QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il belga Riyad Merhi non perde la sua prima apparizione nella divisione dei pesi massimi, sconfiggendo l’ex campione olimpico  boxe

Il belga Riyad Merhi non perde la sua prima apparizione nella divisione dei pesi massimi, sconfiggendo l’ex campione olimpico boxe

Riyad Marhi ha raggiunto la fama nel mondo della boxe con diversi titoli mondiali nella divisione dei pesi leggeri. All’età di 31 anni, pensò che fosse giunto il momento di fare un passo avanti nella leggendaria divisione dei pesi massimi.

Non si è reso la vita facile prima del suo debutto. Allo stadio Roland Garros, ha affrontato il suo omologo Tony Yoka.

Yuka è diventato il campione olimpico dei pesi massimi nel 2016. Poco dopo si è dedicato alla boxe professionistica, ma dopo 11 vittorie consecutive, il francese ha improvvisamente subito due sconfitte consecutive.

Yuka voleva invertire quella spirale negativa contro Mirhi. È stato molto deludente. Dopo una fase iniziale tranquilla, il belga ha chiaramente preso il controllo. Ha lavorato duro, soprattutto negli 8 giri su 10.

I giudici hanno dovuto scegliere il vincitore dopo la campana finale e i tre hanno scelto all’unanimità Mirhi, con grande sgomento di Yuka. «Non capisco», mormorò.

“Pensavo di aver fatto abbastanza per vincere, di controllare il campo.”

Il suo allenatore, Don Charles, capiva ancora meno. “I membri della giuria potrebbero volermi spiegare quello che hanno visto. Yuka ha inferto molti colpi a quel ragazzo. Esigo una spiegazione chiara.”

READ  Le donne dell'Anderlecht celebrano il loro quinto titolo nazionale nella fossa dei leoni | Punteggio Premier League 2021/2022