QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“La prevenzione rimane la chiave per prevenire la contaminazione con il virus” – Dagblad Suriname

Con gli stati degli Stati Uniti che rappresentano il maggior numero di casi di vaiolo delle scimmie nel mondo e il Covid-19 rappresenta ancora una “minaccia significativa” per la regione, la prevenzione è la chiave per evitare la contaminazione e proteggere la salute pubblica, afferma la dichiarazione. Organizzazione sanitaria americana (PAHO), il dott. Carissa F. Etienne.

Milioni di persone non sono ancora immuni

Nonostante il calo del numero di casi di Covid-19, ricoveri e decessi nella regione, il dottor Etienne ha dichiarato mercoledì in una conferenza stampa: “Centinaia di persone muoiono ancora ogni giorno a causa del COVID-19 nella nostra regione”.

Tuttavia, i paesi hanno ridimensionato le loro misure di salute pubblica mentre milioni di persone rimangono non vaccinate.

Mentre la maggior parte dei vaccini forniti nella regione sono per i richiami, 10 paesi e territori non hanno ancora vaccinato completamente fino al 40% della loro popolazione e alcune persone devono ancora ricevere una dose.

“Non possiamo e non dobbiamo accontentarci perché questo virus si sta ancora diffondendo, è ancora in evoluzione e potrebbero emergere nuove varianti”, ha affermato il dottor Etienne, esortando i paesi a dare la priorità a coloro che non sono protetti, compresi i bambini che tornano a scuola questo mese.

Centro per l’epidemia di vaiolo delle scimmie in America: 30.000 casi

Per quanto riguarda l’epidemia di vaiolo delle scimmie, il direttore della Pan American Health Organization ha osservato che nella regione sono stati segnalati più di 30.000 casi, rendendo le Americhe l’epicentro dell’epidemia.

La maggior parte dei casi si concentra negli Stati Uniti, Brasile, Perù e Canada, principalmente tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini, anche se almeno 145 casi sono stati segnalati nelle donne e 54 in quelle di età inferiore ai 18 anni.

READ  50 anni fa era ancora triste a causa dell'igiene orale - Wel.nl

Su richiesta degli Stati membri in una riunione speciale del Consiglio di amministrazione dell’APHO ad agosto, l’APHO ha stipulato un accordo con il produttore del vaccino contro il vaiolo delle scimmie per renderlo disponibile ai paesi della regione.

Tuttavia, con i vaccini scarsi e nessun trattamento efficace per il vaiolo delle scimmie, il dottor Etienne ha esortato gli stati a “intensificare i loro sforzi per prevenire la diffusione del virus”.

Ciò include campagne di comunicazione efficaci, utilizzando messaggi pratici, onesti e mirati “in modo che tutti sappiano come si diffonde il vaiolo delle scimmie, come identificare sintomi specifici e quando rivolgersi a un medico”.

Il direttore della PAHO ha anche chiesto una maggiore capacità di test e decentramento, in particolare per le popolazioni ad alto rischio, e garantire che gli operatori sanitari siano formati per riconoscere i sintomi e fornire cure rispettose e di alta qualità.

Dott. Etienne ha anche invitato i paesi ad affrontare lo stigma che circonda la malattia, che impedisce ai gruppi a rischio di accedere alle informazioni, sottoporsi a test o rivolgersi a un medico.

“Non c’è posto per lo stigma nella salute pubblica”, ha detto. “Se non siamo proattivi nel superare queste barriere, il vaiolo delle scimmie si diffonderà silenziosamente”.

PAHO sta attualmente lavorando con i paesi per dare priorità alle dosi di vaccino limitate per i gruppi a rischio e per rafforzare i test. L’organizzazione ha anche sviluppato linee guida e seminari per sostenere gli sforzi dei paesi per coinvolgere le comunità colpite.

“Come abbiamo visto dalla risposta globale al Covid-19, l’accesso alle risorse e una cooperazione continua sono fondamentali per fermare il virus”, ha affermato il dottor Etienne.

READ  Una maggiore attenzione alla prevenzione potrebbe prevenire uno scenario apocalittico sanitario nel 2040

“Un’efficace risposta di salute pubblica richiede che siamo assertivi, agire rapidamente e dare la priorità al sostegno per i più vulnerabili nella nostra regione”.