomi.

“La causa del dolore non è scomparsa. La formula che usiamo è: mal di testa = dolore muscolare + dolore ai tendini + dolore mentale”, dice Contini. “Possiamo anche fare qualcosa contro il dolore ai tendini, ad esempio utilizzando un agente antinfiammatorio locale. Ma da dove proviene tutto, e spesso si tratta di tensione, il paziente deve affrontarlo da solo. Posso dirvi che funziona fantastico.” Meglio una volta che il mal di testa è passato. Lo chiamiamo approccio olistico. Botox è solo una parte di esso.

Schortinghuis e Contini non dubitano più del successo dell’approccio Botox. Manca solo la prova scientifica. “Abbiamo già ricevuto il permesso dal Centro medico universitario di Groningen per avviare uno studio esplorativo.”

Se soffri di mal di testa cronico, Schortinghuis ti consiglia di rivolgerti prima al tuo medico di famiglia. “In primo luogo, devono essere escluse altre cause, come l’ipertensione”.

READ  Parlare respirando grazie all'invenzione frisone

Henry: “Sono di nuovo me stesso”

L'attacco di cefalea a grappolo più lungo subito da Henry van der Veen (55 anni) di Emmen è durato 15 ore. “È stato un inferno”, dice. Gli attacchi duravano solitamente quindici minuti, ma a volte molto più a lungo. È stato curato per i suoi disturbi per otto anni da un otorinolaringoiatra, un internista e infine da un neurologo.

“Ho provato di tutto, dalle iniezioni all'ossigeno. Non vuoi sapere quante di quelle bottiglie hai bevuto.” Ciò ha aiutato in qualche modo, ma non è stata trovata alcuna vera soluzione al suo problema. A causa del mal di testa a grappolo, Van der Veen era completamente inabile al lavoro.

Diciotto mesi fa è finito sulla poltrona di Jurgen Schortinghuis, in qualità di chirurgo dentista, per un'operazione di rimozione di un dente. Schortinghuis ha letto la cartella di Van der Veen sui suoi forti mal di testa e ha spiegato che aveva ottenuto buoni risultati per questi problemi nel suo studio privato.

“Con Botox”, dice van der Veen. “Pensavo fosse una storia potente. Ero molto scettico. Ma ho pensato: se non aiuta, non farà male. Inoltre, erano arrivati ​​al punto che potevano tagliarmi il braccio, a patto che il mal di testa cessò.

Non molto tempo dopo, Van der Veen era nella sala di trattamento con Marc Contini. Nelle prime settimane dopo il Botox i disturbi peggiorarono, come aveva già annunciato il medico, ma poi il dolore diminuì.

“Da allora non ho più avuto dolori. Ora quasi oso credere di essermi liberato del mal di testa. Davvero sorprendente.” Van der Veen riceve nuove iniezioni ogni tre mesi per mantenere l'effetto. “Viaggerò di nuovo e farò volontariato in una casa di cura. Sono anche molto più bravo di prima. Sto diventando di nuovo me stesso.”