QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’effetto placebo dovrebbe essere discusso nello studio del medico

Professore Dott. Andrea Evers, professore di psicologia della salute all’Università di Leiden e direttore scientifico dell’Istituto di psicologia, conduce, tra le altre cose, ricerche sull’effetto placebo. Parla delle sue applicazioni pratiche e dei vantaggi che può offrire.

Gli effetti neuropsicologici sulla salute e sulla malattia abbracciano un ampio spettro, dice Evers. Si riferisce a domande come i fattori di stress svolgono un ruolo nella malattia? Se sì, qual è il ruolo? Lo stile di vita può proteggere dalle malattie croniche? Evers sta lavorando su questo a Leiden così come a Delft e Rotterdam al fine di stimolare la collaborazione interdisciplinare tra diverse discipline. “Non puoi risolvere questo tipo di problemi rimanendo in un posto di tua competenza”, dice Evers. non solo su base scientifica, ma anche sui contatti con le altre parti sociali e attraverso il lavoro con i pazienti.” Ad esempio, Evers ha un appuntamento al College of Industrial Design di Delft. “Utilizziamo diverse applicazioni di e-health per supportare i pazienti. Questo spazia dalle applicazioni e dall’e-training al gioco serio e alla realtà virtuale”. Secondo Evers, questo si riferisce davvero a tutto ciò in cui la tecnologia può aiutare a migliorare il benessere di un cittadino. “Uso la parola ‘benessere’ consapevolmente perché è non solo la salute fisica e include aspetti psicologici e sociali.Un buon esempio dell’applicazione diretta della collaborazione interdisciplinare è l’uso di uno strumento di realtà virtuale nella ricerca dell’effetto placebo.Questo consente a giovani medici e infermieri di ricevere feedback virtuali dai pazienti che rispondono a segnali (non) verbali. Con l’effetto placebo, il rapporto medico-paziente è molto importante e stanno imparando a migliorarlo. Inoltre, è anche possibile imparare a spiegare correttamente l’effetto nocebo, insegna Evers. “Se i pazienti sono così spaventati dagli effetti collaterali dei farmaci, aumentano le possibilità che sperimentino effettivamente effetti collaterali preoccupandosi costantemente per loro. Puoi provare a ridurlo dicendoci prima qualcosa in un linguaggio semplice sull’effetto del nocebo e che può avere un effetto”.

L’effetto placebo è l’effetto aspettativa

Una delle principali linee di ricerca di Evers è la ricerca sul placebo. “Consideriamo l’effetto placebo come un meccanismo di apprendimento psicologico. Cosa significa che qualcosa che di per sé non contiene principi attivi, ma ha determinati effetti sul nostro benessere in senso lato (fisiologico e psicologico), si basa solo sulle aspettative • Questo si basa su processi di apprendimento che possiamo analizzare. Evers spiega che l’effetto placebo è un effetto predittivo che gioca un ruolo in ogni trattamento. Quindi non si tratta di una sostanza che non contiene nulla, si tratta di tutti i trattamenti regolari in cui i placebo vengono utilizzati in proporzione significativa. Questo è quasi sempre basato su una prospettiva positiva. Gli effetti dell’apprendimento che giocano un ruolo nell’effetto placebo dipendono da una serie di meccanismi. Prima di tutto, le informazioni che otteniamo su qualcosa, ad esempio che funzionerà molto bene, sono importanti per l’immagine. Il secondo meccanismo, il condizionamento, è il più importante. Il suggerimento verbale e altri elementi funzionano solo perché si ha una certa aspettativa dal passato che qualcosa abbia un significato o una qualità. Supponiamo che il professor Scherder dicesse qualcosa, ci credereste molto prima di quanto lo fareste quando dice quel vicino immune. Abbiamo condizionato le aspettative per tutta la vita stabilite dalla nostra cultura e educazione. La cosa interessante è che questo processo produce tutti i tipi di effetti fisiologici”. Evers lo illustra con un esempio. Supponiamo di aver subito molti traumi in un ospedale, ad esempio. Quindi, ogni volta che torni indietro, ottieni un affetto negativo e una reazione allo stress all’ospedale. Questo è proprio l’effetto nocebo”. Secondo Evers, può verificarsi anche la generalizzazione di un condizionamento antico. Fornisce un esempio dalla pratica clinica: “Nei bambini reumati che vengono trattati con metotrexato, vediamo che alcuni hanno molto nausea. Spesso sviluppano reazioni spiacevoli. Questo si manifesta in modo tale che se viene somministrato metotrexato martedì, lo faranno hanno già la nausea lunedì. L’interpretazione avviene solo attraverso un meccanismo di condizionamento. Ma per alcuni bambini questo va molto oltre. Le pillole di metotrexato sono gialle e questi bambini reagiscono a qualsiasi cosa gialla urlando. Anche su una palla gialla o qualcos’altro che ha effettivamente un aspetto positivo. Questa è una generalizzazione tipica. Questo porta anche a un disturbo d’ansia, ad esempio, e può essere molto pericoloso. “

READ  Perché i minorenni non vogliono essere vaccinati: 'Ho paura di ferire i miei genitori'

Applicazione in pratica

L’effetto placebo può essere utilizzato molto facilmente in ospedale, dice Evers. “Se ai pazienti viene somministrato un antidolorifico e lo sanno, sperimenteranno molto meno dolore che se non lo sapessero”. Anche l’effetto opposto all’effetto placebo, l’effetto nocebo, fornisce dati interessanti. Lo studio è iniziato quando è stato esaminato il numero di effetti collaterali segnalati dai pazienti nei gruppi di controllo che non hanno ricevuto il trattamento. Si scopre che hanno segnalato molti effetti collaterali e anche quegli effetti collaterali menzionati nel foglietto illustrativo. In realtà, ciò non è stato possibile, perché non è stato dato loro il principio attivo. Riguarda il modo in cui pensiamo che dovremmo informare le persone in dettaglio sugli effetti collaterali, e quindi creare il tipo di effetto di feedback che in realtà fa loro ottenere più effetti collaterali. “Nei media, può anche portare a uno “tsunami” di effetti indesiderati ed effetti collaterali. “Quindi è difficile per il governo comunicare nel modo giusto”, dice Evers. “Da un lato va sottolineata la serietà, ma dall’altro, le persone non vogliono spaventare le persone e “provocare” tutti tipi di effetti indesiderati. Quindi bisogna pensare attentamente a cosa viene comunicato esattamente nei media”.

quali sono le informazioni?

Sembra che fornire le informazioni controllate richieste vada contro il processo SDM. Sebbene l’SDM sia un “argomento caldo” in medicina e sia spesso citato o applicato, secondo Evers, non è certamente un modello ideale per tutti i pazienti. “È imperativo che i pazienti siano prima informati sull’effetto del placebo e del nocebo. Questo non è affatto un argomento di discussione nella sala di consulenza. Tuttavia, se si guarda quanto contribuisce all’efficacia degli interventi, è triste che continuiamo a fingere che l’effetto sia dovuto solo al farmaco da solo e che mentre ogni medico sa che l’effetto placebo e il non prendere il placebo gioca un ruolo importante in tutto ciò che fanno, e non importa come qualcosa sia descritto e cosa viene detto.Inoltre, penso che la scelta dovrebbe essere lasciata al paziente in che misura vuole partecipare al processo di presa La decisione e cosa vuole sapere Non tutti hanno bisogno di spiegazioni super dettagliate su un trattamento o intervento, mentre per gli altri è necessario prepararsi al meglio ed essere rassicurati, pertanto la fornitura delle informazioni deve essere dettagliata a livello individuale”. Evers è favorevole a rendere disponibili le informazioni sul sito Web, in particolare per quanto riguarda i rischi e gli effetti collaterali, in modo che i pazienti possano accedervi e decidere autonomamente se richiedere tali informazioni.

READ  Studio: La cannabis può prevenire l'infezione da corona - Belgio

Impatto sul sistema immunitario

Evers e il suo gruppo di ricerca sono stati tra i primi a dimostrare che l’effetto placebo funziona sia per il prurito che per il dolore. “Ad esempio, se viene somministrato prima un antistaminico e poi un placebo, si scopre che si verifica la stessa risposta immunitaria. Sebbene non alla stessa intensità, c’è una chiara imitazione dell’effetto sul farmaco come è stato scoperto in precedenza. Quindi , i processi fisiologici sono influenzati dal condizionamento. “. Evers afferma che questa conoscenza può essere utilizzata su tre livelli: a livello del paziente, nella comunicazione e con i farmaci. “Nel primo caso, i pazienti possono concentrarsi principalmente sull’obiettivo che stanno perseguendo attraverso un intervento chirurgico, ad esempio lavorare o giocare con i propri figli. Questo obiettivo porta a una migliore guarigione dopo l’operazione. In secondo luogo, la fiducia nella comunicazione tra medico e paziente è la componente più importante Nell’effetto placebo Il rapporto con il paziente è estremamente importante e l’apertura gioca un ruolo Gli operatori devono essere onesti: esagerare gli effetti non serve, perché i pazienti (velocemente) non saranno più inclini a crederci, è molto di più potente, per esempio, ammettere che non conosce. Questo aumenta la credibilità”. Infine, Evers sostiene che utilizzando il principio del condizionamento, le ricette possono essere rese più efficienti. “Ora quasi la stessa dose viene somministrata a quasi tutti i pazienti indipendentemente dal principio del condizionamento. Se si esegue questa operazione, si somministra prima una dose alta per attendere l’effetto del condizionamento e poi ripetere il condizionamento. Ciò è particolarmente interessante per le malattie croniche , come psoriasi, depressione e ADHD. Gli studi hanno dimostrato che è possibile utilizzare i farmaci in questo modo in modo più efficace. Questo può essere molto utile, soprattutto quando si riducono i farmaci cronici, ad esempio eliminando gli antidepressivi. Tuttavia, ci sono solo circa 20 studi in quest’area in tutto il mondo, quindi, è chiaro che sono necessarie ulteriori ricerche su questo argomento”.

READ  È necessaria una maggiore diversità negli studi sui farmaci per l'emicrania