QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I russi portano grano ucraino ad Assad, amico di Putin, in Siria

Un funzionario dei trasporti russo indica con orgoglio gli ingorghi di camion in attesa sulle strade ucraine ai posti di blocco che portano alla Crimea. “Circa sette chilometri”, dice Anatoly Tsorkin, nominato dal Cremlino coordinatore dei trasporti nei territori occupati. “I posti di blocco sono progettati per contenere un massimo di cento camion al giorno, ma ne arrivano quattrocento ogni giorno!” Quindi mostra le immagini degli scavatori e dei muratori che allargano la strada e allestiscono ulteriori stazioni di ispezione.

I camion assomigliano un po’ ai camion del film Duro a morire con la vendetta Uscì dalla New York Central Bank con tonnellate d’oro, solo per essere fermato da Bruce Willis. Ora c’è un’altra cosa preziosa: il grano, rubato dai magazzini dell’Ucraina. Le immagini, supportate dalle immagini satellitari e dalle informazioni GPS delle navi su cui è stato caricato il grano, dimostrano che le voci circolate in precedenza sono vere: i russi stanno navigando con la bandiera gialla ucraina.

Le immagini satellitari mostrano le navi russe che attraccano a Latakia, in Siria

Le immagini, tratte dai social, sono state pubblicate martedì da Radio Free Europe nell’ambito di un’indagine sul furto di grano. Si scopre che la destinazione delle navi è la Siria di Bashar al-Assad, amico intimo di Putin in Medio Oriente. Sebbene le navi indicassero i porti del Libano e della Turchia come destinazione finale, i loro trasmettitori furono spenti nei giorni cruciali di maggio e per breve tempo invisibili. Le immagini satellitari mostrano che stanno ormeggiando nel porto di Latakia, nel nord della Siria.

Questa operazione è un altro passo ironico nella crisi del grano, una delle maggiori interruzioni del commercio mondiale causate dai russi con l’invasione dell’Ucraina. Mentre i russi impediscono l’esportazione di grano ucraino con la loro flotta nel Mar Nero, ora stanno usando i porti ucraini occupati per portare grano rubato al loro alleato. Il prezzo che ottengono per esso è anche una volta e mezza più alto di quello che era prima della guerra, grazie alle rarità che loro stessi realizzavano.

Le navi spengono i loro trasmettitori, ma vengono individuate tramite immagini satellitari

Se guardi i siti Web in cui le navi possono essere tracciate sulla base del loro trasmettitore GPS, vedrai, ad esempio, la nave portarinfuse Sailor Pozynitch attraccata a Sebastopoli, il porto principale della Crimea, all’inizio di maggio. Le immagini satellitari di Radio Free Europe mostrano la nave attraccata alla stazione di grano di Avlita. Poche settimane dopo, il marinaio Bozynich apparve di nuovo su un molo a Latakia.

Non è solo. Nel Mediterraneo vanno e vengono le navi mercantili russe e siriane, che disattivano i loro trasmettitori ma vengono individuate dalle immagini satellitari vicino al porto siriano. Insieme, trasportano diverse centinaia di migliaia di tonnellate di grano in Siria.

La Siria può fare buon uso del grano: secondo le Nazioni Unite, il 60 per cento della popolazione sta morendo di fame. Di solito, il grano ucraino è destinato ai paesi africani come la Somalia, dove anche le persone soffrono la fame. Di conseguenza, la guerra in Ucraina appare non solo come fonte di scarsità, ma anche di ridistribuzione.

L’Unione Europea definisce il blocco dei porti russi un crimine di guerra

Il capo degli affari esteri dell’Unione europea, Josep Borrell, lunedì ha descritto il blocco dei porti ucraini e la conseguente fame come un “crimine di guerra”. L’Ucraina sta facendo del suo meglio per esportare grano via terra, ma non in grandi quantità. Circa 20 milioni di tonnellate stanno ancora aspettando nei silos. Se non si placa in tempo, il raccolto della prossima estate non avrà nessun posto dove andare.

Secondo la Russia, la stessa Ucraina è colpevole di aver chiuso i suoi porti perché ha piazzato mine per la difesa. Tuttavia, l’Ucraina non osa rimuovere quelle mine senza garanzie e protezione da parte della comunità internazionale. Venerdì, il ministro dell’Economia ucraino Yulia Sviridenko in un incontro a Rotterdam ha chiesto una scorta armata di convogli da e per Odessa, il principale porto di grano del suo paese.

READ  Il ministro dell'Integrazione austriaco ingoia le critiche per la sua "mappa dell'Islam politico" | all'estero