QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L'Iran “condanna fermamente” i bombardamenti americani su Siria e Iraq |  Iraq

L'Iran “condanna fermamente” i bombardamenti americani su Siria e Iraq | Iraq

Aspetto. Gli Stati Uniti attaccano obiettivi in ​​Siria e Iraq: “Dobbiamo proteggere il nostro popolo”

“L'attacco di ieri sera è un atto coraggioso e un altro errore strategico da parte degli americani. L'unico risultato sarà un aumento delle tensioni e dell'instabilità nella regione”, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Nasser al-Kanani.

Il portavoce non ha menzionato nulla degli iraniani uccisi nei bombardamenti. Inoltre non ha fatto menzione di possibili ritorsioni. Il portavoce ritiene che gli attentati “costituiscano una violazione dell'integrità territoriale dell'Iraq e della Siria, del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite”.

Gli Stati Uniti hanno dichiarato di aver effettuato venerdì attacchi aerei contro la Guardia rivoluzionaria iraniana e le milizie filo-iraniane in Iraq e Siria. Questi attacchi arrivano in risposta a un attacco aereo di droni che ha ucciso tre soldati americani in una base in Giordania, vicino al confine con la Siria, alla fine di gennaio.

Gli Stati Uniti affermano che un totale di 85 obiettivi sono stati colpiti in sette località in Siria e Iraq, ma non in Iran. L'Osservatorio siriano per i diritti umani, un'organizzazione non governativa, ha affermato che almeno 23 combattenti filo-iraniani sono stati uccisi in Siria. Il governo iracheno ha affermato che 16 persone, compresi civili, sono state uccise in Iraq.

Il primo ministro iracheno Muhammad Shiaa Al-Sudani. © Agenzia France-Presse

Il generale di brigata Yahya Rasoul, portavoce del primo ministro iracheno, ha confermato gli attacchi americani nel settore di Al-Qaim al confine con la Siria e in “altre zone di confine irachene”. Ha aggiunto che gli attacchi “costituiscono una minaccia che trascinerà l'Iraq e la regione in una situazione imprevedibile che avrà conseguenze disastrose”.

READ  A tre anni dall'assalto al Campidoglio, Trump conferma che vincerà “per la terza volta” | al di fuori

L’esercito del regime siriano ha dichiarato in un comunicato stampa: “L’occupazione di alcune parti del territorio siriano da parte dell’esercito americano non può continuare”. Ha aggiunto: “Siamo determinati a liberare tutte le terre siriane dal terrorismo e dall'occupazione”.

Gli Stati Uniti: “L’Iraq ha avvertito degli attentati”

Il portavoce della Casa Bianca John Kirby ha detto che Washington ha informato il governo iracheno degli attacchi. Ha inoltre sottolineato che gli Stati Uniti non vogliono la guerra con l’Iran e ha osservato che non ha avuto alcun contatto, formale o informale, con l’Iran dopo l’attacco ai soldati americani in Giordania, che secondo gli Stati Uniti è stato opera di militanti legati a Teheran. Collabora.

Gli attacchi statunitensi contro obiettivi legati all'Iran in Iraq e Siria sono durati circa trenta minuti e secondo Kirby avrebbero avuto successo. Gli attacchi includevano l'uso di bombardieri B-1 lanciati dagli Stati Uniti e che trasportavano più di 125 munizioni a guida di precisione. Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, un’organizzazione non governativa, diciotto combattenti filo-iraniani sono stati uccisi nella Siria orientale.

“False dichiarazioni”

Al-Awadi ha affermato in un comunicato stampa che, con questi bombardamenti, “la sicurezza in Iraq e nella regione è sull’orlo del baratro”. Nega anche le “false dichiarazioni” sul “previo coordinamento” con Washington riguardo agli attentati.

Circa 900 soldati americani sono in Siria e 2.500 in Iraq

A causa della coalizione internazionale contro l’organizzazione terroristica ISIS, gli Stati Uniti hanno schierato circa 900 soldati in Siria e circa 2.500 nel vicino Iraq. Successivamente il gruppo fondamentalista ha preso il controllo di intere parti del territorio siriano e iracheno. La coalizione ha dichiarato la vittoria sull’Isis in Siria nel 2019, ma è rimasta presente per combattere le cellule jihadiste che continuavano a compiere attacchi.

READ  "Stringere la mano al dirottatore in seguito non è un segno della sindrome di Stoccolma."

Da metà ottobre sono stati effettuati 165 attacchi con droni e missili contro le forze armate statunitensi in Iraq e Siria. Ma fino all’attacco del 28 gennaio in Giordania non era stata segnalata alcuna morte.

Aspetto. “Biden è stato criticato per un ‘attacco tardivo’”, dice la nostra corrispondente americana Romina Van Camp.

analisi. Contrattaccare o no? Il dilemma di Biden dopo l'uccisione degli americani in Giordania (+)

analisi. “Resistenza islamica in Iraq”: un altro nemico creato dallo stesso Occidente (+)