QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Attivista per il clima bloccato sul pavimento dallo showroom Volkswagen all’ospedale con la mano gonfia, la polizia interrompe il lavoro

Il lavoro sul clima svolto dal gruppo di scienziati chiamato “Scientists’ Rebellion” presso lo showroom Porsche nella città tedesca di Wolfsburg si è concluso dopo 42 ore di occupazione dopo un raid della polizia. Per uno dei partecipanti, la procedura era già finita poche ore prima. Gianluca Grimalda, sociologo di un istituto di ricerca di Kiel, è stato portato in ospedale venerdì mattina con una mano gonfia che era rimasta bloccata insieme per esattamente 24 ore.

Da mercoledì nove membri della “Scientist Rebellion” hanno occupato lo showroom di Autostadt presso lo stabilimento tedesco della Volkswagen. Gli attivisti si sono bloccati a terra attorno ad alcune auto Porsche costose e inquinanti per evidenziare gli effetti negativi delle emissioni di anidride carbonica nel settore automobilistico.

I manifestanti, tutti scienziati, prendono di mira la Volkswagen perché è il più grande attore e quindi un inquinatore del mercato europeo. Volevano interrompere il loro lavoro solo se il governo avesse rispettato le loro richieste: un limite di velocità sulle autostrade tedesche e trasporti pubblici più economici. Secondo loro, la stessa Volkswagen dovrebbe fare di più per decarbonizzare il settore dei trasporti. Alcuni attivisti rafforzano il loro attivismo con gli scioperi della fame.

Ecco il contenuto elencato da una rete di social media che vuoi scrivere o leggere i cookie. Non hai dato il permesso per questo.

il lavoro è fermo

I manifestanti sono entrati nella loro seconda notte giovedì, in condizioni completamente scomode. Secondo loro, la casa automobilistica sostiene il loro diritto a protestare, ma la prima notte tutte le luci dello showroom sono state spente e il riscaldamento è stato spento. Le guardie di sicurezza sarebbero arrivate a orari casuali durante la notte con le torce puntate contro di loro. Trovano anche inaccettabile che la Volkswagen non abbia risposto alla loro richiesta di una ciotola, “per far funzionare decentemente le nostre articolazioni mentre siamo incollati”. Su Twitter ha scritto Gianluca Grimalda, sociologo del Kiel Research Institute coinvolto nella campagna.

Grimalda ha detto che gli attivisti in lotta hanno ricevuto il sostegno di altri sei membri della ribellione degli Ulama, ma non possono entrare per fornire cibo o altri aiuti ai loro compagni d’armi. “Non possiamo ordinare il nostro cibo e dobbiamo mangiare quello che ci offre la Volkswagen”, continua Grimalda.

Ecco il contenuto elencato da una rete di social media che vuoi scrivere o leggere i cookie. Non hai dato il permesso per questo.

Ma venerdì pomeriggio, 42 ore dopo l’inizio dell’operazione, la polizia tedesca ha pensato che fosse sufficiente e ha interrotto l’operazione. “Quindici studiosi e i loro sostenitori sono stati arrestati”, ha scritto Grimalda. Lo scopo del loro lavoro non è stato raggiunto. “Abbiamo chiesto all’amministratore delegato della Volkswagen di venire ad ascoltare le nostre richieste di decarbonizzare il settore dei trasporti, ma invece è stata inviata la polizia”.

Ecco il contenuto elencato da una rete di social media che vuoi scrivere o leggere i cookie. Non hai dato il permesso per questo.

“Il dolore non è niente in confronto alla sofferenza del popolo africano”

Ma lo stesso Grimalda è stato il primo a interrompere l’evento venerdì mattina presto. In un videomessaggio su Twitter pubblicato venerdì mattina, ha affermato di essere stato costretto a interrompere la procedura per motivi medici. “La mia mano sinistra è gonfia dopo essere stata incollata per 24 ore e dopo il mio sciopero della fame di 26 ore. Questo è molto doloroso”. Grimalda dice di aver dormito molto giovedì notte e di doversi svegliare ogni due ore perché il dolore al braccio era insopportabile.

READ  I rifugiati in Bielorussia attraversano il confine polacco

“Dopo solo tre richieste, la Volkswagen ha permesso ai medici di venire per una visita medica”. Grimalda ha detto che era in una situazione pericolosa per la vita perché c’era il pericolo che i coaguli di sangue si accumulassero nella sua mano. “Mi dispiace di aver dovuto interrompere il lavoro, ma non volevo rischiare la vita per questa protesta. Forse sono andato troppo oltre e avrei dovuto separarmi dalla Terra prima. Ma il mio dolore non è nulla in confronto alla sofferenza di le persone in Africa o altrove.” coloro che soffrono gli effetti del cambiamento climatico.

Ecco il contenuto elencato da una rete di social media che vuoi scrivere o leggere i cookie. Non hai dato il permesso per questo.