QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il COVID-19 a lungo termine colpisce un paziente su sei con Huruna

Porta Redazione online


Alcuni mesi dopo lo scoppio dell’epidemia di Corona, alcuni pazienti hanno scoperto che ci voleva più tempo per riprendersi e che avevano sintomi che nessuno riusciva a spiegare. Si lamentavano di una stanchezza eccessiva anormale che non va via nemmeno dopo il riposo. Gli atleti sono stati ostacolati dalla mancanza di respiro. Altri hanno sperimentato la nebbia del cervello e problemi di memoria e concentrazione. I pazienti si riuniscono sui social media. In Belgio, la Ligue des Usagers des Services de Santé ha richiesto uno studio sui bisogni e il follow-up a lungo termine delle persone con COVID-19 al KCE.

Che tipo di COVID-19

Sulla base della letteratura scientifica internazionale, il Knowledge Center stima che una persona su sette soffra ancora dei sintomi sei mesi dopo aver contratto il coronavirus. “I numeri sono significativamente più alti nei pazienti ricoverati in ospedale durante la fase acuta”, afferma KCE. Durante i primi tre mesi dopo l’infezione, sono stati segnalati numeri maggiori, il che indica che una percentuale di pazienti infetti da COVID-19 a lungo termine guarisce. L’analisi mostra che “il COVID-19 a lungo termine colpisce sia le persone che hanno avuto una forma grave di COVID-19 sia le persone che hanno una forma lieve (o forse anche asintomatica)”.

READ  Colonna: l'esclusione basata sullo stato di vaccinazione è moralmente riprovevole

Si dice che alcuni sintomi siano causati da danni agli organi causati dall’infezione virale originale. Si dice che altri sintomi siano causati dalle risposte anormali del corpo, come le risposte immunitarie e infiammatorie, alle infezioni. Il terzo tipo di sintomo è un peggioramento di malattie preesistenti – come diabete e problemi cardiaci – dopo un infortunio o un ricovero in ospedale. “Questi tre tipi di sintomi possono verificarsi insieme e spiegano le principali differenze nel modo in cui questa condizione si presenta clinicamente”, secondo KCE.

diminuzione della qualità della vita

A febbraio, il Knowledge Center ha condotto un sondaggio online tra 1.320 persone con COVID-19 a lungo termine e ha intervistato un centinaio di partecipanti. Ciò ha dimostrato che i pazienti sperimentano i sintomi in modo molto diverso, da quelli limitati a quelli che cambiano la vita. In generale, il COVID-19 prolungato porta a una marcata diminuzione della qualità della vita, perdita di una certa autonomia e difficoltà a tornare al lavoro. “Le conseguenze psicologiche sono gravi”, afferma KCE. I pazienti sono preoccupati per quanto tempo dureranno i sintomi e come affrontare l’incredulità e lo stigma nel loro ambiente.

Inoltre, un terzo dei pazienti ha riferito di mancanza di informazioni, personale qualificato o accesso alle cure. Secondo il Knowledge Center, “i pazienti riferiscono che spesso si sentono persi nel nostro sistema sanitario e che manca un approccio globale ai loro problemi”. Per questo KCE vede il vantaggio di una valutazione funzionale globale, un bilan, che si posiziona nei centri specializzati e indirizza i pazienti a trattamenti personalizzati nelle cure primarie.

Le cure che possono essere utili nel trattamento a lungo termine del COVID-19 sono ampiamente compensate, ma non tutte le opzioni di rimborso sono note. Inoltre, non è chiaro quali trattamenti siano efficaci nel trattamento del COVID-19 a lungo termine. Nel frattempo, il Knowledge Center propone quindi di fornire un risarcimento temporaneo e stabilire un protocollo oggettivo per l’assistenza a lungo termine del COVID-19. KCE sosterrà anche studi clinici su possibili trattamenti per COVID-19 a lungo termine.

READ  Svenimento dopo la vaccinazione corona: “Mi sono svegliato sul lettino del pronto soccorso”