QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Progressi”, ma ancora nessun accordo tra governo e Inge per estendere Doel 4 e Tihange 3

Dopo un’intera giornata di intensi negoziati con Inge, il primo ministro Alexandre de Croo ha annunciato che non è stato ancora raggiunto alcun accordo sull’estensione dei reattori Doel 4 e Tihange 3. Sono stati compiuti “progressi sostanziali” su “una serie di punti cruciali”. , ma era necessario più tempo.

Già sabato mattina si era sentito dire che le cose andavano per il verso giusto e che erano stati compiuti “buoni progressi”. Per questo motivo si è deciso di riunirsi l’ultimo giorno dell’anno con l’intenzione di raggiungere un accordo. Così il primo ministro Alexander de Croo (Open VLD) e il ministro dell’Energia Tinne Van der Straeten hanno fatto tutto il possibile per rispettare la scadenza autoimposta entro la fine dell’anno e per raggiungere un accordo in modo che le due centrali nucleari più piccole, dopo la manutenzione , potrebbe rimanere aperto per i giorni 10. Anni.

Verso le 18:00 è diventato chiaro che questo non era più possibile. Il premier De Croo ha diffuso un comunicato stampa annunciando che negli ultimi giorni sono stati compiuti molti progressi su alcuni punti cruciali. Entrambe le parti ne sono contente. Tuttavia, è necessario più tempo per raggiungere un accordo che soddisfi pienamente entrambe le parti. Pertanto, il Governo Federale ed Engi hanno deciso di proseguire le consultazioni nei prossimi giorni. L’obiettivo resta quello di raggiungere in tempi brevi un accordo che allungherebbe di 10 anni la vita dei reattori Doel 4 e Tihange 3.

A luglio era già in essere un accordo preliminare, che la stessa Inge ha definito non vincolante. Questo è stato il primo passo in cui Inge è stata trascinata in una trappola, ma è stato un passo insufficiente per obbligare il colosso energetico francese a compiere i passi che devono già essere compiuti per rendere possibile questa estensione.

READ  Un pacchetto di sigarette costerà 25 centesimi in più | Notizie su Instagram VTM

La luce rimarrà accesa dopo il 2026?

L’accordo in corso di elaborazione dovrebbe rendere questo impegno un passo più vincolante e soprattutto deve garantire che Engie e l’agenzia di monitoraggio nucleare Fanc inizino i preparativi per Doel 4 e Tihange 3 il prima possibile dopo le vacanze di Natale. Si apre oltre dieci anni dall’anno 2026. Perché c’è ancora un lungo processo prima della proroga. Ecco perché è essenziale che si raggiunga rapidamente un accordo, anche se in realtà non è successo un giorno in più o in meno. “Non è che le luci si spengano se non c’è accordo stasera”, anche la scadenza è stata fissata con fermezza dal punto di vista di Vivaldi.

“Le linee si stanno muovendo. Ma è particolarmente importante ora che c’è un buon accordo. Anche se per questo devi stare con due”, dice un altro vice primo ministro. La scadenza del nuovo anno è essenzialmente una scadenza politica autoimposta da de Croo. Ma se l’accordo non viene raggiunto fino alla prossima settimana, c’è ancora un uomo in mare. Il Parlamento è ancora nella pausa natalizia, quindi il presidente del Consiglio non dovrà immediatamente raccogliere la sfida se l’accordo verrà finalizzato un po’ più tardi.

Deposito di scorie nucleari

Questi negoziati sono costruttivi ma difficili. “With Ups and Downs” può ancora essere ascoltato venerdì sera. Altrove è stato detto che si stanno facendo progressi “millimetro per millimetro”. Il primo ministro e il ministro dell’Energia Tini van der Straeten posano insieme Con il gabinetto dei capi squadra principali. Diversi team artistici ruotano attorno ad esso. I documenti vengono inviati avanti e indietro. Le trattative vengono solitamente condotte fisicamente, ma anche per telefono o videochiamata se l’amministratore delegato di Angie Catherine McGregor è coinvolta nei colloqui.

READ  Prima banca ad aumentare gli interessi di risparmio: potrebbe finalmente essere qualcosa di più? † i soldi

Quindi è una trattativa molto complicata. Innanzitutto, ci si attende maggiore chiarezza sulla distribuzione dei benefici e degli oneri della proroga. In estate è stato concordato che le centrali nucleari più piccole sarebbero state messe in una società separata, metà della quale sarebbe stata di proprietà di Engi e del governo. La gestione quotidiana di questo rimane nelle mani di Inge. Questi negoziati dovrebbero, ad esempio, fare più luce su quanto il governo deve contribuire all’azienda per ottenere la metà delle centrali nucleari e come saranno esattamente ripartiti i costi di smaltimento dei rifiuti derivanti dalla sovvenzione.

Inoltre, la domanda principale rimane quanti soldi dovrebbe stanziare Angie per sbarazzarsi dei rifiuti del passato. Angie vuole un conto massimo. Ma non è facile registrarlo finché non è chiaro come e dove verranno smaltite le scorie nucleari. È già chiaro che si tratterà di un accordo con molte questioni in sospeso, ma con regole sufficienti per risolverle in modo da poter compiere i primi passi effettivi verso un’estensione.