QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Se qualcuno che vuole entrare in Belgio dall’estero ora ne ha uno o due…

I ministri della salute non hanno ancora deciso: i turisti che vogliono recarsi in Belgio quest’estate o i belgi che tornano dall’estero devono essere vaccinati completamente? O è sufficiente uno scatto? La conferenza ministeriale congiunta sulla sanità pubblica consentirà al comitato consultivo di sbarcare venerdì.

L’Unione Europea ha già emesso una serie di raccomandazioni sui viaggi in Europa all’inizio di questa settimana, ma sono i 27 Stati membri che decidono da soli chi può visitare questa estate e chi no. Se vuoi andare in Francia, sarà in termini francesi. Chiunque voglia entrare in Belgio deve farlo alle nostre condizioni. Con un test PCR effettuato nelle ultime 72 ore, puoi entrare ovunque all’interno dell’Unione Europea. Chiunque abbia già l’immunità perché ha già avuto il Covid negli ultimi mesi.

Leggi anche. Il dottor Stropants vuole cambiare la campagna di vaccinazione: “Lasciate che le persone scelgano quando farsi vaccinare, indipendentemente dall’età”[+)[+)

Quindi la domanda rimanente è cosa succede alla terza condizione: la vaccinazione. È sufficiente un’iniezione o devi essere completamente vaccinato? Il Ministero della Salute ne ha discusso mercoledì ed ha elencato tutti gli argomenti pro e contro. Ma i nove ministri non sono ancora riusciti a fornire un parere unanime al comitato consultivo.

Il comitato consultivo deve decidere

All’inizio della giornata, sembrava che la preferenza fosse per due siringhe, ma non c’erano consigli ufficiali in merito. I fautori della vaccinazione completa sottolineano che due iniezioni forniscono comunque una maggiore certezza. Anche i nostri vicini e molti altri Stati membri dell’UE – Germania, Francia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Spagna, Italia e Svizzera – sembrano puntare verso due obiettivi. Sarebbe strano se fosse l’unico paese che percorre una strada diversa. Il ministro federale Frank Vandenbroek (Forweet) ha già annunciato nei giorni scorsi di essere favorevole alla vaccinazione integrale.

READ  Medici che amputano una gamba in un ospedale austriaco | all'estero

Panoramica. Tutte le informazioni per ogni paese di vacanza: quali regole si applicano? Cosa è aperto? Devi essere in quarantena? (+)

Il ministro fiammingo del Welfare Wouter Beke (CD&V) ritiene che un colpo dovrebbe essere sufficiente.
Foto: BELGA

Ma il ministro fiammingo del Welfare Wauter Beck (CD&V) la vede diversamente. È per uno scatto, perché riguarda così tante persone. La condizione è che la prima vaccinazione sia stata completata tre settimane fa. A questo punto hai già molti anticorpi.

I ministri ora sottopongono tutti gli argomenti a favore e tutti gli argomenti contro al comitato consultivo. Dovrà decidere da solo venerdì. Venerdì bisognerà prendere una decisione anche sui test PCR e se si tratta dei belgi che tornano dall’estero e chi devono prendere appena prima di tornare all’estero o quando arrivano nel nostro paese.

Un altro file difficile

IMC non ha preso una decisione su altri due file. Si tratta di vaccinarsi per i 16-17 anni e la possibilità per chiunque abbia meno di 41 anni di ricevere volontariamente il vaccino Johnson & Johnson. Al momento, a causa del decesso nel nostro Paese, non esiste più una vaccinazione con questo vaccino. Inoltre, è ancora in attesa di nuovi pareri in materia da parte dell’Agenzia europea per i medicinali. In previsione di ciò, il Belgio ha introdotto un limite di età. Ma poiché i rischi sono così piccoli e la campagna di vaccinazione andrà più veloce, il ministro fiammingo del Welfare Sociale Wouter Beke (CD&V) vuole dare ai giovani l’opportunità di scegliere volontariamente Johnson & Johnson, di cui una dose è sufficiente.

Ma nessuna decisione è stata ancora presa su questi file. L’IMC si incontrerà di nuovo sabato prossimo.

READ  Regole di viaggio estremamente rigide per 27 paesi "ad alto rischio"