QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un complotto segreto per costringere papa Francesco a dimettersi: in Vaticano infuria la battaglia dopo la morte di Benedetto XVI

Georg Ganswein (a sinistra) è una figura chiave tra i conservatori all’interno del Vaticano. ©AP

Proprio mentre le memorie del principe Harry stanno scuotendo il Regno Unito, la Città del Vaticano attende con impazienza la pubblicazione del libro di un arcivescovo tedesco. L’uomo è in cerca di vendetta dopo la morte di Benedetto XVI, quindi il libro fa parte di un complotto per far abdicare il Papa. Lo scrivono, tra l’altro, i media italiani. “È invisibile. Le voci girano a pieno ritmo”, dice Tom Zwinpoel, un esperto del Vaticano.

Sofia Geosens

I piccioni contro falco. Non è un concorso per gli amanti degli uccelli, ma piuttosto una lotta interna all’interno della Chiesa cattolica da anni. I piccioni sono conservatori – sostenitori del defunto Papa Benedetto XVI. I progressisti sono chiamati “falchi” all’interno del Vaticano. E tra queste due ali ci sono tensioni da tempo. Ma a causa della morte di Benedetto, quella battaglia ha infuriato più feroce che mai negli ultimi giorni.

“Da quando papa Francesco è entrato in carica nel 2013, gli ultraconservatori hanno usato tattiche potenzialmente destabilizzanti”, ha detto l’esperto vaticano Tom Zwinpoel, che ha pubblicato il libro a metà febbraio. controcorrente A proposito di Papa Francesco. “Ad esempio, hanno messo in giro la voce che papa Francesco avesse un tumore al cervello, quindi non dovremmo prestare troppa attenzione a quello che ha detto. Ma hanno anche affisso a Roma manifesti antipapali o hanno affermato che c’è stato un errore di voto per eleggere Francesco, hanno cercato di minare la credibilità del Papa anni fa. Secondo fonti informate, l’arcivescovo tedesco Georg Genswing, 66 anni, è una figura chiave in quella storia di vandalismo.

Leggi anche. Benedetto XVI: Troppi studiosi, non abbastanza ruspa

(Leggi di più sotto l’immagine)

Papa Emerito Benedetto XVI è deceduto il 31 dicembre 2022. © tramite Reuters

disoccupato

Il tedesco era stato segretario particolare del precedente papa Benedetto e lo aveva nominato anche prefetto della casa pontificia. Cioè, ha specificato chi era autorizzato a visitare il Papa. Quando Benedetto si è dimesso, Ganswein è rimasto il suo segretario privato e amministratore sotto papa Francesco. “Durante il giorno sedeva con Francesco e la sera con Benedetto. Pochi in Vaticano pensavano che fosse una buona cosa”, dice Zwinpoel.

Leggi anche. Perché il Papa è stato sepolto in tre bare?

Franciscus e Ganswein avevano visioni diverse e il loro rapporto professionale non andava d’accordo, quindi il loro rapporto professionale è durato fino al 2020. Le cose sono andate male quando il papa emerito Benedetto ha scritto un contributo a un libro di un cardinale della Guinea. In esso, Francis è stato criticato indirettamente. Gänswein ha provato a raccogliere i pezzi, ma non ci è riuscito. Francesco lo ha cacciato. Formalmente gli fu permesso di mantenere il titolo di governatore, ma in realtà era senza lavoro. “Per Gänswein, che era molto stimato in Vaticano, questo significava perdere la faccia”.

(Leggi di più sotto l’immagine)

Il Papa emerito Benedetto XVI (a sinistra) e il suo segretario privato Georg Ganswein (a destra). ©Reuters

Appendi i panni sporchi fuori

Ora Ganswein cerca vendetta. “Anche prima della sepoltura di Benedetto, giovedì scorso, ha rilasciato uno tsunami di interviste in cui ha attaccato Francesco. Ora sta per pubblicare un libro”, dice Zwinpoel. “Puoi paragonarlo un po’ al principe Harry della Gran Bretagna: sta per mandare in onda i panni sporchi del Vaticano. Quindi ora ci sono enormi tensioni su cosa ci sarà in quel libro. Gänswein non deve più trattenere nessuno, e chiaramente vuole trattare con il Papa”.

Quindi la pressione su Francis perché si dimetta sta crescendo. Si sapeva da tempo che non voleva rimanere papa fino alla morte e voleva anche andare in pensione. Finora questo è stato difficile in quanto Papain Emeritus non è uno scenario ideale. “Data la prestazione senza precedenti di Gänswein, le voci girano a pieno regime e la gente si chiede se anche Francesco si dimetterà ora”, afferma l’esperto del Vaticano. “Ma non credo che lo farà presto. Ha ancora un grande obiettivo davanti a sé e ha anche in programma di viaggiare. Quindi la domanda è fino a che punto Gänswein riuscirà a raggiungere il suo obiettivo?”

Leggi anche. Quanto è importante Joseph Ratzinger nel ruolo di Papa? “Era un personaggio con più di una faccia”.

Georg Ganswein (a sinistra) e Papa Francesco (a destra). ©Reuters

READ  Vittoria simbolica per l'Ucraina: un villaggio di Luhansk ripreso dai russi