QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le tossine ambientali aumentano il rischio di obesità

L’inquinamento chimico nell’ambiente sta esacerbando l’epidemia globale di obesità. I bambini in via di sviluppo sono particolarmente a rischio. E’ quanto emerge da un nuovo studio statunitense.

Organizzazione mondiale della Sanità messo in guardia All’inizio di maggio che sempre più europei si trovano ad affrontare sovrappeso e obesità. In Belgio, il 22% degli adulti è obeso. Nei bambini piccoli (dai 5 ai 9 anni) questa percentuale è di circa il 9%. L’obesità è in aumento anche nel resto del mondo.

Un recente rapporto afferma che l’epidemia di obesità sta esacerbando gli inquinanti nell’ambiente Meta studio nella rivista scientifica Farmacologia biochimica† Più di quaranta scienziati hanno visto, sulla base di 1.400 studi, l’effetto del cosiddetto “trigger dell’obesità” sul modo in cui il corpo controlla il peso. Concretamente, si tratta di additivi nella plastica come BPA e ftalati, pesticidi, inquinamento atmosferico, ritardanti di fiamma e PFAS.

Termostato metabolico

Si dice che le sostanze che causano l’obesità interrompano il “termostato metabolico”. Questo termostato mantiene un peso corporeo equilibrato: regola il consumo energetico del corpo e quindi utilizza diversi ormoni provenienti dal tessuto adiposo, dall’intestino, dal pancreas, dal fegato e dal cervello.

Tossicologo ambientale Great Shooters (UAntwerp e VITO): le sostanze tossiche possono alterare questi ormoni, influenzando il metabolismo. Questo interrompe, ad esempio, il modo in cui il tuo cervello risponde alla sensazione di fame’. Secondo lo studio, gli inquinanti non solo influenzano direttamente le cellule adipose, ma anche i segnali ormonali che fanno sentire le persone piene: la funzione tiroidea e il sistema di ricompensa della dopamina.

quotidiano britannico Guardiano Ha parlato con uno dei ricercatori coinvolti nello studio, la professoressa Barbara Corky della Boston University School of Medicine. “Ogni cellula del corpo sa se hai abbastanza da mangiare”, spiega. “Le tossine interrompono il normale rilevatore.”

Figli

I bambini nei loro primi anni di sviluppo sono i più vulnerabili all’obesità, Greet Schoeters sa anche: “Gli inquinanti portano a squilibri ormonali nell’utero e quindi influenzano lo sviluppo degli organi nel feto. Così è il cervello. Alcune tossine bloccano persino il flusso sanguigno al feto. Quindi il bambino costruirà meno vasi sanguigni, il che porta anche a una crescita ritardata.

Secondo l’epidemiologo ambientale Tim Nawrot (UHasselt e KULeuven), gli effetti non sono ben dimostrati per tutte le sostanze chimiche. “Soprattutto con il bisfenolo A, è stato dimostrato in modo convincente che queste sostanze contribuiscono all’obesità”. Il bisfenolo A si trova nei prodotti in plastica come imballaggi per alimenti, bottiglie di plastica e giocattoli. La DDE influisce anche sui cambiamenti metabolici. Il DDE è il prodotto di decomposizione dell’insetticida DDT. È stato bandito più di quarant’anni fa, ma è ancora nei nostri alimenti perché la sostanza si è accumulata nel terreno.

Nauru sottolinea anche l’importanza dell’esposizione agli agenti inquinanti durante la gravidanza. Se le sostanze chimiche interferissero a quel punto, la loro disposizione sarebbe diversa da quella con una persona di trent’anni. I suoi effetti possono essere trasmessi anche alle generazioni successive. Il feto femmina porta già le cellule sessuali della generazione successiva. Se un feto è esposto a sostanze inquinanti, colpisce anche il DNA della sua prole. Lo studio americano avverte anche della possibilità di aumento di peso di generazione in generazione perché i geni vengono distorti se esposti a sostanze inquinanti.

protezione

Secondo Greet Schoeters, viene prestata poca attenzione preventiva all’effetto delle sostanze chimiche sull’obesità. È una buona idea raccomandare abitudini di vita sane alle donne in gravidanza. Sarebbe meglio evitare che sempre più sostanze tossiche raggiungano tutti i tipi di prodotti.

in Guardiano Uno degli autori principali dello studio, Jerold Heindel, descrive l’attuale gestione clinica dei pazienti obesi come “purtroppo inadeguata”. Secondo Hendel, i medici si concentrano ancora molto sulle calorie. “I medici dicono che se mangi più calorie, aumenterai di peso”. Nel frattempo, aspettano che diventi obeso e poi ti prescrivono una dieta, un intervento chirurgico o un farmaco.

Tim Nauert lo mette in prospettiva. “Troppe calorie e poco esercizio sono i due fattori più importanti per l’obesità. I ​​prodotti chimici contribuiscono a questo. Anche Schoeters lo conferma. “L’obesità è una malattia multifattoriale e l’esposizione agli agenti inquinanti è un ulteriore fattore di rischio”.

legislazione

Ciò su cui tutti gli esperti concordano è che la regolamentazione delle sostanze chimiche si sviluppa molto lentamente. “Bambini, giovani adulti e adulti sono esposti a molte sostanze contemporaneamente, compresi gli interferenti endocrini prioritari”, afferma Schutters. Questo è chiaro da progetto europeo in cui Schoeters ha collaborato. Con questo progetto, chiediamo ai responsabili politici di accelerare la regolamentazione esaminando le diverse sostanze chimiche insieme e in tutti i settori. Adesso lo fanno nella sostanza e dettano le normative per ogni settore. Questo funziona molto lentamente.

La legislazione si sta muovendo molto lentamente.

Great Shooters, tossicologo ambientale (UA e VITO)

Tim Nauru sa anche che la legislazione raramente tiene il passo con le intuizioni scientifiche. Sorprendentemente, ad esempio, i pazienti in terapia intensiva continuano a ricevere cibo e liquidi dai sacchetti di plastica. Numerosi studi dimostrano che la plastica contribuisce ad aumentare la concentrazione di sostanze tossiche nel corpo. Inoltre, occorre prestare maggiore attenzione agli effetti degli inquinanti nelle prime fasi della vita. “Spesso la legislazione viene fatta con l’obiettivo di persone sane sui 30 anni, quando in particolare dobbiamo proteggere il periodo più delicato della vita”.

READ  Il test del DNA potrebbe prevenire dosi errate di farmaci per i malati di cancro